Dopo il buon successo dell’album di debutto “Contrast”, ora Conor Maynard è in procinto di pubblicare il suo secondo album. L’artista ha premierato già nel mese di agosto il lead single “R U Crazy?”, tuttavia dovremo aspettare ottobre per poterlo vedere nelle classifiche del Regno Unito. In attesa di poter annunciare il titolo del disco e di entrare nel vivo della promozione, Conor sta comunque cercando di farsi spazio in questo periodo affollatissimo in quanto a release. Per riuscirci, ha deciso di pubblicare un suo medley di 3 delle maggiori hit di questo periodo: “Wrecking Ball” di Miley Cyrus, “Burn” di Ellie Gouglin e “Hold On, We’re Going Home” di Drake.Cattura

L’esperimento è riuscito davvero molto bene: Conor ha dimostrato, come mai prima d’ora, quanto la sua voce sia versatile e potente e quanto lui sia maturato rispetto ai tempi di hit facili come “Can’t Say No”, proponendoci una performance davvero sublime con falsetti che si fanno particolarmente interessanti soprattutto mentre canta “Burn”. Devo dire che mi sono ricreduto moltissimo nei riguardi di questo ragazzo: se durante il suo debutto lo consideravo un semplice e trascurabile Justin Bieber wannabe, ora trovo che lui sia una grande promessa per il pop maschile, soprattutto in un periodo in cui, fatta eccezione di personaggi come Justin Timberlake, Justin Bieber e Jason Derulo, la stragrande maggioranza delle hit pop è lanciata da cantanti donne. Vi posto di seguito il live della performance, che ne dite?

6 Commenti

  1. Vabbè se Jason Derulo è un cantante di spicco siamo messi bene!
    La musica pop negli ultimi anni, più che mai, è stata rappresentata da figure femminili. Giovani come Conor sono una boccata d’aria fresca in un genere dove pochi maschi si sono dimostrati qualcosa di più rispetto alla massa!

  2. Tralasciando la mia antipatia “a pelle” devo dire che non mi piace lo stesso come cantante mi sa di già visto e a mio parere non aggiunge nulla di nuovo al panorama musicale. Concordo però con il resto dell’articolo che il pop maschile è un pò povero di personaggi oltre che cantanti bravi e, per quanto mi piaccia, Jason Derulo, come impatto mediatico, non si può certo paragonare ai due Justin.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here