Ieri, 24 novembre, è stato rilasciato il nuovo album / compilation di Eminem “Shady XV”, vogliamo celebrare anche noi a modo nostro Eminem, entrando nella sua discografia alla ricerca di brani eccezionali che sfortunatamente non furono scelti come singoli, ma che rendono comunque grande questa figura.

eminem

Vi sorprenderà trovare una traccia da “Infinite”, suo primo album. In effetti, il materiale è grezzo e, per molti della critica, di qualità molto scarsa. Bisogna ammettere che Eminem non aveva ancora trovato il suo carattere e, come affermò lui stesso, si era rifatto molto ad AZ. Ma c’è del buono in “Infinite” e io lo trovo in “Never 2 Far“. In questo brano, prodotto da Jeff Bass e Mr. Porter, personaggi importanti per la carriera di Eminem, l’MC di 313 (cioè Detroit) canta dei problemi finanziari e delle sue speranze di diventare presto ricco. La storia gli realizzerà presto il sogno, sostenuto da alcuni membri del collettivo D12 e dal suo talento.

Andiamo avanti con la sua carriera ed Eminem esplode con “My Name Is”, frutto di una geniale idea di Dr. Dre, che lo mette sotto la sua ala protettiva. Ma “The Slim Shady LP” è pienissimo di altre grandiose tracce, come “If I Had”, “My fault”, “Just Don’t Give a Fuck” e il suo seguito “Still Don’t Give a Fuck”. Per quest’album sceglierò tre tracce, di cui una è tra le mie preferite mentre le altre due sono determinanti nella carriera di Eminem.

La prima traccia è “Rock Bottom“. Penso che sia molto più importante delle altre citate prima perchè questa si concentra sulle difficoltà che il rapper ha dovuto affrontare per crescere una figlia senza avere molti soldi. Questa situazione lo portò alla depressione e aggravò la sua dipendenza. La canzone è ammirabile perchè, su una base minimalista, risaltano i versi di Eminem e non si potrebbe richiedere di meglio!

La seconda canzone è “I’m Shady“. E’ in questa bizzarra produzione dei fratelli Bass ed Eminem che per la prima volta compare Slim Shady, alter ego malvagio del rapper. E’ anche in questa canzone che troviamo una tecnica particolare di Eminem, che canta cose buffe / strane nei primi due versi, per poi diventare serio nel terzo.

La terza canzone è “Bad Meets Evil“. Si tratta della prima collaborazione con Royce da 5’9” e da questa canzone sorgerà il duo Bad Meets Evil, il cui unico album, però, è stato pubblicato nel 2011. Ritroveremo la coppia proprio nella compilation “Shady XV”, ma sarebbe bello anche ascoltare un loro nuovo album. … “Cause this is what happens when Bad meets Evil“!

 The Marshall Mathers LP” è il primo album che sarà rilasciato dalla Shady Records. Purtroppo è anche il periodo della separazione di Eminem con Kim. Ma per non appesantire troppo il discorso, come chiusura scelgo “Bitch Please II“, con una super-squadra composta da Dr. Dre (anche produttore della traccia), Nate Dogg, Snoop Dogg e Xzibit. Questo brano è il secondo capitolo del singolo “Bitch Please” di Snoop Dogg con Nate Dogg e Xzibit ed arrivò comunque alla 66esima posizione della Hot 100 di Billboard, nonostante non fosse stata scelta come singolo.

Naturalmente il discorso non si potrà esaurire qui, ma è ancora da “The Marshall Mathers LP” che vorrò ripartire per la seconda parte di questo viaggio!

Condivisioni 10