Chris-Brown-One-Hell-Of-A-Night-Tour-Main

Chris Brown ha da poco concluso il suo tour “One Hell Of A Night” in Nord-America. Qualche giorno fa erano state annunciate nuove date internazionali, in particolare in Australia e Nuova Zelanda, previste per questo dicembre. CB è un artista di grande successo in Oceania, mercato nel quale ha ottenuto molte certificazioni con i suoi brani pop. Il cantante è anche stato diverse volte in Australia in tour nel corso della sua decennale carriera (ed anche dopo l’incidente Rihanna!). Questa volta però, con il nuovo governo, all’hitmaker sarebbe stato vietato l’accesso nel Paese per i suoi precedenti penali, nonostante abbia completamente scontato la sua pena per il caso Rihanna (2009) e sia a tutti gli effetti un uomo libero. Un altro Paese che ha fin’ora bannato Chris è stato l’Inghilterra, ma il cantante si trovava ancora in libertà vigilata.

L’ufficio immigrazione australiano, con l’appoggio del Primo Ministro,  ha affermato

“La gente ha bisogno di capire se commetti violenza domestica e poi vuoi viaggiare in tutto il mondo, ci saranno Paesi che ti diranno, ‘Non puoi entrare perché non sei il personaggio che ci aspettiamo in Australia . ‘

I biglietti per i concerti (2 tappe già sold out), sono stati ritirati dal mercato, ed a questo punto è partita una petizione da parte del team di Chris (uno dei suoi manager è australiano), da presentare al governo australiano per chiedere di consentire al cantante di esibirsi per il suo pubblico.

Ecco parte del testo:

… Chris Brown è un musicista di talento e, mentre la sua musica è ben riconosciuta, egli stesso non lo è… l’unica informazione che un sacco di persone sa di lui è il suo passato travagliato e la storia di aggressione nel 2009. In nessun modo o forma vogliamo condonare o scusare le sue azioni. Siamo tutti d’accordo che era sbagliato e anche Chris lo ha ammesso. Ha dimostrato grande rimorso. Ma qui siamo 7 anni più tardi, sempre sullo stesso tema. E ‘il momento di andare avanti. Forse anche provare a rendere un esempio positivo questa situazione.

Bannare Chris Brown che porta la sua musica non ha senso….

Chris Brown ha iniziato la sua fondazione di beneficenza nel 2012, Symphonic Love. Essa sostiene e crea programmi artistici per i giovani, incoraggiando ogni giorno al servizio, rispetto e gentilezza. Symphonic Love crede nella capacità che l’amore e l’arte possano cambiare il mondo. Dal 2012, Chris, la sua squadra ei suoi fans hanno unito le forze e hanno partecipato a numerosi eventi di beneficenza, raccolta di fondi e di sensibilizzazione per diverse cause. Un progetto includeva per Chris passare il tempo al programma di intervento contro la violenza domestica del Jennesse Center, dove Chris ha avuto modo di trascorrere del tempo con la comunità, parlando della sua esperienza e facendo arte.

Chris Brown ha investito il proprio tempo personale per cercare di aiutare gli altri coinvolti in casi simili. In realtà, egli è un grande esempio di come le persone possano cambiare ciò che li circonda ed utilizzare le loro esperienze per aiutare la comunità.

Tutto questo concentrarsi sulla sua vita personale ha messo in secondo piano il vero motivo per il quale vuole venire in Australia, la sua musica… La sua vita personale non dovrebbe essere usata come arma contro di lui. Lui ha molti fans che lo amano e lo apprezzano come artista di talento e sono disperati all’idea di non poterlo vedere…

Chris ha fatto un errore 7 anni fa alla giovane età di 19 anni, con il tempo ha pagato i suoi debiti per i suoi crimini….

Chris ormai è maturato ed è andato avanti con la sua vita con l’aiuto e il sostegno dei suoi fans, la famiglia, amici. Ha modificato il suo “carattere” e non dovrebbe più essere giudicato per il suo passato. Ora è un padre amorevole e premuroso di una bella bambina di nome Royalty. Come un padre, con una figlia che conosco, Chris vorrebbe solo il meglio per la sua bambina. Sicurezza e protezione.

Ma per favore non fate campagna politica negandogli il diritto di entrare nel paese, uno stratagemma per guadagnare voti e l’approvazione da colleghi politici per le prossime elezioni.

Chris è stato in Australia in numerose volte dal 2009, senza alcun problema. Durante la sua permanenza in Australia, ha mostrato comportamento esemplare. La cosa più importante che ha fornito immensa gioia per centinaia di migliaia di fans….

FIRMA QUI LA PETIZIONE PER SOSTENERE CHRIS BROWN


Il ban di Chris Brown ha fatto discutere molto in Australia, testate giornalistiche si sono schierate apertamente a favore dell’ingresso del cantante nel Paese, affermando che non sarà tenere lontano un cantante straniero a cancellare gli episodi di violenza domestica che affliggono la nazione. Inoltre, anche l’opposizione politica al governo attuale ha preso la parola in favore di Chris:

12046600_1616211098603749_2038189260190500941_n 12049110_1616211075270418_1201777817909399145_n 12065729_1616211025270423_1185353875665750631_n 12079520_1616211011937091_2032358556317842424_n

 

Dalla sua, il cantante si è offerto di poter lui stesso tenere un discorso nel Paese per sensibilizzare l’opinione pubblica contro la violenza domestica:

I biglietti per i concerti sono nuovamente disponibili alla vendita, con questo comunicato:

La richiesta di Chris Brown di entrare in Australia in tour non è stata negata. Tale richiesta è attualmente sotto l’esame del ministro dell’Immigrazione. Rispettiamo il diritto di rivedere questa richiesta e abbiamo fiducia che una decisione sarà presa con la piena considerazione della sua continua crescita personale, sforzi filantropici e desiderio di esibirsi per i suoi fan. Dal 2009, Chris Brown ha visitato l’Australia in due diverse occasioni e non vede l’ora di tornare a dicembre.

  • Yoncé (#incrediblethings)

    Hanno fatto bene! Moolto bene, non é un esempio da seguire e annullare i suoi concerti é poco per quello che ha fatto!

  • In love with MUSIC

    Frza Chris

  • Suga Mama (Breaking Down)

    “Dalla sua, il cantante si è offerto di poter lui stesso tenere un
    discorso nel Paese per sensibilizzare l’opinione pubblica contro la
    violenza domestica”
    Ora domani vedremo Adele che rimprovera le ragazze in sovrappeso, Miley contro quelle che mostrano il loro corpo in modo eccessivo, Britney Spears contro le cantanti che usano troppo playback e Azaelia Banks contro le persone che lanciano frecciatine per farsi notare LOL.

    • Davidernbjunk

      Dai… si può capire un errore nella vita xD lui vuole spiegare quanto questa cosa sia stata sbagliata.

  • Francesco Teofilo

    Ha ragione l’Australia

  • Caciucco ( detto cacio)

    Per me hanno fatto bene , è un cattivo esempio per tutti!
    I cantanti prima di essere tali sono persone , e quello che ha fatto lui è stato molto grave!

    • Umberto Olivo

      però poi a jay z non dicono nulla nonostante abbia accoltellato un uomo negli anni 90. stessa cosa a mario che ha picchiato addirittura sua madre. chris viene punito tuttora solo perché ha picchiato una donna famosa, altrimenti se ne fotterebbero tutti come negli altri due citati. ora o puniscono sia lui che tutti gli altri che hanno compiuto atti del genere o nessuno, o sbaglio? non sarebbe più giusto così invece di demonizzare solo lui mentre quell’altro viene considerato un mostro sacro intoccabile?

      • Caciucco ( detto cacio)

        Non sapevo della questione di Jay z , io uniformerei la pena per tutti questo si.

    • Davidernbjunk

      Vabbe ha fatto anche tante cose buone. Poi ognuno ha il suo cervello, o vogliamo dire che i cantanti sono educatori? Vogliamo chiudere le frontiere pure a Minaj e Cyrus? A Justin perché lo hanno arrestato?

  • Veronica (shadesofwrong)

    E’ la legge australiana, non fanno entrare chi ha avuto guai con la giustizia.
    La legge è uguale per tutti :)

    • Davidernbjunk

      No. Chris è già entrato dal 2009. È una decisione presa ma non c’è la legge.

      • Boh!

        Ma perchè eliminate i commenti? Giusto per sapere!

    • Boh!

      Mi hanno eliminato il commento! Ahahahah oddio, muoio.

  • Boh!

    Hanno fatto bene! E’ un cattivo esempio per tutti, hanno fatto solo bene. Ci sono arrivati tardi, ma “meglio tardi che mai”.
    Ha commesso un crimine schifoso e qualcuno deve fargli pagare seriamente (o almeno provarci) le conseguenze, nonostate i suoi soldi e suoi fans smidollati.
    Allo stesso modo spero però che venga bannata pure Rihanna. Nemmeno tornare insieme all’uomo che ti ha massacrato è un esempio da seguire.
    Inutile dire che, se fosse stato un uomo comune, sarebbe in galera con una pena ben più dura da scontare! Ma è come sparare sulla croce rossa….
    Da qualche parte bisogna cominciare a rimettere ordine anche nel business dell’intrattenimento, ed iniziare da questo tizio mi pare un buon passo avanti.

    Questo picchia la ragazza e “poverino, oddio, ora è un’altra persona” poi arriva la Banks che si limita alle parole o ai tweet “oddio spero qualcuno faccia qualcosa, è terribile, bla bla bla”.

  • Bizzle♛// #Kehlani

    la violenza non si potrà mai scusare ,ha causato un trauma ad una donna ,ma cosa c’entra questo con la musica? Sono passati anni ed è giusto che Chris porti la musica ai fans in tutte le parti del mondo.

  • Liuk

    RIDICOLI. Ho firmato convintamente, queste “fatwe” da Medioevo devo finire. Sono passati 6 ANNI e ha scontato la sua pena AMPIAMENTE, e pure di più. Lascialo in pace, caz*o.

  • In love with MUSIC

    Ragazzi, avrà pure tutti i problemi del mondo ma si tratta di un grande Hitmaker e un cantante coi fiocchi! Fatelo esibire! E’ un’altra persona ora!!!