Ogni anno il colosso a stelle e strisce “Billboard” ci presenta una classifica con le canzoni dell’anno, nella quale vengono inclusi tutti quei brani che hanno avuto un forte successo mediatico nell’anno corrente.
Billboard ha preso in considerazioni le classifiche dal 1958 ad oggi ma, per alleggerire il carico e per trattare brani conosciuti ai più, abbiamo deciso di soffermarci sulle numero uno degli ultimi 10 anni, che includono artisti quali Beyoncé, Flo Rida, Bruno Mars, Adele, Kesha e i The Black Eyed Peas, cominciando dalla canzone “vincitrice” della classifica dell’anno in corso, giungendo fino al lontano 2006.
Noteremo, soprattutto retrocedendo con gli anni, che alcuni brani rivelatisi dei veri e propri successi negli Stati Uniti non sono stati altrettanto fortunati in Europa o, nello specifico, in Italia, paese da sempre piuttosto restio all’ingresso di brani d’oltreoceano.

 

Billboard_Hot_100_logo

2015 – Uptown Funk (Mark Ronson feat. Bruno Mars)

Dopo averla ascoltata per mesi e mesi in ogni stazione radio esistente, eccola rispuntare in vetta alla classifica di fine anno americana: è Uptown Funk la canzone dell’anno per Billboard.

La canzone è stata scritta e prodotta dallo stesso Mark Ronson insieme a Bruno Mars e venne estratta il 10 Novembre 2014 come singolo di lancio dal quarto album di inediti di Ronson, Uptown Special, pubblicato il 13 Gennaio 2015.Uptown Funk è una traccia funk che amalgama perfettamente un ritmo retro all’incredibile voce di Bruno Mars.

Il brano ha raggiunto la prima posizione in classifiche di mezzo mondo, dagli US all’Australia, e dal Regno Unito al Canada e divenne il brano ha venduto quasi 15 milioni di copie, diventando il singolo più venduto del 2015.

2014 – Happy (Pharrell Williams)

Passiamo ora allo scorso anno, anno in cui un certo Pharrell Williams ottiene un successo inaspettato da un brano tratto dalla colonna sonora del film “Cattivissimo Me 2“. Happy venne estratta il 21 Novembre 2013 e da allora ha avuto un successo mediatico impressionante: come dimenticare tutti i video amatoriali di ragazzi e ragazze di ogni età che ballano sulle note di questo brano?

D’altro canto, però, ascoltando una traccia pop/soul come questa è normale scatenarsi. Il brano, inizialmente, è stato prodotto e composto da Pharrell Williams per Cee Lo Green; solo successivamente esso fu però assegnato a Pharrell Williams. Happy è stato ben accolto dalla critica e ha venduto all’incirca 14 milioni di copie, diventando il brano di maggior successo del 2014 ed ottenendo anche una candidatura ai premi Oscar 2014 nella categoria “migliore canzone”.

2013 – Thrift Shop (Macklemore & Ryan Lewis) 

Era ancora il lontano 2012 quando due ragazzi che lavoravano per una casa discografica australiana pubblicarono il quarto singolo estratto dal loro album “The Heist“: la traccia Thrift Shop. Il brano venne estratto a fine agosto 2012 e si rivelò una sleeper hit in quanto riuscì a raggiungere il successo solamente a cavallo dell’anno nuovo.

Del resto il 2013  si rivelò un anno più che fortunato per Macklemore & Ryan Lewis:  ogni singolo da loro pubblicato, anche precedentemente a Thrift Shop, venne riproposto adlle radio di tutto il mondo, e ciò trasformò degli artisti fino a poco prima semi-sconosciuti in delle vere e proprie star. Il brano è una traccia hip hop prodotta e scritta da Ryan Lewis e cantata da Macklemore, molto di impatto per il testo piuttosto comico e per un video veramente bizzarro.

2012 – Somebody That I Used To Know (Gotye feat. Kimbra)

Somebody That I Used To Know è un brano musicale del cantautore belga Gotye estratto come secondo singolo dal suo terzo album di inediti, Making Mirrors, e cantato in collaborazione con Kimbra. Il brano è stato scritto dallo stesso Gotye e tratta delle sue esperienze in campo amoroso.

La critica ha letteralmente amato questo brano, e così il successo non s’è fatto attendere: il pezzo riuscì a raggiungere la prima posizione in classifiche musicali di tutto il mondo (tra le tante anche quella Italiana) ed arrivò ad un livello di vendite pazzesche. Ecco che per la prima volta un artista Belga riesce a raggiungere la prima posizione delle Canzoni dell’Anno Americane.

2011 – Rolling In The Deep (Adele)

Ed ecco spuntare un nome a noi tutti piuttosto familiare negli ultimi mesi: Adele. La sua prima numero 1 all’interno della classifica di fine anno americana arrivò nel 2011, con il primo singolo estratto dal suo secondo album studio, 21. La canzone venne estratta a fine Novembre 2010 debuttando alla posizione 68 della classifica americana 3 solo 5 mesi più tardi riuscì a raggiungere l’agognata prima posizione della Billboard Hot 100 per la prima volta.

Il brano è una ballata piuttosto aggressiva composta dalla stessa Adele e da Paul Epworth in una sessione-studio iniziata all’indomani della fine di una relazione sentimentale della cantante durata diciotto mesi. Il testo assume il punto di vista di una donna disprezzata dal proprio uomo e che si rivolge a lui con rabbia, indignazione e disperazione, escludendo ogni possibilità di riconciliazione tra i due.

2010 – Tik Tok (Kesha) 

Era il 2010 quando una giovane newbie del panorama musicale pop cercava di farsi spazio una cantante conosciuta come Ke$ha. “Tik Tok” fu il primo singolo estratto dal suo album studio di debutto, Animal,  e riuscì a ottenere un successo mediatico enorme, ottenendo diverse numero 1 nelle classifiche mondiali e riuscì a vendere milioni e milioni di copie, venendo certificato 6 volte Platino nel solo mercato Statunitense.

Il brano è una traccia Electropop prodotta da Dr. Luke e Benny Blanco (diventati successivamente famosi per aver firmato canzoni quali Teenage Dream di Katy Perry, ‘Till The World Ends di Britney Spears) e scritta dalla coppia con Kesha stessa. Il brano venne nominato anche all’interno della classifica dei brani di maggior successo di tutti i tempi (Billboard Hot 100 Songs of All-time), stilata proprio da Billboard.

2009 – Boom Boom Pow (The Black Eyed Peas)

Boom Boom Pow è una canzone del gruppo hip hop The Black Eyed Peas, pubblicata nel 2009 come primo singolo dell’album The E.N.D. (The Energy Never Dies), uno degli album di maggior successo dell’anno. Il brano è una canone electropop prodotta da Will.I.Am e cantata da tutti i membri del gruppo, le cui voci sono alterate attraverso l’utilizzo di autotune.

La peculiarità del singolo fu quella di inviarlo prima ad alcune radio selezionate e di renderlo disponibile per il download solo in un secondo momento. Fu utilizzato come brano di sottofondo in una sfilata di Versace tenutasi a Milano. Il successo del singolo, dopo il rilascio avvenuto a fine marzo, fu immediato e, sebbene rimase circoscritto ai paesi anglofoni (Stati Uniti, Australia, Regno Unito), riuscì a piazzare oltre 10 milioni di copie a livello mondiale.

2008 – Low (Flo Rida feat. T-Pain) 

Siamo nell’ormai lontano 2007 quando un ragazzo completamente nuovo nella scena hip hop rilascia il primo singolo estratto dal suo album di debutto “Mail On Sunday” e dalla colonna sonora di Step Up 2 – La strada per il successo. Il brano è stato prodotto da DJ Montay e scritto dallo stesso Flo Rida; con il suo ritmo catchy, la up-tempo con ritmi hip-hop del sud fu un enorme successo mondiale e fu la canzone che rimase per più tempo in vetta alla Billboard Hot 100 nel 2008 (10 settimane).

Il brano venne certificato 7 volte platino nel mercato americano e fu il singolo più scaricato del decennio 2000-2010 e salì nel podio della classifica “Canzoni del decennio”, stilata sempre da Billboard.

2007 – Irreplaceable (Beyonce’)

Irreplaceable è un brano della cantante statunitense Beyoncé Knowles, pubblicato come terzo singolo dal suo secondo album studio B’Day il 23 Ottobre 2006. La canzone è stata scritta da Ne-Yo e prodotta dagli Stargate e risulta una ballad pop/rnb molto energica con un testo incentrato sul rivolgersi al suo compagno parlando di infedeltà e tradimenti. La canzone non era stata scritta per Beyoncé, bensì era stata pensata per una voce maschile (con molta probabilità per lo stesso Ne-Yo).

Il brano fu un successo negli Stati Uniti, in Australia e nel Regno Unito, mentre negli altri paesi venne accolto calorosamente ma senza mai divenire una vera e propria hit. Nello specifico caso degli USA, il brano raggiunse la vetta della Billboard Hot 100 e ci rimase per ben 10 settimane! Il pezza venne anche nominato ai Grammy Award nella categoria “Record Of The Year” e dalla testata americana “Rolling Stone” nella loro lista dei brani più importanti del decennio.

Venne registrata anche una versione in lingua spagnola del brano (Irreemplazable), la quale fu una hit in Sudamerica. Potete ascoltarla cliccando sul titolo della canzone.

2006 – Bad Day (Daniel Powter)

“Bad Day” è un brano pop scritto dal cantante canadese Daniel Powter, pubblicato nel 2005 come primo singolo del suo secondo album, che porta il nome del cantante stesso, Daniel Powter. La canzone è una power ballad pop-rock prodotta da Mitchell Froom e Jeff Dawson e scritta da Powter stesso, e tratta di come l’avere una cattiva giornata sia un qualcosa che capita a tutti.

Il brano è stato un successo mondiale: dopo aver raggiunto le vette di classifiche di molti paesi europei, fu proposta anche negli US, riuscendo nell’impresa di diventare la seconda canzone ad aver avuto più download digitale di tutti i tempi.

Bad Day fu la prima canzone a vendere oltre 2 milioni di copie nel solo mercato statunitense (come cambiano i tempi e i numeri in un decennio!). Inoltre la traccia è stata nominata ai Grammy Awards 2007 nella categoria “miglior performance maschile pop”.

 

E voi che ne pensate? Rispecchiano le vostre aspettative o nei vostri ricordi rimangono vivide canzoni diverse da quelle scelte dal Billboard?

 

3 Commenti

  1. Ma cosa avete scritto nell’ultima? 2 milioni di copie vendute nel solo?!?!?!?!?!?!?!?

    Comunqye si, rispecchiano le annate, e nel 2016 ci sarà di nuovo adele?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here