craig-david-jojo-becky-g

Bon Jovi, Yandel, Lil John, MNEK: ecco le canzoni rilasciate nei primi 4 giorni della corrente settimana.

Lunedì 03/10/2016

  • Tinie Tempah – Bounce (canzone)

Nuova traccia per il rapper britannico Tinie Tempah, sempre pronto a cavalcare ritmi deep house ed elettronici, prettamente british, con il suo flow potente ed incalzante. “Bounce” è una up tempo infettiva, con un ritmo veramente travolgente, una produzione corposa che ci investe con un’infinità di suoni ed effetti, creando così l’atmosfera da perfetta club banger. Il suo flow è potente, reso dinamico anche dall’utilizzo di effetti sulla voce, il tutto per un risultato che potrebbe davvero conquistare i dancefloor. La base in certi punti si fa davvero invasiva ed ipnotica, e questo secondo noi non è un difetto, ma semplicemente una scelta che rende il pezzo più adatto a certi target che ad altri, e speriamo possa ottenere la giusta visibilità.

  • Craig David – Spotlight (canzone)

Dopo la pubblicazione di un album garage e deep house, Craig David torna a farci ascoltare la sua bellissima voce alle prese con sonorità diverse da quelle su citate. “Spotlight” non è un brano prettamente R&B, ma una classica canzone da soundtrack, con base dall’andazzo epico ed incisivo, che unendo tamburi, violini e strumentazione elettronica riesce davvero a produrre un’atmosfera interessante e comunicativa, capace di esprimere assolutamente tutta la bravura ed il talento di questo artista. Dal canto suo, Craig porta al termine un’interpretazione sentita, in cui la sua voce viene sfruttata al meglio nelle sue varie sfaccettature, e riesce ad emozionare moltissimo. Davvero un brano di qualità.

  • Bon Jovi – Burn With Me (canzone)

Nuova meravigliosa traccia anche per i Bon Jovi, che mettono un attimo da parte le up tempo spumeggianti per mostrare un altro lato del rock, quello delle power ballad emotive. “Burn With Me” inizia con ritmiche e strumentazioni molto slow, essenzialmente il suono di un pianoforte che costruisce l’intro e pian piano si fa sempre più incalzante, per poi essere prima affiancato e poi sostituito dagli strumenti tipici del rock: chitarra elettrica, batteria, basso. L’atmosfera è magnetica, solenne, e l’interpretazione di Jon è davvero magnetica, carica di tutta l’esperienza che l’interprete ha maturato in questi gloriosi decenni di carriera. Qualche alterazione sul suo strumento vocale di troppo è presente, tuttavia nel complesso la traccia non delude, anzi.

Martedì 05/10/2016

  • Lil Jon, Yandel, Becky G – Take It Off (video)

Chi amava Becky G come popstar anglofona e, soprattutto, come rapper ora dovrà mettersi davvero l’anima in pace. Eh si, perché la sua label sembra ormai sembra intenzionata a lanciarla in un terzo modo, probabilmente l’ultima spiaggia che sarà tentata e che in caso di fallimento porterà alla fine della sua carriera musicale: quella di popstar latina. Eccola dunque apparire con Lil Jon e Yandel nella versione spanglish di “Take It Off”, classico brano rap su base dance rilasciato già nella sua versione originale qualche tempo fa. In tracce come questa Becky ci sembra davvero sprecata, soprattutto se pensiamo ai suoi recenti freestyle.

  • Kid Ink – Die In It (video)

Nuova musica per il rapper Kid Ink, che rilascia su soundcloud il brano inedito “Die In It”. Si tratta di un’energica mid tempo dal sound a tratti minimale ma a tratti ben corposo, la classica up tempo perfetta per i club caratterizzata da un ritmo particolarmente incalzante e ballabile, capace di generare un’atmosfera magnetica e grintosa. Il flow di Kid è assolutamente perfetto per il brano, sa procedere con energia e naturalezza per enfatizzare al massimo le qualità della base, e riesce dunque a conquistarci in toto. In definitiva si tratta davvero di una buona canzone, che conferma il grande talento di questo rapper.

Mercoledì 05/10/2016

  • Tory Lanez – Radar (canzone)

Nuova canzone per il rapper e cantante Tory Lanez. “Radar” è una mid tempo dal sound giocoso, scanzonato, che trae ispirazione sia dalle sonorità tropical che dalla musica afro, sommando questi stili alla musica R&B, creando un connubio a nostro avviso molto interessante. Sufficiente sicuramente l’apporto vocale di Tory, dotato di un timbro abbastanza adatto al pezzo, tuttavia crediamo che si sarebbe potuto sicuramente fare di meglio. Diciamo che sembra di trovarci davanti ad una classica performance vocale alla Drake, nulla di eccezionale.

Giovedì 06/10/2016

  • Becky G – Mangù (video)

Becky G, cantante e rapper di talento, dopo una miriade di singoli fallimentari in classifica, si sta adesso dirigendo al pubblico latino, ma dal punto di vista qualitativo i risultati sono talmente pessimi da farci rimpiangere canzoni come “Danza Kuduro” e simili. Questa “Mangù” è la classica up tempo latina dalle ispirazioni raggaeton che mira sul far ballare e scatenare l’ascoltatore, con un impiego vocale minimo ed un connubio di suoni sicuramente efficaci in un club latino, il tutto per un pezzo uguale a mille altri, privo della benché minima ispirazione, ed in cui Becky non brilla assolutamente per le sue capacità. Una traccia brutta come la morte. Di ben miglior qualità invece il video, continuazione del visual di “Sola”.

  • James Arthur feat Shotty Horroh – Sermon (canzone)

Fresco della nuova no.1 in UK, James Arthur ci fa ascoltare un’altra canzone dal suo secondo album. “Sermon” è una mid tempo energica e grintosa, che unisce archi e batteria per un risultato davvero scoppiettante, che riesce ad un unire un ritmo forte con l’introspezione e la bellissima timbrica del cantante, che con uno strumento particolare e riconoscibile mette a punto un’interpretazione potente ed incalzante, che include nelle sue note la stessa grinta della produzione. Fenomenale il verso rap, per una volta perfetto per il brano in questione ed in grado di esprimere al meglio le sensazioni da esso prodotte. Una canzone davvero di una qualità pregiata, che speriamo possa diventare singolo.

  • Bon Jovi – Born Again Tomarrow (canzone)

Due canzoni in una settimana per i Bon Jovi! “Born Again Tomorrow” si rifà abbastanza allo stile di alcune hit dei Coldplay, con il rock caratteristico del gruppo che incontra qualche vistosa venatura dance, soprattutto nel ritornello. La canzone a nostro avviso è una delle meno belle nell’intera carriera del leggendario gruppo: le parti in cui il loro caratteristico rock viene mischiato alla dance ci fanno storcere abbastanza il naso, e nonostante le parti in cui il rock domina incontrastato siano molte e la voce di Jon sia magnifica e grintosa, nel complesso questa scelta togli un po’ di punti alla traccia.

  • MNEK – Don’t Stop Me Now (cover dei Queen)

Il cantante e produttore MNEK punta in alto e si misura con un pezzo che ha fatto davvero la storia della musica! L’iconica hit dei Queen viene rimaneggiata molto nel suo stile, con un beat elettronico che sostituisce il rock tipico del gruppo pur mantenendone inalterato il ritmo. L’interpretazione di MNEK segue ovviamente le linee guida di quella di Freddy Mercury, mentre i cori vengono mantenuti inalterati, segno forse di una consapevolezza di non esser in grado di riproporre da zero un simile capolavoro. Un esperimento molto carino ed apprezzabile, in cui MNEK si fa notare per le sue ottime doti vocali. Difficilmente il pubblico rock potrebbe apprezzare quest’omaggio, ma un ascoltatore generico sicuramente si.

  • MO – Drum (canzone)

MO continua spedita verso una direzione musicale ben precisa per la promozione del suo album di debutto. “Drum” ricorda molto nei suoni scelti la bellissima “Finale Song”, una scelta che incontra il nostro favore, anche perché le scelte ritmiche riescono a far sorgere le giuste differenze fra due canzoni, così come la presenza in questo nuovo brano di un tamburo che aggiunge il giusto sapore etnico. Il ritmo è abbastanza pacato nelle strofe, mentre esplode alla grande nei ritornelli, parti in cui la voce di MO è tuttavia più debole di quanto auspicabile. Diciamo che l’artista avrebbe potuto mettere più enfasi in questa interpretazione, ed è per questo che il risultato è comunque inferiore a quello di “Final Song”.

  • JoJo – Music (video)

Nuova canzone per JoJo. La meravigliosa cantante rilascia ancora una volta una ballad semplicemente sublime, che ci fa emozionare già a partire dal titolo: “Music”. Una produzione commovente, che basa tutto su pianoforte ed archi, incontra una voce limpida, potente, solida come poche, ma soprattutto capace di esprimere un’emotività innata, un’artisticità unica, che fa scorrere nelle nostre vene ogni singola emozione che l’artista esprime con questo pezzo. Una canzone davvero magica, che da sola dovrebbe bastare a far capire al pubblico tutti i motivi per cui una come JoJo meriterebbe di stare al top. Nel video Joanna ripercorre la sua infanzia vissuta sotto ai riflettori, da vera bambina prodigio.

  • Dua Lipa – Dreams (live premiere)

Dua Lipa ha presentato una canzone inedita con una performance live! La cantante ci fa ascoltare “Dreams”, un brano che mischia il suo stil a sonorità etniche, sonorità che ci ricordano in qualche frangente la celebre “Maria” di Carlos Santana. Una canzone dunque ottima, che sa restare nel suo senza risultare monotona, accompagnata da un’ottima performance vocale. Rimandiamo un giudizio più completo a quando potremo ascoltarla nella sua full version.

  • Travis

    Deluso da MNEK e Becky G. E dire che quest’estate ho consumato le loro “Superstar” e “At night”.