20) ‘ARTPOP’: un album incompreso?

artpop

Il 6 Novembre 2013 è stato pubblicato ‘ARTPOP’, l’attesissimo quarto album di Lady Gaga, dal quale sono stati estratti i singoli ‘Applause’, ‘Do What U Want’ e ‘G.U.Y.’ che, complessivamente, non hanno ottenuto riscontri paragonabili ai singoli del passato della cantante. Alla produzione, oltre a Gaga, DJ White Shadow, Zedd e RedOne.

La copertina è creata dallo scultore statunitense Jeff Koons e raffigura Lady Gaga completamente nuda con un’enorme palla blu a coprirle le parti intime e sullo sfondo ritagli del quadro “La Nascita di Venere” di Botticelli, alternate ad immagini in bianco e nero della scultura “Apollo e Dafne” dell’artista Gian Lorenzo Bernini. L’artwork ha ricevuto il premio come Miglior album cover del 2013 dalla stazione radio inglese Capital FM.

La sua pubblicazione fu anticipata dalla ARTPOP app, applicazione per smartphone che combinando musica, arte, moda e tecnologia è nata appositamente per la promozione del disco. Altre iniziative intraprese per la promozione dell’album furono:

  • la partecipazione all’iTunes Festival di Londra il 1° Settembre 2013, dove Lady Gaga si esibì per la prima volta con sette brani tratti dal nuovo album
  • l’artRAVE, un evento organizzato il giorno dell’uscita del disco, trasmesso in tutto il mondo su Vevo, dove oltre ad un vero e proprio concerto per presentare le tracce di ‘ARTPOP’, ci fu l’esposizione delle opere di Jeff Koons (creatore della copertina dell’album e della scultura di Lady Gaga), Inez & Vindooh (registi del video di ‘Applause’) e dell’artista serba Marina Abramovich, che insieme ai primi due ha ispirato Gaga durante il processo creativo dell’album.
lady gaga scultura jeff koons
La scultura di Lady Gaga creata dall’artista Jeff Koons per ‘ARTPOP’

Questo disco aveva un’ambizione forse troppo grande che, molto probabilmente, ha giocato un ruolo fondamentale nel suo scarso successo commerciale. Lady Gaga ha dichiarato più volte che con questo album voleva “portare l’arte nella cultura Pop” e che sarebbe stato “il disco del millennio”, affermazioni un po’ troppo presuntuose, che hanno fatto storcere il naso sia agli addetti ai lavori che al pubblico, collocando il disco sotto un’aura negativa ancor prima della sua uscita. E’ indubbio che queste esternazioni fossero dettate dall’euforia e dall’orgoglio che Gaga provava nei confronti della sua nuova creatura, ma quando sei un personaggio così esposto e seguito devi stare molto attento a quello che dici, perchè vieni preso alla lettera. Difatti, dopo queste dichiarazioni, l’attesa per ‘ARTPOP’, che già era altissima, si fece di proporzioni bibliche, non si parlava d’altro e tutti attendevano con ansia di poter ascoltare “l’album che avrebbe riscritto la storia della musica Pop” e che doveva essere così stupefacente.

‘ARTPOP’ è indubbiamente un buon album ed è davvero un peccato che non sia stato compreso e non abbia ottenuto il successo che meritava, ma di certo non era “il disco del millennio” e per questo ha deluso le aspettative di pubblico e critica, che l’ha ascoltato tenendo a mente quelle affermazioni, non riuscendo di conseguenza ad apprezzarlo con obiettività.

Se il pubblico si è “limitato” a snobbare il disco e non acquistarlo, la critica ed i media ci sono andati giù pesante, attuando una vera e propria “propaganda al massacro” che ha senza dubbio avuto un peso importante nel fallimento commerciale di ‘ARTPOP’ e che, nonostante tutto, né l’album né Lady Gaga si meritavano:

  • “La cantante suona lontana, assente. I brani sono orecchiabili, ma triti e ritriti. Non lascia il segno, è evidente che non ha più niente da dire.”
  • “Nel suo genere è di qualità, ma è specifico per i fan di Lady Gaga e non per ascoltatori estranei al suo mondo.”
  • “C’è sicuramente del buon pop in ARTPOP, ma la parte ‘arte’ è piuttosto difficile da trovare.”
  • “Favolosità e temerarietà sono innegabilmente spietate, ma questo non vuol dire che il disco sia automaticamente sorprendente.”
  • “Concettualmente, formalmente e contenutisticamente è confusionario e per quanto la procedura di fare un album provandole tutte è generalmente coraggiosa e in un certo senso sorprendente, questo perde colpi quando le canzoni in esso contenute non sono sufficientemente buone per giustificare la sua confusione.”

I risultati commerciali di ‘ARTPOP’ sono davvero scarsi e deludenti, se li compariamo con quelli da capogiro raggiunti dai suoi album precedenti: #1 in 7 paesi, 11 dischi d’oro e 5 dischi di platino. Nel 2013 vende quella che per una come Lady Gaga è una cifra a dir poco imbarazzante: 2 milioni 300 mila copie. L’unica soddisfazione in termini di vendite ottenuta da quest’album arriva dal Giappone, paese dove ha avuto un grandissimo successo, aggiudicandosi anche un Japan Gold Disc Award per il Miglior Album Internazionale.

Oltre ai tre singoli ufficiali, dal disco vennero estratti tre singoli promozionali:

  • ‘Aura’

Colonna sonora del film ‘Machete Kills’ diretto da Robert Rodriguez (pupillo di Quentin Tarantino), nel quale Lady Gaga recita per la primissima volta, anche se in un ruolo secondario.

  • ‘Venus’

Stralunata, pazza, frizzante, divertente, rispecchia a pieno lo spirito dell’album. Scelta inizialmente da Gaga come secondo singolo ufficiale (cosa che mi avrebbe reso molto felice), venne poi sostituita da ‘Do What U Want’.

  • ‘Dope’

Struggente e potentissima ballad, dove Gaga confessa di esser stata dipendente dalle droghe, un po’ per alleviare il dolore fisico, un po’ quello psicologico, durante la convalescenza dopo l’intervento chirurgico all’anca.

Questi singoli promozionali, insieme alle tracce che vi segnaliamo di seguito, provano quanto ‘ARTPOP’ sia stato incompreso e sottovalutato.

  • ‘Donatella’

Indubbiamente kitsch, ma spassosissima dedica alla stilista Donatella Versace, alla quale Gaga è legata da una forte amicizia.

https://youtu.be/X4KwzLdb8Yo

  • ‘Gypsy’

Per quanto mi riguarda, il miglior brano dell’album, con un testo che mette i brividi. Sono convinto che se fosse stata estratta come singolo avrebbe avuto un gran successo. Straordinariamente bella.

https://youtu.be/hHKXFXXUe-A

 

21) ‘Cheek to Cheek’: la rinascita di Lady Gaga

cheek to cheek

Lady Gaga ed il crooner americano Tony Bennett collaborarono per la prima volta nel 2011, nel brano ‘The Lady is a Tramp’ (incluso nell’album ‘Duets II’), che ebbe un buon riscontro di pubblico e critica.

In seguito a questa fortunata collaborazione, Gaga, vista la situazione non proprio rosea della sua carriera (dopo il flop della sua ultima fatica discografica ‘ARTPOP’), propone al cantante swing di incidere un intero album insieme per rilanciare la sua immagine. Il 19 Settembre 2014 viene pubblicato ‘Cheek to Cheek’, disco contenente 11 classici jazz rivisitati dai due interpreti. Dal progetto vengono estratti due singoli ufficiali ed uno promozionale:

  • ‘Anything Goes’

  • ‘I Can’t Give You Anything But Love’

  • ‘It Don’t Mean a Thing (If I Ain’t Got That Swing)’

Il disco funziona, riceve solo ottime recensioni da parte della critica e raggiunge dei risultati di vendita più che soddisfacenti (visto il genere poco commerciale), vince un Grammy nella categoria Best Pop Traditional Vocal Album e dá il via ad un tour che li vedrà impegnati in 36 tappe, 28 americane e 8 europee (una delle quali anche in Italia, all’Umbria Jazz Festival 2015), tutte sold-out.

Di seguito la sublime performance di Lady Gaga del celebre brano ‘Bang Bang (My Baby Shot Me Down)’ di Cher, in una tappa del ‘Cheek to Cheek LIVE!’.

La strategia adottata da Gaga si è rivelata quindi intelligente: questa collaborazione ha fatto sí che la sua immagine ed il suo personaggio tornassero vincenti agli occhi del pubblico ed ha inoltre mostrato al mondo un’artista che prima non conoscevano, capace di avere successo anche se privata di tutti i “fronzoli” e gli eccessi del personaggio Lady Gaga, ma solo ed esclusivamente attraverso il suo (enorme) talento.

 

22) American Horror Story Hotel: il (premiato) debutto da attrice di Lady Gaga

AHSH

Il 25 Febbraio 2015, con un inaspettato video sui suoi canali social, Lady Gaga annuncia il suo debutto da attrice nel quinto capitolo della seguitissima serie antologica ‘American Horror Story: Hotel’, creata dal genio creativo di Ryan Murphy (da sempre fan di Gaga) e Brad Falchuk, già creatori di serie TV cult come ‘Nip/Tuck’ e ‘Glee’.

Nello show, che verrà trasmesso dal 7 Ottobre dello stesso anno sul canale americano FX, Gaga interpreta il ruolo (che le calza a pennello) de “La Contessa”, donna lussuriosa ed assetata di sangue, proprietaria del macabro Hotel Cortez, dove convivono svariati personaggi poco raccomandabili e si susseguono una serie di sinistri e terrificanti eventi.

https://youtu.be/nLiobn9RyFs

La sua partecipazione è un successo: convince, appassiona e stupisce tutti, tanto da aggiudicarsi un Golden Globe come Miglior Attrice in una serie televisiva. Incoraggiata da questo importantissimo riconoscimento (ottenuto, tra l’altro, alla sua prima, vera prova da attrice), Gaga ha recentemente confermato la sua partecipazione anche nella prossima stagione.

 

23) ‘Til It Happens to You’: un brano socialmente impegnato (e con una scioccante rivelazione)

til it happens to you

Il 18 Settembre 2015 viene pubblicata ‘Til It Happens to You’, toccante colonna sonora del docu-film The Hunting Ground, che parla dell’attuale tema degli abusi sessuali subiti dalle donne nei campus universitari americani. Di forte impatto emotivo lo slogan che accompagna il lungometraggio:

“Una donna su cinque verrà aggredita sessualmente quest’anno nei campus universitari americani, a meno che non cambi qualcosa.”

Il brano è scritto e prodotto con la nota compositrice statunitense Diane Warren ed in seguito alla sua pubblicazione Lady Gaga fece una scioccante rivelazione, quella di aver subito lei stessa un abuso sessuale all’età di 19 anni, motivo per il quale ha deciso di prendere parte a questo progetto, sentendosi coinvolta in prima persona dalle tematiche affrontate, con l’intenzione di spronare le vittime di stupro a denunciare i loro aggressori e di sensibilizzare il pubblico sulla questione.

La ballad è un crescendo di emozioni, caratterizzata da una base classica ed orchestrale, fatta di archi, violini e pianoforte e questi sentimenti vengono amplificati dal testo, dove Gaga dice: «Tu mi dici che andrà meglio col tempo. Tu dici che mi rimetterò in sesto, che starò bene. Ma dimmi, tu che diavolo ne sai? Come diavolo puoi saperlo? Finché non succede a te, tu non sai come ci si sente.»

Per non spostare l’attenzione dall’argomento, Gaga decide di non apparire nel video, che sarà così montato con delle (agghiaccianti) scene di stupro.

Acclamato da pubblico e critica, il brano riceve una nomination ai Grammy e una agli Oscar per la Miglior Colonna Sonora.

 

24) Partecipazioni ad importanti eventi recenti

Nell’ultimo capitolo della nostra biografia di Lady Gaga rivedremo insieme alcuni importanti eventi recenti ai quali l’artista ha partecipato e dove si è resa assoluta protagonista.

  • Il 6 Dicembre 2015 Lady Gaga viene invitata all’evento organizzato dall’Academy dei Grammy “Sinatra 100”, per celebrare i 100 anni che l’Icona dello swing e del jazz Frank Sinatra avrebbe compiuto se fosse ancora in vita. In questo tributo Lady Gaga propone un classico del genere, la celeberrima ‘New York, New York’, ricevendo una standing ovation.

  • L’11 dicembre 2015 la bibbia musicale americana Billboard consegna a Lady Gaga l’onorificenza del titolo di Woman of the year durante l’evento “Billboard’s Women in Music”, cerimonia nella quale sono state premiate personalità femminili che nella loro carriera si sono particolarmente distinte nel sociale attraverso la musica.

woman of the year

Davvero emozionante il discorso di accettazione tenuto da Lady Gaga:

«Devo ringraziare anche chi non ha creduto in me, probabilmente sono stati più di quelli che l’hanno fatto. Voi avete acceso questo fuoco dentro che mi ha resa così forte ed io non vedevo l’ora di provarvi che vi sbagliavate. Perché non sarò capace di fare molte cose, ma so scrivere canzoni e so cantare.»

  • Il 22 febbario 2015 Lady Gaga è ospite d’onore alla cerimonia degli Oscar, invitata dall’Academy per rendere omaggio alla leggendaria e pluripremiata attrice e cantante inglese Julie Andrews, protagonista di film e musical che hanno fatto la storia del cinema e della cultura Pop, come ‘Mary Poppins’‘Tutti Insieme Appassionatamente’. Il meraviglioso e riuscitissimo tributo è un grande successo: Lady Gaga riceve un’altra standing ovation.

https://youtu.be/X-tkWrjdRKU

  • Il 12 giugno 2015 Lady Gaga si è recata a Baku, in Azerbaigian, dove ha proposto un’emozionante esibizione del brano ‘Imagine’ di John Lennon, in occasione della cerimonia d’apertura della prima edizione dei Giochi Olimpici Europei.

  • Il 7 Febbraio 2016 viene affidato a Lady Gaga l’onore di cantare l’inno nazionale americano durante l’apertura della cinquantesima edizione del Superbowl, la manifestazione sportiva più seguita negli Stati Uniti. L’esibizione è stata il momento più visto dell’intero evento, con un totale di 110 milioni 200 mila telespettatori, diventando l’inno nazionale più visto di sempre nella storia del Superbowl.

  • Il 15 Febbraio 2016 l’Academy dei Grammy invita ancora una volta Lady Gaga ad occuparsi di un importante tributo, quello all’Icona del Pop mondiale David Bowie (per il quale l’artista ha sempre espresso profonda stima e ammirazione e al quale si è ispirata più volte nel corso della sua carriera), da poco scomparso. L’esibizione, creata dalla cantante in collaborazione con la multinazionale informatica Intel, che si è occupata degli effetti visivi, ha ricevuto riscontri entusiasti da parte di pubblico e critica, ma non è piaciuta al figlio di Bowie, che con un tweet si è espresso negativamente sia sul tributo che su Gaga.

https://youtu.be/3aw_sZvauCw

 

– FINE –

Siamo arrivati al termine di questa nostra “biografia celebrativa” di Lady Gaga in occasione del suo trentesimo compleanno. Abbiamo ripercorso insieme, nel dettaglio, tutte le tappe della sua carriera, analizzando i suoi incredibili successi, ma anche i suoi fallimenti, in un viaggio che ci ha coinvolto ed emozionato e ci ha fatto capire di avere a che fare con una indiscutibile Icona della musica e dello spettacolo, dotata di una grandissima voce, oltre ad un rarissimo, enorme talento come compositrice, molto probabilmente la più grande entertainer dell’ultimo decennio.

Così come in tantissimi avete fatto con il volume precedente (se ve lo siete persi, trovate il link all’inizio dell’articolo), commentate e condividete anche questo volume 2, fateci sapere cosa ne pensate!

  • Antonio Volpicelli

    Lady Gaga è un artista con una creatività mai vista prima, sono pochi gli artisti che sono capaci di avere una creatività simile, la sua carriera è stata un successo assurdo, ARTPOP è stato un grande album semplicemente gestito male, e sono sicurissimo che nel prossimo album riconfermerà di essere la regina indiscussa.

  • loose_92

    Ci sta tutto l’articolo, molto impegnativo e quindi complimenti.
    Però ancora con sta cagata che ha definito ARTPOP come al’bum del millennio??L’ha definito anche album della galassia si stava PALESEMENTE prendendo in giro da sola per aver definito Born This Way album del decennio, segno di aver imparato dai suoi errori.

  • Fighter

    che carrierona lol

  • Gin

    l’era BTW è stata qualcosa di eccezionale che rimarrà nella storia del pop!

  • MATERIAL BOY

    Ancora con sta biografia sulla nasona piu famosa della musica,manco fosse la regina elisabetta.

  • Marco

    Complimenti per l’articolo! Per me Born This Way fu un album spettacolare, ricordo che rimasi senza parole mentre e dopo averlo ascoltato, ma penso che purtroppo i segnali di cedimento commerciali siano partiti proprio da quel cd che secondo me non è stato capito abbastanza.. 7 milioni di copie sono tante ma per me avrebbe dovuto venderne il doppio.. idem ARTPOP, che resta un bel disco pop gestito in maniera a dir poco pessima.. Non vedo l’ora per il nuovo album, spero possa riscattarsi.
    PS gradirei un articolo sulla performance di Kesha al Coachella se possibile :)

    • BTW ha superato gli 8 milioni :)

      • Gin

        secondo mediatraffic è a 6,5 milioni :)

  • bionic_littllemonster

    Articolo molto interessante,per quanto riguarda Born this way lo adoro,l’unica cosa che le rimprovero è per la scelta dell’ultimo singolo che secondo me non è uno dei migliori dell’album,anzi c’erano altre tracce che meritavano di essere singoli:Government Hoocker,Bloody Mary,Eletric Chapel ecc. Per quanto riguarda la faida con Madonna gli attacchi tra fan base ormai non ci sono più (tranne in qualche sito con troll),la mia reazione invece è molto negativa per quanto riguarda ARTPOP,ovvero l’album che io amo/odio,ARTPOP non è un album sottovaluto,nel 2013 il genere dance tramonta e diventa di moda l’urban (per questo Do what u want ebbe molto successo),il problema è che (scusate se sono pesante) ARTPOP è semplicemente fuori moda,non adatto,era stato descritto in maniera mitica,arte e pop insieme mi aspettavo qualcosa alla Back to basics,qualcosa alla Lana del rey,insomma un vero capolavoro,poi invece ascolto quest’album in cui io avevo aspettative grandissime e mi accorgo che la grande opera d’arte in realtà non è altro che una raccolta di scarti di Born this way,applause la trovo molto “sempliciotta” non adatta ad essere il primo singolo,detto questo ARTPOP è pure un buon album,ma non rispetta assolutamente l’hype e le promesse fatte,sono molto d’accordo per quanto riguarda il video di DWUW se fosse uscito non sarebbe stato un flop l’album,invece non mi piace il video di G.U.Y. Che tutti hanno considerato come un ritorno ai video eccentrici ma che a me non è piaciuto molto…soprattutto per il fatto che si sia rimessa la parrucca bianca alla Poker face..anche se mi dispiace tantissimo perché i media l’hanno distrutta senza pietà i suoi amici e collaboratori l’hanno abbandonata lei era rimasta completamente sola, ricordo che per un breve periodo lasciò pure il fidanzato…dopo ARTPOP per fortuna si è ripresa e adesso sta decisamente meglio non è più depressa e non si Auto celebra…io adoro Lady Gaga e se la critico è perché in fondo so che rispetto alle altre lei sa dare molto di più,se solo si impegnasse batterebbe le sue colleghe,infine i veri fan devono anche criticare i loro idoli non dire che ogni cosa che fa è perfetta e difenderla sempre attaccando le altri cantanti come certi troll di Disqus…non vedo l’ora di ascoltare #LG5 mi manca troppo in fondo…alla fin fine è proprio lei la mia cantante preferita in assoluto che mai abbandonerò nella maniera più assoluta,lei,solamente lei possiede il mio cuore 😍😍 ancora complimenti per l’articolo e scusate se sono stato pesante….

    • Yoncé (#R8)

      Pesante? Stai scherzando? Hai un rapporto bellissimo con il tuo idolo, dovrebbero essere tutti così, ma ormai va di moda il fanatismo, invece i fan dovrebbero ammettere quando il loro idolo sbaglia, come hai fatto tu giudicando ArtPop, io sono come te, io seguo “superficialmente” 17 artiste, ma il mio cuore e la mia testa appartengono a Rihanna, Katy Perry e Beyoncé ma in particolar modo a Taylor Swift e Demi Lovato, le loro canzoni mi hanno salvato la vita, mi hanno fatto rialzare e lasciarmi alle spalle il momento buio che stavo attraversando, ma nonostante questo io, quando c’è da dire, dico, nonostante è grazie a loro che io sono qui a una qualsiasi Skyscrapper o All Too Well, io non ho peli sulla lingua, ok basta ora sto diventando io pesante LOL

      • bionic_littllemonster

        Il fatto è che secondo alcuni essere fan significa non criticare mai il loro idolo,ed essere d’accordo su qualsiasi cosa faccia,lodarla sempre e prendere in giro le altri cantanti,invece secondo me i veri fan sono quelli che apprezzano un’artista ma sanno anche criticare e non essere d’accordo su alcune cose che fa,con le critiche (costruttrive ovviamente lol 😂😂😂😂😂) si cresce

      • Yoncé (#R8)

        Infatti, è inutile che dici “Formation è bellissima e il significato è bellissimo” (giusto per dirne una lol), quando Formation fa veramente cagar3 se pensiamo a una “Halo” o una “Broken Hearted/Girl” e il testo, tutto quello che sento è “I Slay Ok, I Slay Hey”, e ormai è raro anche trovare un fan di Gaga che non offenda Madonna o che accusa tutti e tutte di plagio, ormai Little Moster è diventato sinonimo di troll, come lo è essere un fan di Madonna=troll, quindi non mi sorprenderebbe se qualche volta ti hanno preso per troll o ti hanno “trollato” LOL

      • bionic_littllemonster

        Già :/ lol 😂

      • MATERIAL BOY

        holaaaaa

      • bionic_littllemonster

        Il fatto che mi piaccia Gaga non significa che non adori madonna,così anche il fatto che mi piaccia Christina non significhi che non adori Britney

      • MATERIAL BOY

        x me MADONNA vince su tutte, e al primo posto nel mio cuore, forse e l’unica, di gaga mi piacciono solo alcune canzoni, non sopporto il suo modo di fare e la sua mania di grandezza…che non ha sinceramente,poi mi puoi dire che quello che vuoi su madonna che oggi alla sua veneranda eta’ e anche piu facile attaccarla, ma Madonna e un artista con A maiuscola!

    • MATERIAL BOY

      Ma non era MADONNA la tua cantante preferita LOL?

      • bionic_littllemonster

        Lady Gaga l’ho vissuta tutta da Poker face fino a TIHTY,ti spiego:mi sono avvicinato al mondo della musica nel 2012/2013 e di Madonna conoscevo solamente MDNA,mi era piaciuta e quindi ho ascoltato molti suoi album e singoli che mi sono piaciuti e mi piacciono ancora,ma il discorso su Lady Gaga è molto diverso,io la conoscevo anche prima di avvicinarmi alla musica:già nel 2008/2009/2010/2011 conoscevo molti suoi singoli sebbene non la seguivo (perché come ho detto prima ho iniziato dal 2012) ed è molto difficile vedere il cambiamento di Gaga nel 2013,prima ogni cosa che faceva era sempre perfetta:look meravigliosi,singoli meravigliosi,performance meravigliose poi con ARTPOP tutto è sceso:sempre buono ok,ma assolutamente non paragonabile a prima,per quanto riguarda Madonna ha ben 13 album e ha variato molti generi e molti temi e mi piace,Lady Gaga invece ha solo 5 album e può fare molto molto di più nel 2010 la sua fama era grandissima più di quella di Taylor Swift o Adele oggi,e personalmente io vedendo quello che aveva fatto in quegli anni non posso non desiderare che torni come prima,detto questo Madonna mi piace (così come Britta e Christina Aguilera) ma Lady Gaga l’ho vissuta l’ho amata è vero non lo ammetto spesso ma in fondo è lei la mia preferita (non che le altre abbiano cose in meno eh) ma io Lady Gaga l’ho vissuta e il suo ARTPOP è uscito in un periodo per me particolare,quindi nel bene e nel male è lei la mia preferita perché con i suoi comportamenti”pazzi” mostra i nostri “mostri interiori”

      • MATERIAL BOY

        IO come ho spesso scritto forse sono stato uno dei primi ad acquistare il suo cd d’esordio che ho consumato, che quando usci aveva anche una copertina diversa da quella poi stranota che conoscono tutti….poi qualcosa e cambiato e non mi e piaciuta piu!

      • bionic_littllemonster

        Capisco ognuno ha i suoi gusti e non ti giudico per questo,tutti noi abbiamo gusti diversi quindi è normale non apprezzare tutti una stessa cantante,io non offendo chi non la pensa come me (non sono come qualche troll)

      • MATERIAL BOY

        IO non sono un troll e capisco che a volte i miei commenti possono ferire qualche fan, ma io sono fatto cosi e quando devo dire una cosa la dico…e non x provocare ma xke la penso davvero!!

      • bionic_littllemonster

        Non mi riferivo a te :) ma ai troll che ci sono su un altro sito che offendono chiunque non la pensi come loro…penso conoscerai quel sito…

      • MATERIAL BOY

        Non lo conosco xke non ci vado mai, io commento solo di musica e non di gossip e cavolate varie…xke non mi interessano e non mi interessa perdere tempo x quelle cose!

      • bionic_littllemonster

        Si hai ragione :)

      • MATERIAL BOY

        LO conosco solo di nome, xke mi mandano le notifiche da discus in generale sui vari post, ma non ci sono mai andato,se voglio stuzzicare ” l’appetito ” lo faccio con altro!

      • bionic_littllemonster

        Ah ok :)

      • Gin

        ci sono tanti modi per esprimere delle opinioni… se ripeti più volte la stessa critica, molto dura, non diventa più opinione ma ossessione.

      • MATERIAL BOY

        E poi mi fanno ridere i paragoni che spesso hanno fatto con MADONNA che chiunque sa benissimo che e nettamente superiore in tutto e x tutto, lei e solo la copia sbiadita di MADONNA!

      • bionic_littllemonster

        Ok dai si sta facendo tardi 🙈 ciao

      • MATERIAL BOY

        Se ti ho offeso, scusa, tu sei molto moderato e mi dispiace che capiti sempre tu ai miei sfoghi…..

      • bionic_littllemonster

        No non ti preoccupare non mi hai offeso ;)

  • Yoncé (#R8)

    Un articolo veramente interessante, mi aveva preso già dalla prima parte, io non sono un fan di Gaga, ma ho ascoltato Born This Way e ArtPop, mi sono piaciuti tantissimo, il secondo sopracitato un po’ meno, The Fame, EP compreso, mi sono bloccato al primo ascolto, del primo salvo i singoli e qualche canzone tipo Paper Gangsta, mentre dell’EP a parte i singoli salvo “So Happy I Could Die” e “Dance In The Dark”, poi sono contento che abbia smesso di vestirsi in modo strano, era una buona idea sino ad un certo punto, ma poi ha stancato, se continua a vestirsi così raffinata, inizierò a seguirla seriamente… Spero che farete altri articoli del genere :)

  • F.Music

    Senz’altro la più grande artista degli ultimi anni, Born This Way è stato il suo più grande album, il migliore sia per tematiche che musicalmente.
    Ha saputo sempre reinventarsi, passando da un commerciale The Fame (per me il suo peggiore) ad un impegnato Cheek to Cheek.
    ARTPOP non meritava tutto ciò che hanno detto, era un album bellissimo, ma nessuno lo ha compreso.
    Spero che con il suo quinto album riesca ancora una volta a dimostrare il suo grande talento e a tornare al successo di un tempo.