Il 6 febbraio 2003 viene rilasciato “Get rich or die tryin'”, l’album di debuto di 50 Cent. Un album importantissimo perchè lancia nell’hip-hop questa scommessa notata da Eminem e su cui Dr Dre decise di puntare. Ed è un album che a livello mondiale ha venduto oltre 16 milioni di copie e i cui primi tre singoli “In da club”, “21 questions” e “P.I.M.P.” possono ben essere considerati classici del genere.

Per celebrare i dieci anni dalla data di pubblicazione dell’album, Curtis Jackson III ha deciso di rilasciare “Financial freedom”, traccia scritta proprio il 6 febbraio di quest’anno e che apparirà nel prossimo album “Street King Immortal”. Insieme alla canzone, 50 Cent ha rilasciato un video abbastanza semplice, affidato a Elf Riviera, il quale solo pochi giorni fa era alle prese con “Major distribution“.

Spiega Fiddy: “Questa è ispirata al decimo anniversario di GET RICH OR DIE TRYIN. Ho scritto la canzone in modo che ogni volta che la sento mi ricordo [dell’album, NdT]. L’ho scritta avanti ieri e ho rilasciato il video ieri. Ci è voluto di più per trovare il ritmo che per scriverla. Non ho registrato il video per il terzo verso per concermtrarmi sul testo. Niente RAGAZZE, niente GIOIELLI, ENERGIA PURA, sono io. Dateci un’occhiata.”

  • Music=Life

    Il suo periodo buio un po’ gli sta bene, ha fatto talmente tanto lo sbruffone ai tempi dei primi due album best seller denigrando altri rapper e uscendosene con frasi al limite dell’omofobia che da una parte se lo meritava. Se sei il più bravo non c’è bisogno che lo dici, mia nonna mi dice sempre: chi non ha vantatori si vanta da solo. A mio parere 50cent non è il più bravo rapper, ne tanto meno il più “puro” in ambito Hip Hop. Ma sbaglio o l’ha composta lui quella commercialata di “COMPRO CARAMELLE”!??!?!?!ah ecco!!!!! ;)

    • CURTIS

      CE NE FOSSERO DI CANDY SHOP OGGI GIORNO!!! fai te che candy shop è UNDERGROUND in confronto a canzoni come all of the light!!!! detto ciò, capisco che non ascolti rap da tanto…sempre se e dico SE ne ascolti, ma cerca di farti un giretto agli anni di biggie e leggiti un pò i testi di biggie tupac snoop dogg method man lil kim missy elliott jay-z nas ecc ecc potrei continuare fino a domani, TI RENDERAI CONTO CHE SI ESALTANO ANCH’ESSI E SI SONO VANTATI A SCHIFO PURE LORO, MA SAI COSA??? IL RAPPER LO FA PERCHE SI SENTE IL PIù FORTE, IN OGNI CASO, QUELLO è IL VERO RAPPER, TI ESPONE LE SUE QUALITà PASSANDO DA TEMI BANALI (CANDY SHOP) A ” IN MY HOOD” (dubito che tu la conosca), perciò, prima di farvi i paladini della cultura rap, ASCOLTATE ASCOLTATE E ASCOLTATE, DOPO POTRETE FORSE CAPIRE CHE IL FLOW DI 50 E LA SUA BRAVURA NEL RAP, SONO ORO PURO!

      • Music=Life

        Ma infatti CURTIS, ho forse detto che 50cent non è un grande rapper? no no, anzi. Le star dell’hip hop che hai citato le conosco tutte, ho tutta la discografia di Jay, qualche album di Nas, Snoop, Lil kim, tutti gli album di Missy ecc…. di 50Cent ho tutto…album, colonna sonora del film, tutto!!Questo per farti capire che lo apprezzo e che so di cosa parlo. So benissimo che ha talento, ci mancherebbe altro. Naturalmente io ho espresso un parere, ascolto Hip Hop ma non me ne intendo tantissimo perchè ho preferito approfondire la conoscenza di altri generi musicali. Ho dato un parere senza volermi ergere a paladino o super intenditore di Hip Hop ;)

  • CURTIS

    questo è il rap, l’hip hop, la musica che la nuova generazione ha fatto morire, per dar spazio a prodotti inutili, questo era il vero scopo e il vero sangue che un rapper come 50 versava ogni qualvolta doveva rappare, sentimenti puri, rabbia, sesso,GANGSTARAP e per chi oggi, ritiene che non valga nulla, che ci sia di meglio tra i cantanti attuali, e che rapper come kanye west siano più bravi di 50, bè ragazzi, FATEVI UNA CULTURA, nel ghetto 50 è rimasto una leggenda,e il rap nasce nel ghetto, niente compromessi, niente autotune, niente basi troppo elaborate, sono loro un beat e un microfono, ADDIO 2003 NON SAI QUANTO MANCHI A NOI AMANTI DEL GENERE.

    • No aspetta, aspetta. Se dobbiamo parlare di vere intenzioni del rap, allora dobbiamo andare a “The message” di Grandmaster Flash. E non era proprio “rabbia, sesso e gangstarap” come dici. Anzi, si avvicina di più Kanye West, che a quanto pare non ti piace proprio. E la disprezzata “All of the lights” ha molto senso, dato che Kanye rende omaggio a MJ, ammette l’errore fatto ai VMAs con Taylor Swift e porta la “ghetto university” con gli undici featured artist che prestano i loro vocals. Quanto al flow, però, niente da dire su 50 Cent