Brandy è dunque assolutamente al lavoro! E pensiamo che il sequel di “Human” uscirà quanto prima! Una delle mie voci preferite, se non la mia preferita, sembra intenzionata a stupire con una direzione meno melense.. almeno da quello che posso intuire da queste frasi su Twitter …

“Hey my twitter bugssmile I just wanna tell yall that I recorded a f**kin smash!!!!! I am so sorry to curse but it’s the only way I can describe what this record is!!! It’s SICK!! At the studio now… chat soon♩♪♬♫♭… ⒷⓇⒶⓃⒹⓎ”

ed anche…

“Just got home from the studio♩♪♬♫♭2 amazing new songs.. these songs are unreal.. I am so excited and tired at the same time… night night☾ “

Magari ritroveremo la B-Rocka uptempo di “What About Us?”, magari vuole farci conoscere ancora altri lati che di lei non abbiamo conosciuto…, infatti ha sempre lavorato solo con Darkchild, ed in un solo CD con Timbaland! Stiamo a vedere The Dream cosa saprà farci vedere di Bran Bran!

Voi cosa dite? Io ho amato profondamente “Human” e tutti i suoi CD fino ad ora non mi hanno assolutamente deluso, la buona qualità è il suo motto…!

  • robymilian

    HUMAN STUPENDOOOOOOOOO E LO SARA’ ANCHE IL PROX ALBUM

  • Annie Hall

    ma io di fatti parlavo di radio americane e non italiane io tramite internet sento spesso le radio usa,ma se vogliamo parlare di italia,le cose non cambiano granche,e credo che nessuno abbia detto che la musica pop sia meno valida di quella r&b,ma anche nel settore pop,c’è stato un impoverimento devastante,e se esistono melodie mirabolanti con produzioni eccellenti come dici tù,e su questo non posso darti torto,dato che ho comperato alcuni cd italiani in questi ultimi mesi,ne esistono altrettante,e forse ancor di più,di scadenti e inudibili,che guarda caso, spesso sono tra le più spinte in radio.
    Insomma,non comprendere e non ammettere che oggi la musica (tranne alcuni casi) sta passando una fase creativa di grande crisi e impoverimento,bisogna avere molto coraggio,e negare l’evidenza.

    • peppe

      come non darti ragione…aggiungo soltanto al tuo ragionamento che x me la musica sta passando una fase di crisi e impoverimento non tanto x colpa degli artisti ma di chi li produce che di musica non ne capisce niente, questi sono manager con l’unico intento di far soldi,… peggio ancora se poi i consigli di amministrazione di case di produzioni e radio sono pure gli stessi e fanno capo a banche (almeno in Italia, negli USA non so ) e ecc…Pima tu dicevi che le cose rimmarrano tali e quali…io dico con questo sistema si !!! questo sistema si sta divorando letteralmente la musica di qualità….è un caso che oggi si vendono meno CD di artisti di indubbio talento? dobbiamo veramente credere che è colpa della rete ? sto ripetendo fino alla nausea che non siamo noi a fare il mercato ma al controrio e il sistema mercato che fa di noi quello che vuole. Spero di essere stato chiaro, un abbraccio.

  • OnlyBidonce

    Secondo me voi insistete troppo sul concetto che la musica commerciale, in particolare il pop, sia musica “facile”. Ma non è così, c’è anche musica commerciale che vanta produzioni eccellenti, sonorità inaudite e melodie ricercate, e che non ha niente da invidiare all’ R&B, che sembra invece più impegnato ed eseguito da “artisti”.
    Se poi vi lamentate che nelle radio non c’è abbastanza musica di qualità, dovete essere consapevoli che non siamo in America, ma in Italia, e in Italia di R&B (che presuppongo sia quella, per voi, la buona muisica, visto che screditate spesso gli altri generi) se ne ascolta solo il minimo indispensabile.

  • peppe

    ti devo dar ragione….anche se la buona musica ci sta nelle radio ma c’è ne troppo poca.

  • Annie Hall

    concordo in pieno con r&b junkie,spessissimo hai vertici delle chart,soprattutto americane,ci stanno sempre le solite cozzaglie,che dietro nascondo un’immagine troppo spesso pompata dei media,in mdo tale da far sì che orde di ragazzini deliranti seguano il mito di turno inventado dalle case discografiche per abbidolarli,mito che verrà dimenticato al primo cambio di stagione,non c’è nulla di male in questo,se nonche gran parte delle produzioni si pieghino a questo meccanismo,dimenticando il vero valore e le reali potenzilità dell r&b,non è tutto così,ma in gran parte sì.
    Human è stato un bellissimo album che tutt oggi io ascolto ancora spessissimo,e a prescindere dai dati di vendite,il valore artistico non si discute,ma guardate che non si è scopre l’acqua calda a dire che questi due fattori non debbano essere obbligatoriamente gemelli,e sempre stato così,solo che oggi la buona musica più che mai,va ricercata,perche quella che entra in casa tramite le radio,è generalmente per palati facili e senza pretese,oggi basta vendere a tutti i costi,non importa con queli mezzi,e per farlo,devi andare sul banale e sul piatto,ci sarebbero un infinità di esempi da fare ,troppi,ma poi a che servirebbe,le cose per ora rimarranno tali e quali..

  • kekko

    sono contentissimo deve tornare alla grande stavolta!!

  • si cmq sta storia non è normale…come si fa a buttare nel cesso un disco e poi come se niente fosse ripartire subito con un nuovo progetto ?

    • mercato?
      Brandy ha capito che l’unica cosa da fare è riprovarci per mantenere alta la visibilità e non fare l'”assente” per 4 anni come ha fatto

      Io se penso a “Human” penso ad un album che mi ha emozionato come pochi, e tengo questa idea… poverini quelli che non l’hanno acquistato.

      • eryn

        Allora nel mondo siamo tutti poverini.
        Ce ne faremo una ragione…

      • stella, un prodotto pubblicizzato a dovere la gente lo mangia piu facilmente.
        una britney potrebbe fare un disco a rutti e strilli e venderebbe piu di qualsiasi altra release…

        si chiama mercato, si chiama “fascino della star”, si chiama “gossip” anche.. spesso le vendite vanno a braccetto con questo.. nel caso di Human i feedback di chi l’ha ascoltato sono stati veramente buoni.. ma le vendite non hanno seguito il vero valore del progetto.

      • sicuramente è il mercato e per me ha pesato molto la sua assenza prolungata…ma human per me è un bell’album e mi chiedo se può funzionare un progetto così ravvicinato..

      • peppe

        crto fino a quanto c’è gente come Britney e gaga che si fanno pubblicità solo con gli eccessi è chiaro che i giornali e media li riempi più facilmente di niente x vendere di più, a questo punto queste possono rifilarci anche m…da che la gente che non è preparata la compra senza capacità di giudicarla dal momento che lo hanno fatto x te altri. Per farla breve è il mercato ( TV, giornali, discografia )che con forza ti spinge a comprare anche spazzatura.

  • se l’etichetta molla.. la cantante in se non può che alzare le braccia!