Nella classifica singoli mondiale siamo in un periodo  in cui la differenza nelle classifiche la fanno gli uomini, accompagnati in alcuni casi da un prezioso aiuto femminile. Aiuto di cui non ha bisogno però Justin Timberlake, da 9 settimane alla 1 con “Can’t Stop The Feeling”. Le possibilità che il singolo diventi la canzone di maggior successo dell’anno si fanno ogni settimana più concrete.

maxresdefault (45)

 

Intanto alla 2 troviamo per la seconda volta “This Is What You Came For” di Calvin Harris e Rihanna (aveva debuttato proprio alla 2). La canzone sale a 300.000 points, questo aumento è parzialmente dovuto al putiferio iniziato con la rivelazione che Taylor Swift ha co-scritto il brano. Potranno Calvin e Rihanna superare Timberlake? Per ora pare difficile.

Scende alla 3 Drake con “One Dance” ft WizKid & Kyla. Rimangono stabili alla 4 e alla 5 ma guadagnano in punteggio “Chep Thrills” di Sia e “Don’t Let Me Down” dei The Chainsmokers e Daya. Si confermano in top 10 Adele, Kungs vs Cookin’ On 3 Burners e Mike Posner. Ritorno in top 10 per le Fifth Harmony.

Perdono invece la top 10 sia Pink che Desiigner. Shawn Mendes sale dalla 19 alla 13 con “Treat You Better”.  Sale in punteggio ma non si schioda dalla 20 “Into You” di Ariana Grande.  Torna a risalire un po’ inaspettatamente “Hymn For The Weekend” dei Coldplay (con Beyoncè). La canzone più longeva della classifica rimane “Love Yourself” di Justin Bieber da 35 settimane in classifica (totale di 8.442.000). Debutto alla 29 per “We Don’t Talk Anymore”, il duetto tra Charlie Puth e Selena Gomez. Infondo alla top 40 troviamo il debutto dei One Republic con il singolo “Wherever I Go”

A PAGINA 2 LA CLASSIFICA COMPLETA

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here