Non é stata una decisione popolare quella di riammettere Justin Timberlake al Superbowl.

superbowl justin timberlake

In un America, mai quanto oggi, colpita dalla crisi dei “double-standards” tra neri e bianchi, scegliere di far fare a Justin Timberlake il Superbowl é stata una decisione alquanto azzardata.

Tornando indietro nel tempo, sappiamo che Justin é stato ospite sul palco la sua seconda volta, con Janet Jackson (e grazie a Janet Jackson), che allora dominava le scene musicali.

Durante quella performance Justin strappò una parte d’indumento a Janet, e lei si trovò a fronteggiare un ban da radio e TV che compromise per anni la sua carriera.

Già allora le accuse di razzismo e sessismo furono lanciate, visto che da quell’episodio, Justin non ebbe alcuna ripercussione.

Oggi con il suo ritorno sulle scene, proprio al Superbowl, tantissimi americani, chiedono che venga fatta giustizia, e che venga ri-ammessa Janet, o che da parte di Justin arrivino almeno delle scuse per quanto accaduto.

Stanotte, durante un’intervista, sulla NBC, Justin Timberlake ha risposto a quanto accaduto allora, e si é limitato a “ridere”, dicendo che episodi simili non capiteranno più quest’anno:

Siamo davvero impressionati da questa intervista, dove il massimo che Justin ha fatto é ridere con l’intervistatore dell’accaduto, e promettere che questo non accadrà più.

Bisogna pensare al passato, quando Janet assunse per aprire il suo “The Velvet Rope Tour” niente meno che la band di Justin, che allora militava negli *NSYNC. E poi l’invito al Superbowl, dove Janet era il main act. La sua influenza fu molto rilevante per il lancio della carriera di Justin.

Insomma, non ci aspettava una reunion, ma almeno una presa di posizione chiara su ciò che é accaduto,

e fare capire alle persone che non può essere penalizzata solo una persona per un evento, perché donna, perché nera.

Speriamo davvero che Justin approfitti della sua apparizione per fare delle ammende pubbliche riguardo a ciò che é accaduto, altrimenti la comunità afro-americana sembrerebbe propensa a boicottare l’evento.

Ieri l’hashtag #JusticeForJanet é stato un trending topic della giornata.

Cosa ne pensate di questa intervista? Siete d’accordo con il comportamento di Justin?

Vedremo cosa accadrà!

  • MUSIC is the way.

    nonostante sia felicissimo che sia justin a esibirsi al superbowl, mi ha dato fastidio l sua reazione nell’intervista, speriamo davvero faccia qualcosa a riguardo

  • Pingback: Justin Timbelake: nuovo singolo in arrivo entro fine anno!()

  • Nicolò Salvagno

    Che abbia lanciato la sua carriera ne dubito, visto che nel 2004 aveva già fatto abbastanza da essere famoso in tutto il mondo. Poi la risata non mi sembra niente di che, sono passati 13 anni e ancora si parla di una cosa del genere. Io mi fare qualche domanda sul razzismo che pervade la società americana. Che poi qualcuno non sia d’accordo con questa scelta sai che novità, i soliti quattro personaggi a cui non sta mai bene niente, polemiche che definire effimere è poco.