adele-vanity-fair-cover-zoom-622f4e2d-0430-4aa2-a9da-2ac579c3ef0a-copia

Il suo album 25 ha dominato le vendite dell’anno (scopri QUI quale dovrebbe essere il prossimo singolo) e il relativo tour mondiale sta registrando un sold-out dopo l’altro, a testimonianza che Adele è, ad oggi, una mosca bianca nel panorama musicale, ovvero una delle poche, se non l’unica, capace di tener testa alle vendite di 10 e più anni fa.

Al di là dell’indubbio talento, riesce a metter d’accordo tutte le generazioni, proponendo una musica di classe e abbinandola al suo essere personaggio spontaneo e coi piedi per terra, ben lontano dall’immagine di diva.
E’ proprio la popstar protagonista del prossimo numero della rivista Vanity Fair, in cui compare anche nella copertina.
Attraverso le pagine del celebre mensile di moda e cultura popolare Adele si è raccontata a tutto tondo, passando da argomenti delicati come la brutta depressione post-partum che ha confessato di aver combattuto, ai toni ben diversi che usa quando parla della collega Beyoncé.
Un’intervista che non fa altro che mettere in luce l’umiltà, la spontaneità e la semplicità della cantante, elementi che rendono il suo successo ancor più meritato.
A seguire alcuni dei passaggi più significativi dell’intervista a Vanity Fair. Al seguente link trovate la versione integrale in inglese:  INTERVISTA DI ADELE A VANITY FAIR

Adele sulla depressione post-partum:

Ho sofferto di una brutta depressione post-partum dopo la nascita di mio figlio e ho avuto paura…Sapevo che avrei potuto starmene seduta a parlare con le mie amiche che hanno avuto figli senza essere giudicata. Un giorno ho detto ad una di loro: – Odio tutto questo – e lei è scoppiata in lacrime e ha risposto: – Odio tutto questo anche io -. Era fatta, da quel momento è passato tutto.
Quello che so sulla depressione post-partum è che non vuoi star con tuo figlio, hai paura di fargli male, hai paura di non fare un buon lavoro. Ma io ero ossessionata da mio figlio. Mi sentivo davvero inadeguata, sentivo come se avessi preso la peggior decisione della mia vita. Può svilupparsi in differenti forme.
Alla fine mi sono detta: – Dedicherò a me stessa un pomeriggio a settimana, solo per fare quel cavolo che voglio senza il mio bambino -. Una mia amica mi disse: – Davvero? Non ti senti male? – E io le risposi – Certo, ma mi sentirei ancora peggio se non lo facessi –

Adele riguardo nuova musica:

Mi piace ancora registrare musica, ma starei bene anche se non dovessi più sentire gli applausi

A proposito del nuovo stile di vita:

Superare i postumi di una sbornia avendo un figlio è una tortura…Una volta adoravo ubriacarmi ma man mano che sono diventata sempre più famosa dovevo stare più attenta.
Volendola vedere da un’altra prospettiva, non scriverò mai più canzoni belle come quelle di 21 ma, allo stesso tempo, non sono tanto indulgente quanto ero a quel tempo e non ho tempo di lasciarmi andare come una volta. Ero completamente distrutta mentre scrivevo quell’album e una lingua ubriaca è una lingua onesta. Bevevo 2 bottiglie di vino e fumavo una sigaretta dopo l’altra. A quel punto scrivevo i versi, andavo a letto e la mattina dopo pensavo – Cavolo, sono proprio belli – . Poi passavo alla melodia.
Ma da quando ho un bambino non sono così spensierata com’ero una volta

La collega Beyoncé ha voluto fare un cameo nell’intervista spendendo per Adele le seguenti parole:

E’ così facile parlare con lei e starle vicino. E’ incredibilmente divertente e i suoi comeback sono leggendari. La cosa più bella di Adele è che ha ben chiare le sue priorità. E’ una donna graziosa e l’essere umano più umile che abbia mai incontrato

Ecco come ha ricambiato la star di Hello:

Beyoncé è una costante nella mia vita, da quando avevo 11 anni e ascoltavo No, No, No. Lei è il mio Michael Jackson!

Vista tutta questa stima che le lega, cosa aspettano a fare un duetto? In ogni caso questa è Adele senza filtri, che ne pensate delle sue parole?

A PAGINA 2 IL SERVIZIO FOTOGRAFICO

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here