10891088_1563463960603327_1996483141_n_0

Non sempre quando un artista presenta una bellissima voce ed un timbro perfetto per un determinato stile i suoi produttori si rendono conto di tali potenzialità. A volte, capita che voci che risulterebbero grandiose in un dato tipo di musica si ritrovano a portare avanti repertori in cui pur risultando belle non riescono a farsi valere in toto, in cui certe caratteristiche rimangono sepolte ed i loro punti di forza vengono presi sottogamba. Questo è sicuramente il caso di Charlie Puth.

Il ragazzo ha proposto un debut album prettamente pop in cui dimostra di possedere un buon strumento vocale, una voce molto solida ma che non riesce a farsi notare come potrebbe in un altro contesto. Parliamo di un disco sicuramente valido ma che nel complesso non si discosta molto dal resto della musica che circola, che non permette all’artista di risultare diverso dagli altri, e dunque di costruirsi un fanbase.

Detto questo, voi potreste chiedervi: ma allora quale stile dovrebbe adottare Puth per farsi notare? Ebbene, secondo noi il suo timbro sarebbe perfetto per un tipo di pop che possa strizzare molto l’occhio al country, un tipo di musica simile a quella contenuta nel debut album di Shawn Mendes “Handwritten”. Ebbene, questo pensiero che noi portiamo avanti da un po’ è stata confermata da una cover della hit planetaria “Stitches” che l’artista ha proposto ai microfoni di Capital FM.

L’interprete in realtà ha cantato anche “Hotline Bling” di Drake, ma noi vorremmo farvi concentrare su come il suo timbro risulti perfetto per uno stile simile a quello di Puth: l’artista qua sembra molto più a suo agio del solito, e probabilmente il suo talento sarebbe apprezzato di più se la sua musica appartenesse a questo genere.

Che dire, ottima prova vocale per il ragazzo! Molto interessante, inoltre, l’idea di questo programma radiofonico britannico di far cantare pezzettini di altri brani agli ospiti! Vi proponiamo di seguito altre due performance di questo genere che abbiamo scoperto con un certo ritardo…

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here