Che Demi Lovato in passato abbia avuto dei problemi con il mondo della droga non è certo un mistero. Come lei stessa ha dichiarato in una recente intervista, l’abituale consumo di cocaina è stato uno dei fattori per i quali nel 2010 l’interprete è stata costretta a chiudersi in rehab, luogo in cui è fortunatamente riuscita a risolvere tutti i suoi problemi. Nonostante ciò, il ricordo di quegli spiacevoli avvenimenti continua tuttora a turbare la star ventunenne, la quale, dopo aver dedicato canzoni come “Skycraper” e “Warrior” proprio a queste vicende personali, recentemente ha effettuato una dichiarazione atta a colpire tutti i colleghi che sminuiscono la piaga sociale della droga parlandone come se fosse un semplice divertimento.

Ecco cos’ha dichiarato Demi sull’argomento: “Vorrei che più persone sapessero e capissero quanto mortale e seria sia questa MALATTIA. Le droghe non sono qualcosa da glorificare nella musica pop o in un film, da ritrarre come innocuo divertimento per il tempo libero. Non è carino, ” cool ” o qualcosa di divertente . E’ molto raro che le persone possano effettivamente controllare la loro dipendenza e anche allora non si sa mai quando queste sostanze staranno per distruggere la loro vita”. Una posizione forte quella dell’interprete di “Neon Lights”, la quale dimostra con queste parole una maturità superiore a quella di tante altre giovani star della sua età. Che ne dite di questa dichiarazione?

11 Commenti

  1. non avete capito il suo discorso, non dice che l’argomento deve essere un tabù, se la prende con gli artisti che fanno passare la droga come un qualcosa di bello, da provare ecc non ci vuole tanto per capirlo eh !

  2. Ragazzi la musica ed il cinema sono anche un modo per evadere dalla realtà! Se nemmeno in questi campi lo si può fare allora è meglio chiudere baracca e burattini.
    Oltretutto lo dice una come la Lovato che fino a 3 secondi fa sniffava una striscia dietro l’altra….doveva essere proprio colpa della musica e dei film, vero gran pezzo di scema?

  3. è ammirevole e controcorrente questa presa di posizione
    brava demi
    io non sapevo della sua dipendenza da cocaina :O certo che la droga gira proprio ovunque, anche alla disney tra poco
    che schifo

  4. eh basta sti articolati su Demi Lovato,ogni volta che apre bocca le fate un articolo.
    E heart attack raggiunge il 2xplatino, e Demi si è colorata di capelli di rosa,e Demi forse entra in studio di registrazione anche se non si è ancora capito per cosa,e Demi dice no alle droghe.Basta.
    Capisco Umberto che sia il tuo idolo e le muori dietro ma cosi la stai facendo odiare!

    • sono tutte notizie importanti e per cui avremmo fatto un articolo per chiunque in quanto:
      1)il 2 x platino lei non lo aveva mai raggiunto, e faccio sempre articoli quando qualcuno ottiene risultati a cui fino a quel momento non ero arrivato.
      2)il cambio di acconciatura era direttamente connesso con la promozione del tour, quindi perché non parlarne?
      3)quando un artista entra in studio di registrazione, facciamo SEMPRE un articolo, indipendentemente da chi sia
      4)quando qualcuno parla di temi sociali importanti come questo in un’intervista, facciamo sempre articoli

      ora se puoi spiegarmi dove sono gli abusi che ho commesso te ne sarò immensamente grato. GRAZIE

  5. Per gli utenti qui sotto… ci lamentiamo tanto dello schifo che c’è in giro e quando finalmente troviamo una ragazza umile e con i piedi per terra le diamo contro. Io non vi capisco… peraltro ha detto una cosa giustissima, eh.

  6. Dipende: se uno ne parla così per fare ha ragione la Lovato, al contrario se uno ne parla seriamente in generale o per esperienza personale non ci vedo nulla di male.. anzi è importante riflettere anche su questo tema

  7. che è una suora mancata e si sta costruendo l’immagine della star disney contro corrente. A parte che nelle canzoni pop ci sono più che altro inni all’alcool (che ricordo a santa demi essere legale) e poi a droghe leggere non certo gente che invita a farsi di crack ed eroina (sempre nel pop). Siccome io sono a favore della legalizzazione delle droghe leggere non sono d’accordo con la suora. Nei film lasciamo stare, figuriamoci se una forma artistica come il film non può permettersi di raccontare le droghe!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here