iggy-azalea-in-remix-magazine-spring-2016-issue_3

Venerdì 24 marzo avremo finalmente modo di ascoltare il lead single ufficiale di Digital Distortion, secondo progetto discografico della rapper Iggy Azalaea, dal titolo MO Bounce (QUI per approfondire).

Nell’attesa di scoprire come sarà questo singolo, più e più volte posticipato, emergono nuovi importanti dettagli per quanto riguarda la carriera dell’australiana. Billboard fa infatti sapere che Iggy ha da poco firmato un nuovo contratto per la gestione della propria immagine con la Career Artist Management, agenzia con sede a Beverly Hills capitanata da Jordan Feldstein. Della scuderia CAM fanno parte nomi del calibro di Adam Levine e i Maroon 5, Miguel e Robin Thicke, tra gli altri. La femcee lascia così la Turn First, agenzia con base operativa a Londra alla quale era legata fin dall’uscita del primo disco, la stessa di Rita Ora e Ellie Goulding.

Questo cambiamento arriva in un momento a dir poco cruciale per la carriera della bionda 26enne. E’ inutile dire che non sta attraversando un periodo roseo dal punto di vista commerciale; Team, rilasciata l’anno scorso, si è dimostrata un vero e proprio fuoco di paglia e, tra i vari problemi privati e i continui slittamenti di Digital Distortion, crediamo che Iggy sarebbe ben felice di lasciarsi alle spalle completamente il 2016, il suo annus horribilis. Sarà pertanto molto interessante vedere come e se la nuova gestione gioverà alla causa.

Ci auguriamo ovviamente che il nuovo contratto porti fortuna alla ragazza. Primo passo per una vera inversione di rotta dovrà comunque essere quello di presentare al pubblico un album valido. Un assaggio del disco in cantiere lo avremo questo venerdì…quali sono le vostre sensazioni?

  • MUSIC is the way.

    scelta giusta, e speriamo sia un successo! è una oligarchia di nicki nel rap femminile al momento

  • La scelta sembra buona, o almeno migliore della precedente, anche se a livello di immagine a me è sempre piaciuta. Io credo che il disco sarà più che valido, se non verrà ben accolto amen, l’importante è che non pecchi di qualità (ma non sono molto preoccupato, il solo debut album era splendido).