nelly-furtado-eurovision2

L’Eurovision Song Contest 2017, i cui preparativi sono ancora in alto mare nonostante le pressioni dai vari stati, potrebbe essere l’anno di un grande ritorno sulle scene, del tutto inedito. Dal Portogallo, assente dalle scene eurovisive da un anno, infatti, arriva notizia che Nelly Furtado sarebbe disposta a rappresentare il Paese nell’edizione ucraina del festival.

La popstar canadese, di chiare origini portoghesi in quanto figlia di due abitanti delle Azzorre trasferitisi nel paese nordamericano negli anni Sessanta, ha un legame molto forte con il Portogallo. Ad esempio, nel 2004 fu scelta per interpretare “Força”, l’inno degli Europei che si tenevano proprio quell’anno in tale Paese.

Nonostante abbia annunciato il nuovo album (QUI per scoprire tutte le info), la popstar sembra in voler temporeggiare ancora per il suo comeback, come se cercasse un trampolino di lancio, e l’Eurovision, con le centinaia di milioni di spettatori collegat ogni anno, potrebbe essere il palco giusto per rilaciarla. Di contro è anche vero che una star della sua levatura avrebbe potuto tranquillamente fare come Justin Timberlake, che ha performato la sua hit “Can’t Stop The Feeling” a Stoccolma durante la finale dell’edizione tenuta quest’anno (QUI per rivedere l’esibizione), performance che ha lanciato il singolo in gran parte dell’Europa, in particolar modo nei paesi scandinavi.

Ad aprire le porte ad una non utopica scesa in campo della Furtado è la sua manager, Rose Slanic, intervistata da Eurovisionary:

Se la RTP ci contatterà con maggiori dettagli e un considerabile anticipo, potremmo prendere in considerazione l’idea.

La lista di grandi nomi che hanno calcato il palco dell’Eurovision Song Contest è abbastanza lunga: solo negli ultimi anni si possono annoverare, tra gli altri, i tedeschi Cascada, la franco-indonesiana Anggun, le russe t.A.T.u. e la britannica Bonnie Tyler. Come potete notare, però, non si tratta certo di artisti che hanno avuto un successo ampio e duraturo come quello della Furtado, interprete che con i suoi primi 4 album ha ottenuto un successo molto forte a livello mondiale, e che nella sua carriera ha venduto la bellezza di 40 milioni di dischi in tutto il mondo.

Comunque, per poter rappresentare il Portogallo, la star canadese dovrebbe affrontare la selezione nazionale, lo storico e consueto Festival da Cançao. Non trovate abbastanza degradante per una cantante importante e famosa come lei duellare contro emergenti e star nazionali per avere un posto in una kermesse? E una volta lì, non sarebbe lo stesso qualora si ritrovasse a sfidare artisti conosciuti solo in patria? Pensate all’eventualità in cui arrivasse fuori dalla top 20: non sarebbe forse questo il colpo di grazia per una carriera come la sua? Siamo molto scettici da questo punto di vista… Voi che ne pensate?