Una notizia tragica, arrivata come un fulmine a ciel sereno a poche ore dal rilascio dell’ultimo video, dove appariva sul palco con la grinta smisurata che ha sempre contraddistinto la sua carriera.

Chester Bennington è morto suicida, incapace di convivere con una sofferenza interiore che evidentemente oramai aveva preso il sopravvento su tutto il resto. Un talento cristallino, voce tra le più riconoscibili del musicbiz che, assieme a quella del compagno e amico Mike Shinoda, ha portato i Linkin Park sull’Olimpo della musica, dove Chester è destinato a rimanere per sempre.

Un altro grande della musica se ne va prematuramente, lasciandosi alle spalle le tante e differenti emozioni di tutti coloro che lo hanno amato, stimato e ascoltato mentre era in vita e continueranno a farlo ora che purtroppo non c’è più. Inutile dire che, come i fans, anche i colleghi del mondo della musica hanno reagito con incredulità e sgomento alla notizia del suicidio non appena essa ha incominciato ad apparire sulle prime pagine delle testate di tutto il mondo.

Continuano ad arrivare le condoglianze dei colleghi, sconvolti dalla perdita di un artista e/o amico che vivrà attraverso la sua eredità artistica:

 

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here