davidguettaf

Dopo i risultati commerciali buoni ma non esaltanti dell’inno ufficiale degli Europei di Calcio “This One Is For You”, brano interpretato dalla cantante svedese Zara Larsson, adesso David Guetta ha intenzione di fare le cose sul serio per il suo vero comeback musicale, che probabilmente lo porterà a pubblicare un nuovo album nei prossimi mesi. Il DJ francese ha pubblicato in queste ore un nuovo singolo intitolato “Would I Lie to You Baby”, e si tratta di una collaborazione con un altro produttore francese ben noto, Cedric Gervails, ed un cantante americano, Chris Willis.

Il brano, cover dell’omonima hit del 1992, è una traccia house che segue le linee guida classiche del genere, e di molti brani salienti nella discografia di entrambi i produttori: un inizio slow, il ritmo che si fa sempre più incalzante col proseguire della strofa, un intensificarsi progressivo che prepara l’ascoltatore a scatenarsi con tutta la sua foga, e poi una vera esplosione del ritmo nel ritornello. Solito copione insomma, ed una formula sicuramente perfetta per le discoteche, ma non molto forte nelle radio, motivo per il quale difficilmente Guetta potrà vantare un’altra hit mainstream, per quanto con questo pezzo potrebbe invece firmare un successo molto forte nelle discoteche di tutto il mondo.

Gli anni in cui Guetta riusciva a mettere su un successo dopo l’altro sono finiti, tuttavia il DJ resta ancora forte, i numeri di brani come “Hey Mama” lo dimostrano, e siamo sicuri che se dopo questa traccia ne rilascerà un’altra con le ritmiche compatibili con quanto richiesto dalle radio potrà fare bene nelle charts. Voi che ne pensate di questa traccia?

  • Alfonso

    e in tutto ciò non si fa minimo cenno nell’articolo che il pezzo è una – pessima – cover di Would I Lie to You? di Charles & Eddie degli anni 90, lo si capisce leggendo il titolo.
    Ma vabbè…
    Anche Misha B ad un X-factor britannico di qualche anno fa la coverizzò meglio, 300 volte meglio, Guetta avrebbe fatto bene ad ascoltare quella cover prima di storpiare il pezzo. Non c’è più religione

  • nowisthemoment

    Ma sbaglio o quel ritornello mi sembra di averlo già sentito, siamo sicuri che non ci sia un campionamento ??

    • Marco C.

      In realtà è una cover rivisitata in chiave house della canzone omonima del 92 di Charles & Eddie