Non sempre le popstar decidono di entrale in collisione col mondo della politica. Ancora più raro è che a farlo siano delle teen star, ma quando qualche politico pronuncia invettive scellerate ed assurde su argomenti che toccano da vicino i nostri artisti è inevitabile che questi rispondano per le rime.

Poiché di recente il celebre politico Donald Trump ha pronunciato delle dichiarazioni razziste contro gli immigrati messicani, la giovanissima Becky G si è ovviamente sentita toccata essendo lei stessa figlia di messicani, ed ha così deciso di dedicargli una canzone.

Il brano in questione si intitola “We Are Mexico” e, vista la sua durata (1:30 min) potrebbe tranquillamente essere uno degli interlude contenuti nel suo prossimo album.toughlook-jpg

Il brano è una composizione pop altamente autobiografica in cui l’interprete parla dei sacrifici fatti dalla sua famiglia e dagli altri emigrati per poter cambiare vita, di quanto hanno dovuto lavorare e di quello che hanno dovuto sopportare per poi doversi confrontare con demagoghi da quattro soldi che calpestano i loro diritti.

Attraverso dei tweet, Becky ha definito questa traccia estremamente importante per lei ed ha ammesso di essersi commossa più e più volte nel riascoltarla.

Io personalmente sono molto colpito dal suo impegno nel combattere una piaga sociale come il razzismo, il quale dovrebbe essere completamente debellato da una qualunque società che si definisce civile e che invece incombe ancora.

Vi posto di seguito il file audio, che ne dite?

  • Artvilde

    La canzone non mi piace ma apprezzo il messaggio che c’è dietro

  • #TheDroughtWasTheVeryWorst#

    Solo io devo aver avuto brutte esperienze coi messicani, lol.
    Comunque la canzone è carina; forse troppo pop.