AGGIORNAMENTO. Quel messaggio su Facebook e Instagram che annunciava il ritiro di Hopsin si è rivelato uno scherzo (di cattivissimo gusto, a mio avviso). Il rapper lo conferma in un trailer che preannuncia un nuovo progetto (album o singolo) dal nome “Pound Syndrome”:

___________________________________________
Volevo solo fermarmi un attimo per dire che apprezzo tutti voi che avete supportato la mia musica negli anni passati. Molti di voi mi hanno raccontato storie di come ho cambiato la loro vita. Anche voi avete cambiato la mia in modi che non immaginereste mai. Purtroppo, stanotte mi sto trasferendo in Australia. Negli ultimi due anni sono giunto alla conclusione che questa professione non fa per me, quindi mi avventurerò in nuove aree della mia vita. Sarò sempre un MC nel cuore, ma questa cosa del rap non è proprio per me. Spero che voi ragazzi rispetterete la mia scelta. Ho trasferito la proprietà della mia metà di label della Funkvolume al mio socio Dame. Ho anche augurato a Swizzz, Dizzy Wright e Jarren Benton buona fortuna nelle loro carriere. Grazie a tutti. Me ne tiro fuori.” Con questo post su Facebook, Hopsin annuncia il suo ritiro dalla scena musicale, per iniziare una nuova vita che evidentemente sarà completamente lontana dall’hip-hop. Si tratta del secondo ritiro dalla scena rap dell’ultima settimana, dopo l’annuncio di Cam’ron.

10431556_1027897233892737_8539023583025283783_n

Il rapper era stato spesso polemico verso l’industria musicale, ma ha poi sempre continuato a produrre e rilasciare musica, seppure tra alti e bassi. Il suo ultimo progetto è stato “Knock Madness” del 2013, un successo non solo dal punto di vista commerciale, ma anche quanto a qualità. L’ultimo brano in cui l’abbiamo ascoltato, invece, è stato “Ill Mind of Hopsin 7”, quest’estate, dalla serie di canzoni che Hop pubblica il giorno del suo compleanno e che, speriamo, possa rilasciare ancora ogni anno!

17 Commenti

  1. Ahahah il bello è che io l’ho conosciuto proprio per questo. Insomma questo riceve più attenzione quando dice che si ritira dal rap che quando fa rap.. ok

  2. a me invece mi ha fatto ridere questo scherzo haha è stata un ottima strategia per ottenere attenzioni dai media ed annunciare l album.. Ora aspetto solo che esca l album

  3. L’unico degno erede di Eminem, l’hip hop perde una pietra miliare perche nella new school pochi hanno i suoi contenuti e nessuno il suo talento

  4. Spesso ci si dimentica che fare musica (a questi livelli) è una professione a tutti gli effetti e,come tutte,se non ti soddisfa umanamente è giusto cercare altro.Il che non implica necessariamente il “non essere portati” (e questo caso ne è la prova).Gli faccio un grande in bocca al lupo,spero riesca a trovare ciò che sta cercando.

  5. UN VERO PECCATO, NON HO PAURE NEL DEFINIRLO UN GRANDE RAPPER, CHE è STATO APPREZZATO TROPPO POCO NEL MONDO, METRICA,TESTI,PRODUZIONI, è UN ARTISTA, è CONFUSO, CERCA DI CAPIRE CHE RUOLO DEVE AVERE LA SUA PERSONA NELLA SUA VITA E NEL MONDO, E IL RAP EVIDENTEMENTE NON è STATO CAPACE DI RENDERE GIUSTIZIA ALLA SUA ANIMA PRETENZIOSA, LO STIMO TANTO E LO RISPETTERò SEMPRE, PERCHè RAPPER COME LUI CE NE SONO VERAMENTE POCHI.

  6. Devo dire che a me Hopsin non ha mai fatto impazzire, ma che diavolo significa che il rap non è per lui ?? Sinceramente non ho capito il perchè di questa scelta, comunque va a lui il mio rispetto e il mio augurio di un buon proseguimento di vita.

    • No no no non ho finito, no, ma se lui non è portato per il rap almeno il 50% della scena rap non è portato per esso, ma che diavolo significa questa cosa ???

    • Per come l’ho intesa io, è come se lui avesse fatto il rapper come occupazione momentanea, in attesa di qualcosa che lo realizzasse davvero. Per dimostrare questa teoria, basta prendere in considerazione tutte le pause che si è preso tra un lavoro ed un altro. Penso che se una cosa ti piace, ti ci metti sopra e ci sbatti anche 1000 volte la testa contro finchè non la realizzi come tu vuoi. In più, produceva tutto da sè ed ha creato una label propria, in modo da poter pubblicare qualunque cosa avesse voluto senza che ci fosse qualcuno sopra di lui che glielo impedisse. Molto probabilmente, non ci ha creduto fino in fondo in questa sua carriera, perchè ci era tagliato. E per me, un po’ tutti perdiamo, molto più che di Cam’ron.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here