beyonce-nicki-minaj

Beyoncé, checché se ne dica, oltre che una cantante di talento è sicuramente anche un personaggio molto discusso dal punto di vista mediatico, soprattutto in America, questo anche perché non ha mai nascosto quelli che sono i suoi ideali politici: l’abbiamo sempre vista in ottimi rapporti con la famiglia Obama e addirittura collaborare con la first lady Michelle per alcuni progetti legati alla salute alimentare, ed adesso è una delle più accese sostenitrici di Hillary Clinton, la candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti D’America.

Ebbene, per via di questo sostegno reciproco con la Obama l’artista si è beccata un tweet al veleno da parte della scrittrice americana Ann Coulter, un’accesa sostenitrice di Donald Trump che ha dunque pubblicato questo post:

Beyoncé, citata da Michelle Obama come un modello per le sue figlie, canta di “deliziose fi*he servite deliziosamente”. Oh mio Dio. Sono svenuta.

Beh il verso citato appartiene si ad una canzone di Beyoncé, ossia “Flawless Remix”, ma per l’appunto lo troviamo solo nel remix della traccia, e come potete intuire questo significa che ad interpretarlo non è la Knowles, ma la rapper Nicki Minaj, featured artist del remix. Ovviamente questa esternazione ha fatto sì che i BeeHives si scagliassero subito contro la scrittrice per difendere la loro beniamina, a volte anche in modi abbastanza coloriti. Di seguito alcuni esempi:z-600x292 x xx c asd cxzx

Ciononostante, in queste ore Beyoncé ha ben altri argomenti a cui prestare attenzione, e per cui gioire. Se da un altro la diva può godersi enormi guadagni ricavati dal suo “Formation World Tour”, che secondo quanto stimato da Billboard ha incassato 256 milioni di dollari e venduto 2,2 milioni di biglietti, da un altro la professoressa universitaria texana Kinitra Brooks ha deciso di inserire la musica del disco in un corso universitario basato sulla cultura popolare delle donne afroamericane: un risultato davvero importante viste le scelte artistiche che Bey ha portato avanti di recente. Voi che ne pensate?

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here