banner-blackpyramid

Chris Brown oltre ad essere uno dei pochi artisti che riescono a rimanere rilevanti e soprattutto attivi con il passare degli anni, é anche un imprenditore che la sa lunga! L’artista è tornato da poco con il suo nuovo singolo “Party” in collaborazione con Usher e Gucci Mane, di cui é stato anche pubblicato il videoclip lo scorso venerdì, e per questo ma non solo ha deciso di concedere una nuova intervista ad una rivista di moda femminile statunitense, WWD (Women’s Wear Daily).

Il cantante ha ovviamente discusso di musica, ha risposto a domande su Rihanna, é stato inoltre chiarito che il suo documentario biografico sarà pubblicato in 300 sale americane nei primi mesi del 2017, ed inoltre si é soffermato sul suo marchio di abbigliamento Black Pyramid, ormai richiesto da molti negozi americani, tanto che Breezy ha iniziato a esportarlo anche in Europa, con degli store temporanei nelle maggiori città europee, tra cui Amsterdam (migliaia di capi sono stati venduti in pochi giorni nonostante l’assenza di Chris) proprio qualche giorno fa, mentre nei prossimi mesi sarà la volta di Londra, Parigi, Milano, Barcellona e persino Tokyo. Nel solo mese di ottobre 2016 Chris Brown ha fatturato un milione di dollari grazie alla sua linea di moda, e si stima che chiuderà il 2016 con un profitto di ben 20 milioni di dollari, grazie alle ordinazioni di merce da parte rivenditori di tutto il mondo.

Un successo incredibile per Chris, che a questo punto pianifica di lanciare una catena di negozi “Black Pyramid” entro i prossimi 10 anni. Tra i testimonial del marchio anche la nota star della musica Will.i.am

15232169_1016609188450923_8882133767225136090_nEcco alcuni stralci significativi dell’intervista:

A proposito dei suoi trascorsi con Rihanna:

“Sento che le mie opinioni possono essere male interpretate, ma non si può mai negare il talento e la musica che mi porto dietro. Posso scegliere se dimostrare il mio valore o chiedere scusa per un errore che ho fatto quando avevo 17 anni. Ora ho 27 anni. E ‘stato 10 anni fa. Sono convinto che 10 anni fa, tutti abbiano fatto cose di cui si sono pentiti. Nessuno vuole vivere con questo marchio, ma riflettendoci, non mi importa di questo marchio. Sono in un buon stato d’animo, conosco il mio obiettivo. È per questo che la mia musica è ancora rilevante. “

Sull’accusa di minaccia a mano armata, dimostratasi falsa

Quando la gente vede i titoli su Chris Brown, trova notizie negative o una storia negativa perché viviamo in un mondo in cui la stampa scandalistica vende. Perché vogliono vendere prima, a loro non importa se è la verità. Oggi, le mie priorità sono di concentrarmi di più. Io lavoro su ciò che voglio diventare come adulto, musicista, imprenditore, designer e creatore. Voglio solo sfruttare ognuna delle mie capacità artistiche “.

screen-shot-2016-09-21-at-2-11-44-pm

Sulla sua linea di moda:

Gli stilisti sono come un gruppo esclusivo, di solito sono molto falsi, si stringono la mano e sono cordiali, ma pensano solo al proprio interesse.  Io non lo faccio. Vorrei rimanere e sincero.

Il mio brand sottolinea l’individualità, essere se stessi, la consapevolezza di sé, pur essendo confortevole. I vestiti sono come una seconda pelle. Si tratta di fiducia in se stessi. Voglio fare indumenti in cui ci si senta bene, che diano fiducia a chi li indossi. Ma pur rimanendo accessibile nei prezzi. Io non voglio rovinare la gente perché sono cresciuto in povertà in un ghetto. So cosa vuol dire lottare. Ho vissuto in una roulotte con 13 persone. Abbiamo avuto una stufa a kerosene.

Sulla musica:

“Quando creo la mia musica, non mi metto alcuna barriera. Io non ascolto gli altri musicisti alla radio, perché non voglio che le mie canzoni siano come le loro. Nel corso degli anni, ho trovato che la musica non sia più la stessa. Tutti cercano di copiare l’ultima hit. Io non sono arrogante o di parte, ho solo fatto un passo indietro. Vado in studio, ascolto la musica che mi fa sentire bene e che ho creato con la mia squadra. Cerco di essere me stesso. Non voglio chiudermi in una scatola, io non devo. ”

Sul suo documentario:

“Come esseri umani, siamo limitati dalle insicurezze e dalle paure che i nostri genitori ci hanno trasmesso per proteggerci. Non vogliono che noi ripetiamo i loro errori. Ognuno cerca di essere accettato e amato tutti. Dobbiamo guardare al di là delle imperfezioni, se si è in sovrappeso, falsità, il narcisismo, l’arroganza e il razzismo. Tutto questo viene dalla paura. Il mio obiettivo è quello di cambiare la situazione e mostrare alla gente che “possono provare a sminuirvi ma non dovete mai arrendervi’. Sono sicuro che Michael Jordan non sia stato il migliore all’inizio, ma non si è fermato finché glielo diceva il cuore ”

Quando dici non posso farlo, hai già perso. Prova e se non riesci, va bene. Imparerai cosa  è il fallimento. La caduta consente l’apprendimento. Questa è l’opportunità di svilupparsi, crescere e conoscere ancora ed ancora … Non ho bisogno di essere un modello, ma mi piacerebbe essere una fonte di ispirazione, perché, nel bene e nel male, si impari qualcosa. ”

15542132_1029783880466787_3257153550822086947_n-1

15232317_1016673238444518_1142160497901217756_n

  • Viktor Nunzy

    SE POI RILASCIASSE UN SOLO ALBUM CON GLI ESTRATTI unheard music via periscope on 01/10/16

  • MUSIC is the way.

    un grande artista! grande chris!!!