Circa 20 giorni fa, abbiamo ascoltato “The rise of the Ghostface Killah“, il primo singolo di Ghostface Killah dal prossimo “12 reasons to die”. Il brano non ha colpito in classifica (il perchè è inspiegabile), ma il rapper di Staten Island non si lascia intimidire e ha già pronto il secondo singolo: “The Sure Shot (Parts 1 & 2)”.

Come già anticipato, tutte le tracce sono prodotte da Adrian Younge e vedrà l’amico RZA come produttore esecutivo. In questa “The sure shot (Parts 1 & 2)”, Ghostface Killah inizia cantando “I don’t shoot to kill, I play to win” e continua riaffermando chi davvero è lui, lanciandosi poi in riferimenti al brano del Wu-Tang Clan “Protect ya neck”,  all’album “The swarm” e citando anche “I need love” di LL Cool J. Non c’è da meravigliarsi, quindi, se Ghostface Killah pretende di essere il migliore: ne abbiamo qui una prova per chi ancora non vuole capacitarsene. Il Rap è qui e il 16 aprile Dennis Coles dimostrarerà qual è la differenze tra lui e gli altri supposti “rapper”!

 

 

  • tupacalive

    Grande articolo, Ghostface da pista a tutti.

  • fresh

    Mah non mi è mai piaciuto tanto Ghostface .

    • tupacalive

      E chi ti piace nicki minaj ?