Il disc jockey e produttore musicale piemontese Massimiliano Dagani, in arte Big Fish o anche solamente Fish, torna sulla scena musicale con “Vain”, brano inedito dal sound piuttosto aggressivo e surreale, ai limiti dello psichedelico.

vainbigfishelisa

Per questa nuovissima traccia, già in radio dal 22 Febbraio 2016 e disponibile su tutti i digital store per la sua stessa etichetta “Doner Music”, Big Fish si affida completamente alla cantautrice di Monfalcone Elisa Toffoli la quale, oltre ad impreziosire la canzone con la raffinatezza della sua voce, ne vanta addirittura la firma.

A proposito di questa collaborazione, “leggermente” fuori dai soliti schemi a cui gli artisti italiani ci hanno ripetutamente abituati nel corso degli anni, Big Fish ha dichiarato:

Sono fiero di questo pezzo creato insieme alla più brava, disponibile e professionale delle cantanti italiane.

Il brano, esperimento ben riuscito di clubbing grazie ad una perfetta miscela tra elettronica, drum and bass e trance, è stato presentato dallo stesso ideatore in anteprima sul canale BBC Radio 1Xtra all’interno di Diplo & Friends, programma radio condotto da Diplo, noto produttore e disc jockey statunitense già vincitore di due pregiatissime statuette durante gli scorsi Grammy Awards 2016, la cui casa discografica “Mad Decent” ha pubblicato i recenti lavori di Fish.

“Vain” è solamente il primo singolo estratto dalla compilation di inediti e non “Doner Bombers Vol. 4”, in uscita il prossimo 8 Marzo 2016, contenente anche un remix ufficiale di “I’m Outta Love”, power hit con cui la cantante di Chicago Anastacia fece il suo debutto nel lontano 5 Maggio 1999.

Di seguito il video ufficiale, creato da Luca Lodi totalmente in grafica 3D, del brano partorito grazie alla partnership con Elisa.

Cosa ne pensate? Credete sia da apprezzare una sperimentazione così azzardata ma allo stesso tempo così ben prodotta? Riuscirà Big Fish, magari trainato dal successo dell’interprete di “No Hero”,  a scalare le classifiche con un brano di una tale portata ma probabilmente non adatto all’ascoltatore italiano?