0314-chris-brown-02-1200x630

Nell’ agosto 2014, durante una sua esibizione nel club 10AK al party precedente agli MTV Video Music Awards, Chris Brown ha visto verificarsi una sparatoria nel bel mezzo della sua performance, un avvenimento in cui gran parte del pubblico ha rischiato la vita a causa delle gesta di una gang criminale. L’evento vedeva Chris esibirsi, ma c’era anche Pia Mia, artista con cui ha ottenuto l’anno successivo una buona hit col brano “Do It Again”. Gli spari erano indirizzati contro il magnate dell’ Hip Hop e produttore Suge Knight, che è rimasto ferito insieme ad alcuni altri presenti. Chris ovviamente ha immediatamente abbandonato il palco per evitare di essere ferito.

All’epoca, giravano rumors secondo i quali Chris fosse affiliato di queste gang, che dunque avesse partecipato nell’ organizzazione di questa sparatoria. L’artista ha sempre negato in maniera categorica queste accuse infamanti, definendole vere e proprie calunnie, ma di contro all’epoca lui era ancora in libertà vigilata a causa dei guai con la legge avuti negli anni precedenti, dunque si tennero comunque udienze in tribunale in cui fu interrogato, senza però arrivare ad alcuna incriminazione, e nemmeno venne presentata alcuna denuncia.

Ora, a moltissimo tempo di distanza da quell’avvenimento, arriva una denuncia formale. A querelare il cantante di “Loyal” è proprio il produttore discografico Suge Knight, proprietario della label Death Row Records, etichetta urban che negli anni ha prodotto i lavori di grandissimi artisti come Tupac, Dr. Dre e Snoop Dogg. Non è chiaro al momento perché queste accuse arrivino proprio ora: come mai Suge non si è adoperatao prima in tali pratiche?

Vedremo come andranno le cose in tribunale, unico luogo in cui si potrà decidere sulla colpevolezza o l’innocenza di Chris in questa vicenda.

Intanto i guai per l’artista non finiscono qua, infatti come vi abbiamo riportato qualche giorno fa, Chris è stato denunciato dal suo ex manager, Mike G, per percosse, manager che Chris aveva licenziato qualche mese fa, poco prima di partire per il suo tour europeo (SCOPRI DI PIU’ QUI).

Ora un altro membro del suo staff si associa alle accuse di Mike, affermando che Chris ha avuto un comportamento intimidatorio nei suoi confronti, probabilmente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

  • Ya

    Io ho anche sentito che non voleva le ragazze nere nel privè quando era qui in Italia, e poi una fan è stata maltrattata da lui