Kesha è tornata e pubblico e stampa/media sembrano essere tutti dalla sua parte! Un comeback più che promettente per la cantante

Kesha ha rilasciato lo scorso giovedì il primo singolo solista dopo 4 anni, durante i quali si è parlato di lei principalmente per il processo contro il suo produttore Dr. Luke. Praying è un nuovo inizio in tutti i sensi, non solo perché segna simbolicamente la possibile rinascita di una carriera che sembrava ormai spacciata, ma anche perché rappresenta un genere musicale quasi completamente nuovo per l’artista, molto più introspettivo e altrettanto meno spensierato e divertente di quanto non fossero i suoi pezzi più celebri.

“Questa canzone parla di me che cerco di trovare pace con la consapevolezza che non posso controllare tutto, perché cercare di controllare tutto mi stava uccidendo. Parla di imparare a lasciarsi andare e realizzare che è l’universo a controllare il mio destino, non io”

La maggior parte del pubblico, fans e non fans, è stata piacevolmente sorpresa da Praying, e la conferma si può vedere tramite le classifiche, dove il singolo sta tenendo bene a 4 giorni dalla pubblicazione, cosa tutt’altro che scontata per un personaggio che mancava ufficialmente da così tanto tempo. Anche noi abbiamo apprezzato il brano fin dal primissimo ascolto, ben lieti di aver scoperto una Kesha diversa, più matura e profonda (musicalmente parlando, ovviamente).

Vista la calda accoglienza che molti, voi per primi, avete riservato al ritorno di Kesha, non siete curiosi di sapere cosa ne pensa la stampa? Ve lo mostriamo noi attraverso alcune reviews di Praying:   


FORBES: Kesha e il suo ritorno trionfale con Praying. Dopo anni di battaglia con la sua label…la popstar è finalmente ritornata con un nuovo sound e una canzone veramente notevole…il nuovo singolo Praying, che è allo stesso tempo sorprendente e pieno di valore, una combinazione che sicuramente catturerà la gente fin dal primo ascolto.

ROLLING STONE: Kesha dà un assaggio del nuovo anno, a 5 anni dall’ultimo, con una canzone trionfante intitolata Praying.

SEATTLE TIMES: Kesha è tornata con il tormentato ed emozionante singolo Praying. La canzone prende una strada importante, senza mai citare esplicitamente Dr. Luke, e incanala la depressione e agonia della cantante in un ruggito – inno che uccide con la sua dolcezza.

POPCRUSH: Kesha è rinata dalle sue ceneri. La popstar ha rilasciato il suo nuovo singolo, Praying, giovedì, ed è un potente manifesto della sua forza come donne, artista e guerriera.

PITCHFORK: Praying era un inno ancor prima che la prima nota fossa suonata, ed ora suona come se fosse costruito proprio seguendo quella qualità. All’inizio tocca il cuore come farebbe Adele; alla fine come Florence Welch dirige un’orchesta, ma al centro è Kesha, con una voce meno manipolata e più forte di quanto fosse solita apparire nelle produzioni di Dr. Luke.

NME: la star ritorna combattendo i suoi problemi di disperazione e disperazione con un emozionante singolo

USA TODAY: Praying di Kesha è una potente comeback ballad che parla di trovare la pace dopo la tormentata questione Dr. Luke. La cantante è cresciuta e vuole inviare un importante messaggio attraverso il suo nuovo singolo.

IDOLATOR: Praying è una potente ballad che affronta tutto il caos legale, mentale ed emozionale degli ultimi quattro anni. Bentornata!

VULTURE: Kesha fa un gigantesco passo verso la libertà con il nuovo biblico singolo solista

TELEGRAPH: …la sua nuova canzone, Praying, è una sincera power ballad che mette luce nelle traumatiche esperienze da lei vissute durante il tempo passato lontana dai riflettori per colpa della caotica rottura con il suo produttore storico.

BILLBOARD: Kesha è tornata con un singolo carico di emozione, dopo troppo tempo percorso in un deserto musicale.

VOX: il nuovo singolo di Kesha, Praying, è una ballad che fa terra bruciata per quanto riguarda tradimenti e speranza

HUFFINGTON POST: la nuova canzone di Kesha è qui, ed è una potente dichiarazione di addio ai tempi bui

L.A. TIMES: Kesha torna con un trionfale nuovo singolo, una provocatoria ballad sul superare le avversità, che comincia con una profonda introduzione parlata


Insomma, come potete vedere anche la stampa ha accolto più che positivamente Praying, per un’era che, dopo tanta sofferenza, sembra iniziare con i migliori propositi.

In bocca al lupo Kesha!

 

 

 

  • Sidereus

    Un ritorno bollente e sorprendente! Fiero di lei, della sua forza interiore e di questo brano eccelso. Bellissime poi le parole del Seattle Times; “…Incanala la depressione e agonia della cantante in un ruggito – inno che uccide con la sua dolcezza”.
    Niente di più vero. ❤️

  • ♪Calɘb

    Grande Kesha, chi l’avrebbe mai detto!!!!!!!

  • Marco

    Singolo dell’anno per quel che mi riguarda

  • Navy_Kpop_Swift

    Speriamo bene