La battaglia legale tra Kesha e Dr.Luke, producer che l’ha affiancata durante i suoi 10 anni di carriera, continua a protrarsi da oltre un anno, da quando la giovane cantante decise di portarlo in tribunale accusandolo di abusi sessuali e di averla costretta a sniffare droga.

1413311097_kesha-dr-luke-zoom

La risposta di Dr.Luke non si fece attendere e a sua volta accusò la pop-star di diffamazione sostenendo che fosse una montatura da lei orchestrata per poter in qualche modo svincolarsi dal contratto con la Kemosabe Entertainment (di proprietà della Sony).

In attesa che venga emessa una sentenza nei confronti del producer, la carriera di Kesha è oramai in una situazione di stallo  (l’ultima apparizione discografica della cantante risale al lontano 2013 con “Timber”, brano peraltro non suo bensì del rapper Pitbull).

Kesha risulta infatti ancora sotto contratto con la Sony Music, società che non ha alcuna intenzione di permetterle di registrare nulla con nessun altro produttore (se non con il suo “carnefice”). Gli avvocati dell’interprete di “Die Young” hanno palesato il bisogno oggettivo della loro assistita di produrre nuova musica (con altre compagnie) poichè consapevoli che se questo non accadrà la carriera di Kesha sarà “effettivamente finita”.

Insomma ben poche vie di fuga per l’artista la quale può solo decidere se terminare il suo contratto con la Sony (ed essere costretta a lavorare nuovamente con colui che ha abusato di lei) oppure lasciare che la sua carriera coli inevitabilmente a picco.

Nel mentre sui social sono diventati virali gli hashtags #FreedomforKesha e #SonySupportsRape tramite i quali i fans mostrano il loro supporto nei confronti della loro beniamina. A noi sembra davvero assurdo che un’artista non possa più esprimersi per una cosa del genere…

Quale sarà la prossima mossa da parte dell’artista??

 

  • Marco

    Assurda questa storia, e assurdo anche il comportamento della Sony.. e per chi non ci crede: cosa ne guadagna Kesha ad agire cosi? Nulla, anzi ci sta perdendo e parecchio! Se non fosse stato vero, avrebbe continuato a lavorare con lui fino alla fine del contratto, ma siccome non è cosi e c’è del marcio dietro (gli abusi) lei ha tirato fuori gli attributi e l’ha denunciato

    • Elusmus

      E tu cosa ne sai che magari non la aspetta un contratto ancora più grosso altrove? E’ una situazione orribile, comunque sia un giudice non può rescindere un contratto solo per accuse, stiamo freschi altrimenti, ogni persona che vuole liberarsi a 0 grida stupro e via.

      • Marco

        Si ma dopo tutto quello che è successo Kesha non potrebbe mai lavorare con lui.. e poi quale altro contratto più grosso se ha la carriera a rischio? Già con Warrior ha floppato

      • Marco

        Poi ti ripeto se non fosse stato vero non penso che avrebbe scatenato tutto questo polverone solo per rescindere un contratto

  • Daniele DS Silvestri

    Dr Luke fino a prova contraria è innocente… Kesha ha provato a giocare sporco con accuse diffamatorie per liberarsi da un contratto che nessuno l’ha costretta a firmare, se fosse vero che lei ha subito queste violenze perché denunciare solo ora? E’ incrediibile che qualcuno di voi creda a questa storia…

  • Ik

    Mi spiace per lei però in questa storia mi sembra ci siano anche delle contraddizioni. Io penso che la verità,dietro a tutta questa vicenda,non la sapremo mai veramente.

  • E’ una cosa a dir poco assurda e indecente. Che vergogna la Sony.

  • Michele

    Povera kesha, mi manca troppo la sua musica ormai Warrior l’ho consumato.

  • Bizzle♛//Rutherford&Lana

    povera ragazza ,mi dispiace troppo per lei. Io ho subito capito che la sony non andava e si è visto anche con altre artiste.