14358660_1230363606984362_2607415708388390181_nx

Lui lo aveva annunciato. Dopo aver lanciato quest’estate un singolo dalle venature fortemente pop e commerciali come “Cult”, Emis Killa aveva precisato che questa non sarebbe stata la direzione dell’intero disco, e che questo progetto lo avrebbe riportato anche verso sonorità e testi più duri, brani che lo avrebbero avvicinato molto alle sue radici musicali puramente hip hop e quindi alla musica americana (QUI per approfondire).

Ebbene, questo è accaduto con il suo nuovo singolo “Dal Basso”, brano pubblicato in questi giorni con tanto di videoclip ufficiale. Una produzione che effettivamente ricorda da vicino quelle americane, ma che non segue prettamente le mode degli ultimi anni. Suoni “cattivi”, energici, prorompenti che creano un’atmosfera tesa ed aggressiva, perfetta per una traccia del genere, e che preparano fin da subito ad un flow arrabbiato, rissoso, con liriche che rimandano perfettamente a temi classici dell’hip hop (l’avercela fatta pur partendo da una situazione non proprio agiata, diss a chi critica lui ed il suo genere, ed argomenti simili).

Si tratta di un brano che sicuramente ha molte più possibilità di conquistare gli amanti del genere rispetto a quante ne abbiano i recenti brani dell’artista. Anche il video rimanda perfettamente all’hip hop più puro, sia per le ambientazioni (un club e strade in cui Killa scorrazza in moto) che per la gestualità e la presenza scenica evidenziata dal rapperi. Per lui è sicuramente un rischio porsi così in un paese come l’Italia, in cui di vero hip hop ce ne sta pochissimo. Vedremo cosa riuscirà a fare, intanto non possiamo non apprezzare questa mossa.

Il nuovo album di Killa, “Terza Stagione” uscirà il 14 ottobre via Carosello Records.

https://youtu.be/AIV_23Y_U6U

Testo

Per un attimo guardate giù
dove c’è solo vergogna e pattume
partito dal basso per farmi sentire
quindi col cazzo che abbasso il volume

Capo del rap, la mia umiltà
non c’entra niente coi capi firmati
se spendo 2 pali da Gucci
è perchè da bamboccio giravo con gli abiti usati

sono sempre lo stesso
solo che adesso c’è il sole e io spero non piova
mani ovunque come una piovra
per non fare la fine di Povia

Non mi stupisco di quanto è successo
tanto è sempre la solita storia
da pezzente ti vogliono bene
ma se fai successo la gente ti odia

La mia musica è chimica
poche le cose che tengo in considerazione
autostima, autocelebrazione
meglio che l’autocommiserazione

la gente vocifera di ciò che ottengo
non considera il tempo che spendo
sapesse che freddo in quell’appartamento
per poco crepavo di assideramento

Ho rischiato e chi c’era lo sa
ogni stronzata si spiffera al vento
questo paese è una figa dentata
ed Emis Killa lo infilerà dentro

molta più grana molte più grane
non c’ho più fame non c’è che fama
mo che la mia stessa gente mi infama
com’è successo con Dolce & gabbana

Nella mia vita ho provato di tutto per essere al top
non mi scambiare per certi perdenti io ho preso coi denti ogni cosa che ho
porte sbattute sopra la mia faccia fino all’altro ieri dicevano no
e oggi che passo per strada brillando li sento che dicono whooo

La vita è bastarda io avevo 2 opzioni per scalare quella montagna
riempire quintali di carta o in banca col passamontagna
Oggi mamma è commossa e piange perchè ogni volta che faccio show
quando salgo sul palco fanno whoooo

E’ morto Emiliano ma con Emis Killa nei dischi è rinato
dalla scena ero discriminato, ora sui loro dischi ci cago

spietato e iracondo
musica killa proiettili in radio
perchè quando vieni dal fondo
pensi col cazzo fra che ci ricado

e i cantanti che un tempo sfottevano i rapper
non muovono il collo da tempo
ora che li hanno messi da parte
la loro invidia si colloca al centro

Ora stanno con la luna storta
davanti all’ufficio di collocamento
mentre per me frate è festa ogni giorno
e ogni sera è una torta una zoccola dentro

E bravo chi non si accontenta
chi non ha chanche
e le inventa
macchine che fanno 280

ma voglio che ci vedano bene
giriamo a 30
perchè chi non ha niente
ciò che ottiene lo ostenta

Facciamo i conti
fanculo l’oste dai portici a dentro sti posti
che tengono chiusi se siamo noi ospiti
ostici mandiamo indietro le ostriche

Blocco rex, figlio di stirpe di schiaffi
e non cambio su un trono da Re
perchè puoi togliere Killa dal Blocco
ma non puoi togliere il Blocco da me

Io che so ancora di polvere e fango
e non temo nessuno di questi maiali
perchè nel fango ci sono cresciuto
e so fottervi senza sporcarmi le mani