ariana-grande-dangerous-woman-new-song-album-preorder-lil-wayne-stream-640x640

Ariana Grande a soli 22 anni può vantare un curriculum di tutto rispetto, una carriera iniziata come attrice in svariate serie tv per ragazzi per arrivare ad essere oggi una delle nuove leve più vocalmente dotate del panorama musicale. Nata in Florida da una famiglia di origini abruzzesi e siciliane, Ariana ha palesato fin da piccola il suo interesse per canto, ballo e recitazione, tanto che il suo primo ruolo televisivo risale al 1998, quando Nickelodeon la sceglie per una parte secondaria in All That.

Nel 2009 crea un canale youtube nel quale carica cover delle sue canzoni preferite ed è in questo periodo che arriva la svolta vera e propria verso il grande pubblico. Ottiene il ruolo della buffa Cat Valentine nella sit-com Victorious (con protagonista Victoria Justice), per la quale partecipa anche alla colonna sonora. Victorious prosegue per quattro stagioni e viene poi cancellato; Cat Valentine, il personaggio della Grande, diventa protagonista di una nuova serie, Sam & Cat, che Nickelodeon annuncia ufficialmente nel 2012.

Sam & Cat ha un grande seguito tra i giovanissimi spettatori, Ariana ormai è un volto conosciuto ed inizia a formarsi intorno a lei un bel numero di seguaci. Tra il set, lavori teatrali ed un’esperienza come doppiatrice, l’attrice sente che è giunto il momento per lei di buttarsi seriamente nel mondo della musica e inizia a registrare il suo primo album, Yours Truly, che esce nel settembre 2013.

La notorietà ottenuta grazie al piccolo schermo e una voce di tutto rispetto fanno sì che il disco si riveli un buon successo, debuttando direttamente alla 1 nella Billboard 200. Dopo una sola stagione Sam & Cat viene cancellato, motivo per cui Ariana decide di dedicarsi (quasi) unicamente alla carriera da cantante, tornando in studio per registrare il suo secondo progetto discografico, anticipato dal singolo Problem (feat. Iggy Azalea).
Problem si rivela un successo mondiale e, ad oggi, anche il maggior successo dell’artista, avendo venduto più di 9 milioni di copie.

Trascinato dal lead single e dal secondo estratto Break Free, ad agosto 2014 esce My Everything, accolto abbastanza positivamente dalla critica. Il successo dei singoli successivi (Love Me Harder e One Last Time) e della collaborazione in Bang Bang con Jessie J e Nicki Minaj, portano inevitabilmente Ariana Grande ad essere uno dei personaggi musicali dell’anno.

Nel 2015 parte l’Honeymoon Tour, primo tour mondiale della ragazza per un totale di 88 date.
Non perde tempo Ariana Grande e tra tour, apparizioni televisive e cinematografiche trova il tempo per registrare il terzo album, Dangerous Woman.

Dangerous Woman, anticipato dall’eponima canzone, è arrivato negli store il 20 maggio con delle previsioni di vendita a quanto pare ottime. Il disco che ora andremo a recensire rappresenta certamente una svolta dal punto di vista stilistico e anche per quanto riguarda l’immagine della cantante, che attraverso le tracce vuole fare ”un ritratto di sé come persona forte e dar forza ai fans”, come lei stessa ha ammesso. Doveva intitolarsi Moonlight ma è la stessa Grande a spiegare perché poi ha cambiato idea sul titolo:

“Moonlight è una canzone dolce ed un titolo dolce. E’ molto romantico e sicuramente legherebbe bene insieme la vecchia musica con quella nuova. Ma Dangerous Woman è molto più forte…per me una dangerous woman è qualcuna che non ha paura di prendere una posizione, di essere sé stessa ed onesta”.

Ariana Grande ha intrapreso un percorso più sensuale e maturo, volendo chiaramente offrire il suo lato di donna unito ad una sperimentazione che sicuramente si nota. Ma quale sarà il risultato? Scopriamolo subito; ecco la recensione di Dangerous Woman track by track.

  • Macs

    Ottimo album e di sicuro il suo migliore.

  • Tommaso Rossi

    Trovo un po’sbagliata la scelta di mettere come canzone iniziale moonlight, che é si bella, ma anche soporifera e quindi uno ascoltando una canzone del genere non capisce che il resto del disco sia totalmente lontano da quello stile

  • Alberto Maccariello

    Un album molto bello, sicuramente superiore a My Everything nonostante la mancanza di hit forti…le migliori Moonlight, Dangerous Woman, Be alright, Into You, Greedy, Side to side, Sometimes. Leave me lonely è sicuramente il picco più alto!

  • Riccardo

    Devo dire che mi ha piacevolmente sorpreso, è un buon album di qualità! Trovo stupendo il pezzo con Macy Gray, poi sono fantastiche “Into You” e “Greedy” (che produzione, ragazzi!). Mi ha un po’ deluso il feat con Nicki Minaj, mi prende poco… Nel complesso come voto io darei un 7 pieno, mi piace decisamente di più di “My Everything”.

  • Mattia Pece

    Davvero un buon album, anche se io continuo a pensare che il suo migliore sia Yours Truly: un bel sound delicato, omogeneo, un album r&b molto più che buono nel complesso! My Everything no comment, canzoni prese singolarmente va bene, ma tutte insieme non ci azzeccavano nulla… questo disco presenta comunque diversi generi, ma che non sfociano nel “troppo”, si tratta comunque di canzoni pop, e il risultato è stato davvero notevole!!

  • Nanni93

    E pensare che Moonlight è una delle mie preferite ! Cmq bellissimo album, più “cupo” e maturo come stile e con sound molto più hip hop / 50 sfumature di grigio andanti.

  • Carlo13

    Bella recensione in generale concordo con quello che avete detto! Fortunatamente ari ha cambiato manager perché se non lo avesse fatto avremmo avuto una brutta copia dell’album precedente! Sono contento della maturazione artistica di ariana soprattutto nei sound (i testi ancora un po’ troppo ripetitivi e parlano solo di amore), mi sono piaciute tutte le canzoni eccetto i don’t care che ricorda molto il sound del suo ultimo inutile ep natalizio mentre le canzoni della deluxe version sono carine ma meno belle di quella standard. Come avete detto non c’è nessuna canzone in grado di eguagliare problem poiché i brani sono di maggior qualità! Ottima la scelta dei singoli, i prossimi da estrarre secondo me sono side to side e greedy in primis e poi uno tra everyday, leave me lonely e sometimes che mi è piaciuta tantissimo! Speriamo anche in video più belli di DW e LMLY comunque sono molto contento! Voto 9/10

  • SoundPost

    Sicuramente meglio di My Everything, ma per me non supera Yours Truly. Comuqne bell’album, con un giusto appeal commerciale e qualche traccia veramente bella.

  • Navy_Swift

    Sarò io, ma a differenza di My Everything questo album mi ha colpito subito e già lo amo
    È un album superiore di molto al precedente e davvero qualcosa di diverso
    Mi ha stupito in positivo Ariana, e non è vero che non ci sono tracce forti: Into You e Greedy le preferisco di molto a Problem, magari non riusciranno ad eguagliare i risultati di quest’ultima poiché la situazione mediatica di Ariana non è la stessa di 2 anni fa, ma hanno tutte le carte in regola per diventare singoli e hit
    In generale non riesco a trovare brani che non mi hanno colpito nel disco

  • Racki Moda&Makeup

    L’album è molto buono e Ariana mi ha stupito, la sua voce è perfetta come sempre. Mi sarebbe piaciuto qualcosa di più “allegro” per l’inizio dell’estate ma comunque l’album dimostra la maturazione della Grande. Le canzoni più belle per sono Bad Decision,Leave Me Lonely e Thinking Bout You. A parte due o tre canzoni l’album è orecchiabile e molto bello e merita tutto il successo ricevuto. Lo consiglio pienamente. Voto 8,5/10.

  • Only 1

    Ariana mi ha veramente stupito con questo progetto! sicuramente un salto di qualità rispetto a My Everything ma non so se possa superare Yours Truly.
    Le mie preferite sono Greedy,Moonlight,Thinking Bout You e Touch It.
    Adoro anche knew better / forever boy, ha quel qualcosa di affascinante.
    Come prossimo singolo vedrei bene Side To Side, una delle canzone che sta andando meglio su iTunes!

  • Diano Francesconì

    L’album non è male nel complesso. È abbastanza godibile.
    Le canzoni che mi piacciono meno sono quelle più “tamarrine” come Into you, Everytime, Touch it. Non amo questa Ariana Grande come non amai Break free. Certo queste tracce servono a rendere meno monotono il CD ma allo stesso tempo la svalorizzano molto.
    Le altre tracce soni apprezzabili, peró intendiamoci non c’è nulla di nuovo in questo album: Greedy è una delle più carine ma rimane la solita produzione pop di Max martin che ormai sarà abituato a fare in 2 minuti.
    Leave me Lonely è una delle più belle. Appena l’ho sentita mi ha colpito tantissimo, anche grazie alla collaborazione.
    Io nel complesso do 7 e mezzo al progetto.