Sono passati ben 10 anni da uno dei più scandalosi e chiacchierati Half Time del Superbowl. Stiamo parlando del 2004 quando ad esibirsi allo stadio delle finali di Football Americano salì Janet Jackson insieme a Justin Timberlake.

janet-justin

Il famoso “Wardrobe Malfuncion” fece scoprire un seno alla cantante di “All For You”, e le conseguenze furono tremende per una delle artiste di punta della musica americana fino a quel momento.

Oltre alla picchiata in carriera subita per il fattaccio, Janet venne anche messa sotto pressione dagli stessi organizzatori e dalla Federal Communications Commission, che ne fece un caso nazionale gravissimo.

Un episodio che in altri paesi avrebbe fatto certamente meno scalpore. A 10 anni di distanza prende ora parola l’allora direttore dell’FCC Michael Powell, che tramite un’intervista ammette l’accanimento nei riguardi della Jackson, ed il sensazionalismo eccessivo creato attorno a questo scandalo.

“È passato molto tempo da quando è avvenuto il fatto, e devo ammettere che il tutto è stato sproporzionato e surreale. Alla fine sono stato costretto a seguire le regole, ma devo ammettere che è stato eccessivo l’accanimento verso i due artisti Janet e Justin. In particolare Janet è stata colpita, anche se a compiere il gesto ed a strapparle l’abito è stato Justin. Definire oltraggioso questo evento è stato veramente eccessivo”.

Parole di pentimento da quest’uomo, che ora non è più a capo della commissione, e che evidentemente si è reso conto di quanto pesante sia stato per la carriera di Janet questo accanimento mediatico.

Peccato che queste scuse arrivino a 10 anni di distanza…

Cosa ne dite?

  • soldier of Madonna queen of pop

    Anche se non fosse accaduto quell’episodio Janet oggi sarebbe comunque irrilevante nella mainstream americana così come è successo alle altre 2 leggende della sua generazione Madonna e la defunta Whitney, sognate se pensate che senza “wardrobe malfunction” oggi la Jackson sarebbe ancora alla #1 della billboard hot 100 e non c’è bisogno di essere un addetto ai lavori dell’industria discografica per capirlo basta vedere gli artisti presenti in qualsiasi classificha pop americana contemporanea, sono tutti under 20, over 20 massimo over 30.

  • Non si parlava d’altro. Scandaloso fu non parlare del suo disco “Damita Jo” e gettarle chili di fango addosso per un seno apparso in TV per un secondo. Mah ..

  • leggero ritardo -_-

    • sara

      davvero…

  • Ricordo ancora la deplorevole figura di tre soldi di Justin alla serata dei Grammy quando dovette scusarsi per il fatto altrimenti l’Academy gli avrebbe fatto terra bruciata intorno. L’unica che ne ha pagato le conseguenze è stata Janet. Ma vabbè, la sua carriera solista ha spiccato il volo con il video di “Cry me a river” su Britney… E’ un bravo artista, ma all’inizio è stato troppo avvezzo a queste mosse di marketing, fortuna che gli abbiano fatto bene.