La sua prima performance a Britain’s Got Talent ha fatto il giro del mondo, in pochi giorni è diventato uno dei fenomeni mediatici più importanti dell’anno, sto parlando ovviamente di Susan Boyle casalinga scozzese che ha stupito tutti con la sua voce. Era lei la favorita per la vittoria del programma ma in finale è stata battuta dai Diversity, ai quali è andata la vittoria.

Loro sono un gruppo di ballerini acrobatici che hanno incantato il pubblico con evoluzioni sorprendenti. Alla povera Susan rimane la medaglia d’argento ed una serie di contratti firmati con case discografiche importantissime per registrare nuovo materiale.

Anche in questo caso c’è lo zampino di Simon Cowell, proprietario della Syco (label di Leona Lewis), nonchè deus ex machina di talent show come Pop Idol, X Factor, American Idol ed ovviamente Britain’s Got Talen. Che ne dite della vittoria dei Diversity, ve l’aspettavate ?

6 Commenti

  1. e come al circo dove ci sono nani, donne barbute, x attrarre piu gente possibile , poi al momento degli
    applausi, ci sono i ballerini i trapezzisti..la tv come un grande circo…

  2. Mi fido di Thomas, è un programma che non ho seguito non vivendo in Inghilterra :-)
    E poi chissenefrega se non ha vinto sta guadagnando già abbastanza soldi x questo programma e ha pure un contratto discografico meglio premiare i più bisognosi.

    _Loray_

  3. No, assolutamente son d’accordo col fatto che abbiano vinto i Diversity, e sinceramente non avrei fatto arrivare Susan nei primi tre. Io vivo a Londra e ho seguito sin dll’inizio il casting e su di lei hanno cstruito molta storia. Brava, per carità, nessuno le toglie il merito, ma i finalisti di ieri erano davvero bravi. Guardatevi Shaheen Jafargholi,il bambino di 12 anni che canta, non è entrato nei primi 3, anche se aveva tutte le carte in regola per arivarci, ricorda la Hudson nella voce.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here