Dopo due tentativi di comeback fallimentari lo scorso anno con “Baby Don’t Lie” e “Spark The Fire”, finalmente le cose sembrano ingranare per la talentuosa Gwen Stefani.

La frontwoman dei No Doubt sta ottenendo un buon successo con l’ultimo singolo “Used To Love You“, e, proprio ieri, la carismatica popstar è stata ospite del programma radiofonico di JoJo Wright su KIIS-FM.

JINGLE-GWEN-STEFANI-CHRISTOPHER-POLK

Durante l’intervista, Gwen ha rivelato il processo creativo che ha portato alla realizzazione dell’intensa ballad:

La canzone non è stata scritta molto tempo fa. All’incirca un mese e mezzo fa, il che è pazzesco. Ho scritto e scritto e scritto perché la mia vita stava andando a rotoli. Come tutti sanno, le cose andavo malissimo da Febbraio. E io stavo cercando di affrontare la cosa. Poi, l’inaspettato. Continuavo a pensare che il resto della mia vita sarebbe stato così, ma non era vero. Non so che cosa è accaduto. Ho sempre voluto scrivere musica perché era ciò che mi faceva stare bene”

Il giudice di The Voice US ha poi aggiunto:

C’è stata poi una sera nello specifico, che è stata l’epicentro del tutto – non dirò di più – e il giorno successivo ho scritto il ritornello di ‘Used To Love You’, ma ancora non sapevo fosse ‘Used To Love You’. Avevo semplicemente scritto molti versi e per puro caso quel ritornello era lì, sepolto sotto tutta quella roba. Così sono andata in studio e avevo scritto tutte queste canzoni che sentivo davvero, e la casa discografica mi disse qualcosa del tipo ‘Grandioso e artistico, davvero. Forse dovremmo rilasciarla come un pezzo d’arte a sé.’. Quella frase è stata come un pugno nello stomaco per me, mi ha privato di tutta la carica emotiva. In pratica mi avevano detto che la mia musica era troppo personale e il pubblico non sarebbe stato in grado di farla sua. Il giorno dopo ho scritto ‘Used To Love You’. Sai, alle volte c’è bisogno che qualcuno ti dia un pizzico o ti dia uno schiaffo in faccia o ti tiri un pugno nello stomaco, che è proprio quello che hanno fatto loro. Ho detto al ragazzo che lavorava con me, Justin, che  volevo creare la canzone più ‘non-commerciale’, di cuore e onesta che potessi scrivere, vale a dire l’esatto opposto di ciò che volevano loro. (…) Così ho ripreso i versi e sono diventati quella canzone. Il giorno stesso, o quello successivo, i membri della record mi hanno chiamato, e, per la prima volta in 15 anni di carriera, mi hanno detto ‘Secondo noi hai una grande canzone, potrebbe diventare una hit’.

E’ sempre molto interessante quando un artista parla della gestazione delle sue canzoni, e, soprattutto quando decide di restare fedele alla propria visione piuttosto che piegarsi alle volontà delle case discografiche.

Per quanto riguarda nello specifico Gwen, queste affermazioni non fanno che confermare il suo grande talento, non solo come interprete ma anche come autrice.

Cosa ne pensate voi?

5 Commenti

  1. Bello!
    Come vorrei sapere la genesi delle canzoni dei suoi vecchi album… E di quelli di Xtina, Beyoncé!
    Si sa troppo poco, anche fra i più informati come me!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here