maxresdefault (43)

In un mondo della musica in cui le vendite si abbassano sempre più e l’unico introito musicale rilevante per gli artisti restano i tour e le residency, non è raro che cantanti anche di una certa popolarità decidano di buttarsi in vere e proprie attività imprenditoriali, che spesso grazie anche solo al loro grande nome diventano enormi successi commerciali e portano a guadagni molto forti. In questo contesto, un business molto inflazionato è quello dei profumi.

Negli ultimi anni sono praticamente di più le star che ne hanno prodotti piuttosto che quelle che sono rimaste estranee a questo business: da Britney Spears a Christina Aguilera, passando per Jennifer Lopez e Mariah Carey, tutte le grandi dive della musica hanno commercializzato fragranze grazie alle quali hanno guadagnato milioni e milioni di dollari, ed il fenomeno sembra davvero non conoscere fine.

Di recente, anche Ariana Grande ha iniziato a farsi notare nel mondo della produzione di profumi. La sua prima fragranza “Ari” è stata un ottimo successo commerciale, e così adesso la giovane diva sta per lanciare un nuovo prodotto dello stesso genere, che secondo le prime indiscrezioni (confermate anche dalla sua fanpage italiana ufficiale, Ariana Grande Italia) dovrebbe intitolarsi “Sweet Like Candy”. Ecco la prima foto della boccetta.

Ariana attualmente è nel mezzo della promozione del suo terzo album “Dangerous Woman”, album che nonostante singoli aventi un successo inferiore a quelli estratti dal predecessore “My Everything” si sta comportando bene nelle classifiche internazionali, molto meglio rispetto ai recenti lavori delle coetanee Demi Lovato e Selena Gomez. Vedremo se anche il profumo riuscirà ad ottenere questo stesso successo.

  • bionic_monster_Heather

    La cosa che odio di più delle popstar sono proprio questi profumi inutili e senza senso,si concentrasse sulla musica!

  • Navy_Swift

    Ma ricorso io male o Timberlake disse che Ariana ha cantato una traccia per Trolls?

    • bionic_monster_Heather

      Si pure io ricordo una cosa simile