ariana-grand-donut.0.0

Niente. Ariana Grande non ce la fa a scrollarsi di dosso le critiche che ha attirato per la frase “I hate America”, pronunciata dalla cantante mentre leccava di nascosto ciambelle in una pasticceria, non sapendo di essere ripresa dal circuito interno di telecamere del locale.

La cantante dapprima ha attaccato pesantemente il regime alimentare USA, dove viene consumato tantissimo cibo spazzatura e l’obesità è un problema gravissimo, ma ciò non ha fatto altro che amplificare ancora di più l’odio degli americani nei suoi confronti, così la Grande ha lasciato perdere questa delicata questione ed ha pubblicato un nuovo video in cui si è scusata con tutti i suoi fans:

… ero troppo impegnata a parlare dell’industria alimentare, e forse non era il vero problema di cui discutere… Vedere un video che mostra le immagini di te che ti comporti in modo misero, senza sapere che ci fossero telecamere, è stato davvero un brutto colpo. Non sapevo cosa fare, mi faccio schifo, avrei voluto affondare il mio viso in un cuscino e scomparire. Invece affronto la questione, mi assumo le mie responsabilità e vi dico che sono dispiaciuta. É brutto quando vedi te stesso comportarsi in maniera così orribile…

La cantante durante la tappa di Tampa dell’ Honeymoon Tour ha ringraziato il suo pubblico dicendo che gli USA sono “la più grande nazione al mondo”.

Siamo certi che Ariana (conoscendo il suo manager Scooter Braun e la politica che adotta con Justin Bieber) continuerà a scusarsi per il resto dell’anno, ma il pubblico americano riuscirà davvero a perdonarla? Sembra assurdo, ma uscite del genere possono anche stroncare delle carriere!

32 Commenti

  1. ma scooter non dice agli artisti cosa fare, non ha voce in capitolo con Ariana e Justin, gli unici che devono essere portati con la manina sono Ed, Tori, Martin Garrix ed i Rixton. Anche Madison Beer ormai è indipendente

  2. Credo che alla fine sia solo una grande cavolata,scusate il gioco di parole,ma condannare un artista solo xke dice quello che pena su una questione che francamente in USA ancora non e stata affrontata come dovrebbe xke e troppo scomoda x tanti ricchi e tante major dell industria alimentare che fanno milioni col cibo spazzatura non ne parlano xke non gli conviene, la sua era solo un osservazione su quello che si mangia oggi in USA e non solo aggiungerei,e ovvio che non odia gli USA che sono la sua nazione,ma era ironica la cosa.

  3. Secondo me stanno esagerando , in fondo non ha fatto nulla di così grave e se davverp dovesse ripercuotersi sulla sua carriera sarebbe triste come cosa.

  4. Non mi era ancora chiaro che cosa avesse combinato Ariana, avevo solo letto qualcosa a riguardo ma senza entrare nello specifico… ebbene da una parte è una cavolata e non ha fatto altro che la dire la verità, dall’altra… questa ari-cavolata le può costare caro a livello commerciale… comunque da queste cose si capisce quanto la musica made in USA sia tutt’oggi dipendente da fattori estranei al talento la maggior parte delle volte.

  5. Cheppalle, Ariana si sta davvero impegnando per riconquistare il pubblico, ma parlare di odio mi pare eccessivo…. Okay l’orgoglio nazionale e tutto, ma ha spiegato le sue motivazioni, insomma, secondo me va perdonata.
    Anche perchè, preferite davvero odiare una giovane cantante che ha capito i suoi errori e si è scusata umilmente e amare persone come Mike Tyson che ha stuprato e assunto droghe? Okay, ha pagato i suoi errori, ma odiare Ariana per una cazzata di quel tipo mi pare esagerato.
    Spero che gli americani non siano così ipocriti.

  6. Vabbè fa benissimo a scusarsi con quei pecoroni americani altrimenti finirà boicottata come Madonna dopo American Life.

  7. Eh, l’era della tecnologia è così :) Ogni cosa rimane per sempre.. però se anche lei stesse zitta e non continuasse a scusarsi e dire quanto l’America è bella, la gente dimenticherebbe :)

  8. Spero di sbagliarmi ma secondo me in USA è finita! I suoi album non hanno mai fatto chissà quali numeroni in US e se da una parte i numeri scarsi di Yours Truly erano comprensibile quelli di My Everything non so lo sono affatto, un album pubblicizzato ovunque, trainato da 4 hits internazionali, tour sold out o quasi. Tutto questo polverone che stanno alzando gli americani sarà pure esagerato ma la prima ad aver esagerato è stata proprio Ariana, da su a 22 anni fare ste cose è preoccupante.

  9. Oddio quanto odio questi americani perbenisti, col cervello offuscato dal loro patriottismo. Non riescono a capire cosa voglia dire la parola “contesto”. Cioè, che poi scusami, nessuno di loro si è mai lamentato del proprio paese? Nessuno a mai fatto un affermazione dettata dalla rabbia del momento? A me tutta questa storia sembra fuori dal mondo.

    • Purtroppo gli americani sono un popolo molto sempliciotto e ancora fortemente bigotto. Ma un paese che ti lascia morire se non hai l’assicurazione privata per le malattie (visto che la sanità pubblica è quasi inesistente), una nazione che rovina carriere se un politico ha l’amante, un paese dove le armi vengono distribuite come caramelle, dove la pedofilia della chiesa americana ha portato a scandali assurdi ma coperti da tutti………che ti aspetti? Un saluto

  10. stroncare la sua carriera non credo ma diventare pesante si. Ha fatto un errore,ha chiesto scusa,stop. Basta,storia chiusa,ora sta diventando una vera e propria ‘sceneggiata’ a scopo di far parlare di sè. Bieber docet.

      • scooter è un grande ed è riuscito davvero a salvare alcuni adolescenti regalandogli una vita migliore,per primo Justin, poi Ed e ariana. Ma ribadisco che Scooter con ariana e biebz non ha più voce in capitolo. Si, dispensa qualche consiglio,li promuove attraverso twitter ed organizza con il team le date di tour,album ecc.. Ma per il resto vanno soli.

      • il manager, ripeto ,ha dimezzati i suoi poteri. Secondo te Justin avrebbe mai dimostrato la sua profonda depressione attraverso cattive azioni? Al massimo avrebbe potuto fare brutta musica, scooter di certo non glielo avrebbe permesso..per dire

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here