Ieri sera è stata una serata davvero molto importante per il mondo della musica, con l’avvio di un nuovo servizio di streaming musicale chiamato Tidal, acquisito da Jay-Z. Il nuovo servizio di streaming sostanzialmente è un prodotto costruito da major ed artisti, che ovviamente riuscirà a coprire meglio le esigenze di copertura dei costi per gli artisti, e metterà in seria difficoltà il canale leader attuale Spotify.

Il nuovo servizio costerà 9.99 dollari per lo streaming mensile di musica (in qualità normale), e 10 dollari in più per l’audio in versione hi-fi.

All’evento hanno partecipato tantissimi nomi importanti della musica: Rihanna, Madonna, Nicki Minaj, Usher, Daft Punk, Alicia Keys, ovviamente Jay-Z e Beyoncé, e tanti altri…

L’inizio di un vero e proprio movimento! Per gli utenti finali, i fruitori di musica, ci sono alcune novità:

– gli artisti coinvolti in Tidal saranno comunque presenti ancora su Spotify, ma tutte le esclusive, e le anteprime, verranno messe in esclusiva solo su Tidal
– il costo rispetto agli altri canali streaming sarà ovviamente più alto…
– si tratta di uno dei movimenti nel mondo della musica più importanti di sempre…

Ecco alcune foto dell’evento davvero imperdibili, con le facce buffe di Beyoncé, Alicia e Nicki, ma anche la firma sdraiata di Madonna… ecco qua qualche scatto…

tidal-announcement

alicia-keys-nicki-minaj-beyonce-tidal

Screen-Shot-2015-03-31-at-00.56.26-600x339

rihanna-nicki-minaj-madonna

rihanna-tidal

beyonce-tidal-

madonna-tidal

Tutto quello che ruoterà intorno alla musica sarà contenuto in questo nuovo sistema? Speriamo almeno che questo nuovo impero mantenga le promesse mantenute ed i prezzi “abbordabili” nel tempo…

Voi cosa ne pensate? Passerete a Tidal?

103 Commenti

  1. SULLA firma distesa di MADONNA ho gia commentato prima sull’altro post. l’outfit di MADONNA E NICKY E OK E SONO CARINE, ma RIHANNA DAVVERO NON SI PUO VEDERE CON QUEL LOOK…..SEMBRA UNA GIRAFFA!!!

  2. No ma la bellezza di Beyoncé? Pure quando fa le facce sceme è stupenda!
    Comunque per quanto riguarda lo streaming, io uso quasi sempre Spotify, non pago perché in giro di solito faccio playlist che posso ascoltare anche casualmente, mentre per gli album li ascolto a casa. Compro solo gli album di cantanti di cui sono fan.
    Io poi non ho grandi conoscenze, ma se quasi tutti i cantanti sono su Spotify un po’ di soldi li prenderanno, altrimenti non avrebbero aderito.

  3. Madonna ha detto la sua su TIDAL :

    Tutto sarà spiegato e rivelato nel tempo! Abbiate fede. E ricordate che niente è gratis! Questa è una legge universale. Da qualche parte, in qualche modo, qualcuno deve pagare. C’è sempre uno scambio”. “Se poi vi state riferendo a Tidal come a dei nuovi Illuminati, ci state facendo il più alto dei complimenti. Come ho detto prima, è un altro nome per gli Illuminati, un gruppo di scienziati, filosofi e artisti che sono emersi dopo secoli di buio e hanno cambiato forma al mondo!

    • Giusto infatti. La musica va pagata, così come qualsiasi forma d’arte. Chi parla di mafia o illuminati poi non sa nemmeno cosa dice. Qui ci sono solo artisti che cercano di tutelare i propri diritti d’autore per dare un giusto valore a quello che producono, come è sempre avvenuto fino a 7-8 anni fa, altro che streaming gratis!

      • e quale sarebbe il vantaggio di questo Tidal da essere così costoso rispetto agli altri servizi?
        Il punto non è quello che dice Madonna, “niente è gratis”. Il punto è il rapporto qualità/servizio/prezzo.

      • Si, ma il punto è soprattutto: musica-artisti-guadagno non musica-aziende private-guadagno. A monte ci devestare chi la fa la musica ed è questo rivoluzionario, poi ovvio che il servizio non dovrà essere scadente ma di primo livello, ma non mi sembra questo il caso

      • Meeeeee non è perché a lady Gaga non se la sono inculcata devi fare così.
        Un album ti costa 10 dollari? Lì con 10 dollari al mese hai tutto quello che vuoi e spatte in hd.
        Tu continua a scaricare da dove vuoi e mettiti l’anima
        In pace.

  4. La musica è una forma d’arte e da quando c’è lo streaming illegale si è svilito il suo valore, infatti le nuove generazioni sono abituate che tutto è fruibile gratis e non sanno dare il giusto peso più a niente. Io trovo giusto che si debba pagare per sentire musica, così come si paga per vedere un film o per andare a teatro. L’arte NON deve essere gratis ed è sacrosanto diritto degli artisti proteggersi o pretendere un corrispettivo maggiore per quello che producono, al pari di un qualunque altro artigiano o professionista di qualsiasi settore. In ogni caso anche Spotify era a pagamento, solo che i proventi se li beccavano solo dei privati e non i cantanti. Vedrete che sempre più artisti si tuteleranno in modo analogo per far fronte a una crisi che nella discografia non ha precedenti e che sta affossando il mercato e la professionalità abbassando notevolmente il livello delle produzioni.

    • c’è ancora la versione a pagamento di Spotify ma come hai detto, gli artisti non guadagnano nulla ed è assurdo visto che alcuni di loro, hanno milioni di streams.

      • Io trovo assurdo che chiunque possa scaricare anche solo una canzone gratis da youtube. Una volta se volevi ascoltare musica dovevi pagare: dischi, cassette o compact disc che fossero. Un conto è ascoltare gratis musica random su una webradio e mi sta bene, ma se poi vuoi avere la musica che vuoi sul tuo iphone o sul pc la devi acquistare o par lo meno pagarne i diritti d’autore, come in questo caso stanno tentando di fare con questa operazione.

      • si hai assolutamente ragione ma ad esempio io ascolto moltissima musica e non posso permettermi di comprare tutto. Se potessi, lo farei.
        Compro la musica dei miei artisti preferiti e tutto il resto lo ascolto su Spotify… e anche li pago comunque lol

      • Se uno non può permettersi qualcosa non ne usufruisce, oppure aspetta, risparmia e poi acquista come è sempre stato.. va cambiata proprio la mentalità delle nuove generazioni abituate ad avere tutto online gratuitamente: notizie, musica, film, concerti, video.. sta morendo tutto infatti, il cinema, il teatro, l’editoria e l’industeria musicale. Spero che molti più artisti seguano l’esempio e si tutelino in questo modo o in altri analoghi.

      • quindi se io non posso permettermi di comprare tutta la musica che ascolto, non devo più ascoltare musica?
        che ragionamento è questo?! non puoi paragonare la musica ai vestiti o robe simili, è una cosa completamente diversa.
        Che poi io non sto neanche dicendo di avere tutto gratuito…10 euro al mese per un servizio streaming vanno benissimo.

      • Ascoltarla si, ma comprare solo quella che puoi permetterti, come è sempre stato. si come un vestito o un libro. E’ esattamente la stessa cosa. Questo significa dar valore alle cose che si possiedono.

      • Perchè è forse un bene che l’arte sia usifruibile completamente gratis e a discapito degli artisti? Wow, complimenti!

      • Streaming legale non significa gratuitamente. Ma poi di che parliamo? Tu sei uno di quelli secondo cui nemmeno Youtube dovrebbe esistere allora.

      • Comunque mi sa che hai difficoltà di comprendonio visto che il senso delle mie parole era un altro, non abolire streaming o Youtube se mai regolamentare ciò che viene scaricato illegalmente senza che gli artisti ci guadagnino nulla. Va beh, lascia perdere dai..

      • Si ma lo streaming legale non è illegale LOL e hai deciso tu che gli artisti non ci guadagnano da Spotify e co.?

      • Evidentemente nn guadagnano molto se la discografia è così in crisi e se hanno deciso di unirsi per formare un altra piattaforma musicale che possono gestire di persona. Se lo streaming è legale per me va bene, farei comunque pagare un canone fisso mensile per i diritti d’autore, mica voglio dissanguare gli utenti. Ma è giusto che chi fa musica, film o libri venga remunerato come merita.

      • Beh gran parte si, poi sai come si dice: quando il gatto non c’è i topi ballano! Un po’ più di controlli e un maggiore coinvolgimento degli artisti però non guasterebbero affatto vista la crisi in cui versano mercato discografico, cinema ed editoria non credi?

      • Appunto per quello, nessuno potrebbe mai acquistare tutte le canzoni.
        Io la penso così: se è una canzone del tuo artista preferito la acquisti, ma di artisti che praticamente ti piace solo quella canzone o anche due, la ascolti in streaming e ciao; acquistare tutto è impossibile

      • Beh la situazione è già degenerata mi sembra vista la crisi generale musica-cinema-carta stampata a causa della rete.. ci vorrebbe un po’ più di controllo ecco.

  5. SEMPRE PIù SPLENDIDA BEYONCé INUTILE NEGARLO, RIHANNA GRAN FIGA ANCHE CON QUEGLI ABITI A MIO AVVISO ORRIBILI, MA SE SEI GNOCCA SEI GNOCCA, DETTO CIò NON HO GRANDI ASPETTATIVE DA TIDAL IN QUANTO A ” SUCCESSO”.

    • NO QUESTO NON CREDO, ERANO PRESENTI ARTISTI CHE NON SONO SOTTO ” ROC NATION” O ” DEF JAM” QUINDI DUBITO SIA UN SERVIZIO FINALIZZATO A FAVORIRE ” GLI ARTISTI DI JAY Z” INOLTRE, NON DIMENTICHIAMOCI DEL FATTO CHE ” BEYONCé” NON è SOTTO CONTRATTO CON L’ETICHETTA DI JAY Z!

  6. JayZ è una persona estremamente intelligente che sa come sfruttare i suoi soldi per farne sempre e sempre di più. Ovviamente il tutto da parte sua è mosso da interessi economici, che non si dica che ha acquistato Tidal per gli interessi dei cantanti che non ci crede nessuno!

      • dovrebbero avere anche l’opzione gratuita limitata come Spotify ma alla fine è giusto che sia a pagamento. Se fosse gratis allora che senso avrebbe? tanto vale scaricare illegalmente, sarebbe la stessa cosa.

      • PERò AMMETTIAMO ANCHE CHE 20 DOLLARI AL MESE SONO UN BOTTO, E CHE A QUESTO PUNTO TANTO VALE ACQUISTARE GLI ALBUM DA ITUNES O IN FORMATO CD.

      • sisi ho già detto che 20 dollari sono tanti! la versione a 10 dollari va bene ma quella a 20 è la migliore lol

      • SI INFATTI, NON HA SENSO NEANCHE CREARE DUE PREZZI DIVERSI SECONDO ME, INSOMMA NON PUOI FARE UN ” ABBONAMENTO DI SERIE A” E UNO ” DI SERIE B” PENSO CHE MODIFICHERANNO CON IL TEMPO LE LORO OFFERTE! MAGARI INTRODURRANNO SCONTI ESTIVI, O OFFERTE ” REGALO”, INSOMMA è SOLO L’INIZIO ;)

      • si specialmente se non ha successo. Ho letto molti commenti negativi sui prezzi quindi anche secondo me nel tempo, cambieranno.

  7. Anche a me sa tanto di setta una cerimonia simile, ma sono comunque contenta che esponenti così importanti della musica odierna si siano riuniti per sostenere un progetto.
    Non so quanto possa essere parziale il fatto che sia al comando un rapper che di musica comunque ne produce.
    In effetti ora che mi ci fate pensare Lady Gaga non ha partecipato a tutto ciò, come mai? Manco Katy.

  8. cmq capisco tutti questi incontri in islanda con bjork a londra con Adele, il leccaggio di culo alla swift…li volevano alla firma della proprietà perchè sisa che taylor nn avendo niente su spoty, e avendo i cd su tidal sarebbe stata una manna dal cielo x tutti

  9. dirò la mia…MAFIA? ma quale mafia? jay z ha fatto una delle cose più belle al mondo! ha comprato da terzi un canale di musica e lo ha reso di proprietà di chi davvero ci mette la faccia e fa guadagnare soldi a altri e alle major, non vedendo letteralmente un soldo!hai cantanti…un canale di musica di proprietà dei cantanti! MADONNA nel video dice una delle cose più giuste e belle che potesse dire! se lo avesse fatto una qualsiasi cantante, comprare un programma di streaming e darlo ai proprietari veri, tipo una lady gaga sarebbe stata umile, una robin hood xke ha dato la musica a i suoi proprietari…se lo fa JAY Z è MAFIA! ANDATE DAVVERO TUTTI A FARE IN CUL*

  10. ”Ieri sera è stata una serata davvero molto importante per il mondo della musica”, io direi più per il mondo di Jay Z e Beyoncé; ”gli artisti coinvolti in Tidal saranno comunque presenti ancora su Spotify” con questa frase dico che non mi cambia nulla, le anteprime posso tenersele, non morirò; comunque queste foto mi danno l’impressione di una setta, mi fanno quasi paura; Madonna sempre irriconoscibile anche nel mettere una semplice firma. LOL

  11. sn tutti proprietari i firmatari come jay z, lui l ha solo presa e data a gli altri artisti con comuni profitti…le biografie floppettare di j.lo e mariah le avrà scritte di suo pugno madonna figuriamoci!…p.s. Jay z si crede il Lucius Lion della realtà!

  12. Avete letto le biografie su Tidal ? Praticamente Beyoncè è venerata mentre le altre vengono derise MAFFIAH . Sono contento che Gaga non abbia partecipato a questa pagliacciata

  13. Ieri c’era un’atmosfera inquietante , c’è stato un momento in cui stavano tutti in fila immobili senza parlare con quella musica strana di sottofondo,sembrava che da un momento all’altro avvenisse una rissa LOL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here