Sarà anche uno degli artisti più amati al mondo, ma in quanto a rispetto per i suoi seguaci evidentemente Drake ha ancora molto da imparare…

atl30

Ogni tanto gli artisti dovrebbero ricordarsi che se sono arrivati dove sono lo devono anche, e specialmente, ai loro seguaci, senza i quali il successo sarebbe praticamente nullo. Dovrebbe saperlo bene il rapper Drake, da anni uno dei nomi di maggior spicco del musicbiz, capace di centrare svariati record con la sua musica per merito dei suoi leali fans, che trasformano in oro tutto ciò che l’artista rilascia.

Questa premessa va fatta per introdurre l’episodio che l’ha visto protagonista in queste ore ad Amsterdam, dove si sarebbe dovuto esibire lunedì sera, se non fosse che, per la terza volta in pochi mesi, ha annullato il concerto senza preavviso. Il motivo? Intossicazione alimentare causata da sushi avariato (così riporta TMZ).

Il problema non è tanto l’aver annullato la serata per quel malessere, sebbene sia stata la terza volta in 3 mesi, ma il fatto che l’annuncio è avvenuto la sera stessa, con la Ziggo Dome piena di fans che si sono visti salire sul palco un promoter, dopo 75 min di interminabile attesa.

Ovviamente il pubblico non ha preso bene una tale mancanza di rispetto, e ha cominciato a fischiare e tirare oggetti sul palco vuoto, in segno di protesta. Per capire la rabbia e la delusione basta comunque fare un salto sui social, dove è letteralmente scoppiata una rivolta, comprensibile, contro il rapper:

Insomma, il Boy Meets World Tour sarà anche un successo, ma i fans olandesi non lo ricorderanno poi con così tanto piacere. La prossima volta magari Drake cambierà menù…

Voi che ne pensate?

  • Marco22

    Per me quando salta un concerto senza preavviso di almeno 48 ore il biglietto deve essere rimborsato con un aumento del 25% per danni di spese extra (viaggio in primis) e del 50% se il concerto salta 6 ore prima.

    • Sono d’accordissimo con te! Tuttavia non si può parlare di una mancanza di rispetto in quanto stiamo parlando di un problema di salute, in questo caso di intossicazione. Dubito che la cosa gli abbia fatto piacere/se la sia cercata di proposito… con questo mi riferisco chiaramente all’autore de post e non a te.

      • Marco22

        Avrà visto il servizio delle iene… Comunque chi lo dice che stava male oppure non aveva voglia di cantare…

      • Angelo Alberto Coscia

        La mancanza di rispetto c’è stata e come, e parlo grazie all’esperienza in prima persona. Il concerto originariamente si sarebbe dovuto fare il 20/01, ma il 13/01 l’ha rimandato al 26/01 con motivazione “aggiungere nuove features allo spettacolo”, non un troppo grande problema dato la settimana di preavviso. Nuove spese per spostare il volo, il 25/01 rimanda nuovamente lo show al 27/03 con motivazione “voler dare al pubblico uno spettacolo diverso da quello che ha fatto in america”. Il resto lo hai letto in quest’articolo, e c’era parecchia gente come me che aveva il volo di ritorno il 28/03, con concerto spostato al 29/03

      • Non sapevo di tutto questi precedenti disagi, non è stata raccontata la storia interamente. Se è però stato male davvero dubito che anche volente sarebbe riuscito a sostenere uno show.