Dopo il successo ottenuto assieme a Pitbull e Jennifer Lopez con l’inno degli ultimi mondiali di calcio “We Are One”, la cantante latina Claudia Leitte è finalmente pronta per il suo debutto internazionale con un progetto in lingua inglese.

Da un’interprete che ha raggiunto la notorietà internazionale con un brano del genere, nel momento in cui prova ad emergere in piena estate ci si aspetterebbe un classico tormentone facile e di dubbia qualità, ma non è questa la strada intrapresa da Claudia.

A sorpresa, la star latina ha scelto di tentare il colpaccio con una power ballad intitolata “Signs”, un brano che ci fa immediatamente dimenticare lo scempio che faceva da colonna sonora ai mondiali un anno fa.Claudia-Leitte-Signs-2015

“Signs” è una ballata di ottima fattura, raffinata tanto nella base quanto nell’interpretazione ma anche potente e d’impatto, una di quelle power ballad che (scusate il gioco di parole) lasciano davvero un segno in chi le ascolta.

In questo pezzo lo strumento vocale di Claudia emerge in tutta la sua bellezza e la sua espressività, risultando particolare e molto più adatto all’interpretazione di canzoni di questo genere che non all’esecuzione del classico prototipo di tormentone.

Per quanto sia difficile, mi auguro che questo brano possa ottenere successo. Voi che ne dite?

 

  • Fabiola Leitte

    un maior cantora do brasil!! Claudia Leitte <3

  • FedEx

    Corcordo con lo scempio XD Inoltre aggiungerei che apparte noi polli italiani che l’abbiamo fatta arrivare perfino in seconda posizione FIMI, per fortuna negli altri paesi è stata abbastanza “scagata”.

    • SamFenty

      L’hai uccisa in due secondi ahahahahah