1035x1035-unnamed

Sono due le grandi cantautrici che sono esplose in queste settimane nelle classifiche con delle ballad. Si tratta rispettivamente della britannica Adele, tornata dopo 3 anni di totale assenza dalle scene con “Hello”, e dell’australiana Sia, che dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno è subito tornata in scena con “Alive”.

I due brani appartengono allo stesso target e sono entrambe delle ballad pop molto ben prodotte ed interpretate. Si tratta di due canzoni potenti che possono contare su basi suggestiva e penetrante e su delle performance vocali molto d’impatto, ed entrambe sono diventate delle hit in questi ultimi mesi dell’anno, per quanto i risultati di “Hello” siano oggettivamente molto migliori rispetto a quelli di “Alive”.

Le due canzoni, tuttavia, presentano delle sostanziali differenze: “Hello” presenta un sound dimesso e malinconico, mentre “Alive” contiene sonorità fortemente incalzanti; il testo “Hello” è una sorta di rivelazione dei sentimenti di una donna che pensa con tristezza ad una sua vecchia fiamma, mentre quello di “Alive” è incentrato sui pensieri di una persona che si ritrova ad essere sopravvissuta ad una vita difficile e fatta di mille sofferenze. “Hello” è dunque catalogabile come ballad classica, “Alive” invece come power ballad.

Entrambe queste canzoni, dunque, possono essere considerati degli anni: “Hello” è l’inno di chi accetta la sua vulnerabilità ed apre il suo cuore senza vergogna, “Alive” è l’inno di chi dopo averne passate tante decide di affrontare la vita di petto, rinunciando alla vulnerabilità. Due facce della stessa medaglia dunque, ed ora noi vi chiediamo di scegliere in quale di questi due modelli vi rispecchiate:

 

11 Commenti

  1. Se dovessi dire 5 artiste che più mi piacciono in questi 15 anni sia Adele che Sia ci sono ed aggiungerei Beyonce, Pink e Alicia Keys, senza togliere niente alle altre. Sia è una eclettica. Usa la voce in una forma unica. Adele è evidentemente più classica. Non sono un grande fan ne di Alive ne di Hello: trovo che sia l’una che l’altra abbiano minimo 10 canzoni a testa migliori che queste. Ciononostante sono due buone canzoni. Mi spiace che Sia non abbia venduto molto con questa canzone. A gennaio, prima dell’album farà uscire il secondo singolo. Spero sia all’altezza perché merita di vendere. Mi piacerebbe vederla ai Grammy. E soprattutto vorrei vederla in un tour.
    Mi sono comunque sentito in dovere di dare il voto a Hello perché la trovo superiore ad Alive.

  2. Voto Alive perchè quando la ascolto mi viene da gridare, hello però la ascolto molto di più e la amo molto di più. Ho votato alive solo perchè è quella che mi smuove di più

  3. Alive a mio avviso è una copia mal proposta e assai meno convincente di Chandelier. Quest’ultima è una delle power ballad più potenti dell’ultimo decennio.
    Hello, seppur trattasi della solita ballad con tematiche ormai gia con troppo comuni, secondo la mia modesta opinione si merita il mio voto perché è una delle canzoni che ti trasmettono talmente tante emozioni che non riesci a non provare nulla ed è stata una vera svolta in un anno dominato solo ed esclusivamente da generi quali il pop e il funky.

  4. Io ho votato alive, hello è la solita ballad d’amore trita e ritrita, invece alive è una power ballad energetica che manda un messaggio diverso sulla crescita personale e sul tenere duro nella vita

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here