Dal mondo un po’ kitsch del pop di fine anni ottanta abbiamo ereditato Kylie Minogue. Ma non fatevi ingannare, Kylie ha alle spalle 11 dischi compreso questo, e la sua evoluzione è stata una delle più belle evoluzioni nel panorama Pop!

Ha floppato, ha combattuto, ha avuto problemi d’amore, ha cambiato genere musicale, ha toccato momenti bassi, e ne ha toccati altri molto alti contraddistinti da una raffinatezza musicale incredibile. Lei è la raffigurazione della musica Australiana, la più emblematica, iconica, superstar Oceanica!

La giovinetta allegra e bionda oro di “I Should Be So Lucky”, è oramai una 42enne navigata, ma non per questo ha perso la sua bellezza incredibile e la sua sensualità formato-mini! Gli anni 2000 dopo il profondo nero della seconda metà dei 90 hanno contraddistinto l’Era della sua rinascita, a partire da “Light Years” uscito nel 2000 e che ottenne grande riscontro nel suo paese e nel Regno Unito, arrivarono poi lo strabiliante “Fever”, l’artistico “Body Language”, per arrivare alla storia recente, nel 2007, quando pubblico “X” che venne accolto in maniera piuttosto tiepida dalla critica.

Proprio in “X” Kylie aveva forzato un pochettino su un POP che non le apparteneva, snaturandola un po. Anche i suoi fans se ne accorsero, tuttavia ottenne lo status platinum sia negli UK che in Australia.

A distanza di tre anni, Kylie ancora nel pieno delle sue forze, esce con “Aphrodite”, l’album che vi presento oggi. Uno stile tutto nuovo, già visibile in copertina, che prende ispirazione dalla dea dell’amore Afrodite, ed ai colori dell’antica grecia.

Ed è l’amore, inteso come sentimento universale, che viene esplorato in questo disco, iniziando da:

1) All The Lovers: al primo ascolto, “All The Lovers” appare assolutamente “molle”. Già, ma poi la si ascolta e ci si innamora piano piano. Perchè appare dunque “Molle” al primo ascolto? Semplicemente perchè ci siamo man mano disabbituati ad un Pop, veramente Pop, ad un Pop delicato e raffinato, che non sono capaci di fare personaggi come Gaga, Perry, Ke$ha o Rihanna. “All The Lovers” è un pezzo assolutamente Kylie, è un pezzo orecchiabile, non ti fa scatenare, ma poi diventa un grande inno all’amore, accompagnato da un video stupendo, dal concept unico. Una vera gemma, un richiamo all’ordine, un richiamo al pop, o electro-pop fatto con classe e cura..! Ad aiutare infatti lungo tutto questo album Sutart Price, che ha decisamente afferrato il concetto, ed ha rivitalizzato il personaggio Kylie, valorizzandone le doti.
Canzone eccellente, che scorre, senza soffocare con bassi pesanti, o suoni troppo invasivi. Classe, ragazzi, classe….

2) Get Outta My Way: ma attenzione, Kylie sa essere morbida, ma sa anche fare ballare, e questa canzone strappata dalle grinfie di Britney, si chiama “Get Outta My Way” ed è il secondo estratto da questo disco, già certificato GOLD in Australia e Regno Unito. Il pezzo è una sorta di “inno” contro gli Ex che ti hanno rovinato la vita, ha un ritmo eccellente ed un ritornello che ti entra proprio..! Il sound ricreato è un po’ quello di “Love At First Sight” della sua “Fever” Era. Anche qua, abbiamo una uptempo, assolutamente ballabile nei clubs più poppy… ma senza strafare, e liberati dal sound martellante tipo RedOne! Il video arriverà presto.. non vediamo l’ora

3) Put Your Hands Up (If You Feel Love): ritroviamo suoni vagamente 80, in un’altra uptempo molto divertente, un altro vero inno alla vita, all’amore…! Kylie come regina di cuori, Kylie più venusiana che mai! Il pezzo trascina, anche qua c’è electropop fatto in maniera delicata! Ottimo pezzo, singolo potenziale

4) Closer: ipnotica, lenta, sensualissima. Percorsa da un generoso clavicembalo elettrificato, questo pezzo è un vero capolavoro. Diverso da ogni trend, creativo nella sua semplicità, dannatamente sofisticato nella distorsione dei suoni, e spudoratamente sensuale. Non ha le facoltà per essere singolo, ma è una delle mie canzoni favorite del disco. I vocalizzi di Kylie come un richiamo di sirena… senza parole.

5) Everything Is Beautiful: una leggera carica positiva in questo disco per Kylie, tutta cuori e positività! Il pezzo midtempo si trascina bene, ha tutte le caratteristiche per essere giocato bene in radio. Rimane tuttavia poco inciso in me.

6) Aphrodite: qua Kylie fonde alla perfezione l’happy sound degli anni ’80, con un pop più aggressivo. La voce da gattina vogliosa un po’ ovunque, ma come la sa fare lei la gatta…. :) Molto gayfriendly, per me meno rappresentativa di altri pezzi.

7) Illusion: mh, non mi piace, non scorre bene, sound da Kylie anche qua, ma per me una album-filler in piena regola.

8) Better Than Today: un po’ country, un po’ sbarazzina, ed anche qua mi viene in mente la Kylie di “Locomotion”. Carina, divertente, questa midtempo che da pepe al progetto. Quasi da cartone animato il sound.

9) Too Much: cresce, cresce ed esplode questo pezzo! Parte con una intro che sale, per esplodere in una uptempo sofisti-pop. Disco dance quasi da 90, ma niente di maranzo! Kylie si lamenta del “troppo amore”… ahaha, beata lei! La canzone si ri-arresta per un bridge sensuale e riparte ancora per danze frocissime e divertenti. Altro pezzo notevole, ottime le distorsioni.

10) Cupid Boy: sicuramente più simpatico e meno “sfacciato” di Alejandro questo ragazzo Cupido! ElectroPop alla Price portato al limite delle stelle. Non mi piace molto il canto di Kylie, a volte un po’ lamentoso.

11) Looking For An Angel: altra album filler per contro mio. Kylie ed il coro, pare quasi un estratto ecclesiastico di un coro di bambini ed angioletti! Tuttavia rende l’idea.

12) Can’t Beat The Feeling: evvai di anni 90… allegra, ritmo galloppante e leggero per questa “Can’t Beat The Feeling”. Un buon pezzo per chiudere questo album.

Nel complesso un album di electropop fatto con rigore, e produzione assolutamente certosina! Un modo di creare album che oramai si sta perdendo nel tempo, un modo di concepire la musica come prodotto per la vita. Non quella spazzatura “usa e getta” di pezzi messi assieme, con i producers migliori del momento. Nel contempo è anche un disco che va fuori dalle mode, andando a toccare un pop più soffice, un pop senza bassi invasivi o testi troppo “sfacciati”.

Kylie in questo album è positiva, lo si sente dalla prima all’ultima nota. La produzione è assolutamente eccellente, nel suo genere Price è un grande maesto, che detesta omologarsi, e cerca sempre di appiccicarsi al meglio, per disegnare alla propria artista un vestito su misura esclusivo (vi dice niente “Confessions On The Dancefloor”).

Sono convinto che con una buona promozione questo disco possa ottenere ottimi risultati. Sono altressì conscio del fatto che con personaggi sensazionalisti come Gaga, Perry, e via discorrendo, il sound di Kylie possa risultare un po’ poco interessante alle nuove generazioni.

Da ragazza con i capelli biondo oro ed il rossetto rosso, ad una signora della musica, sempre giovane e sensuale, che sa il fatto suo, creatività sopra la media, e raffinatezza d’altri tempi in questo crudele mondo del Pop!

Stupende: Get Outta My Way, All The Lovers, Closer, Too Much
Poco convincenti: Illusion, Looking For An Angels

R&B Junk rating: 4/5 (dopo uno svariato numero d’ascolti, è cresciuto fino ad arrivare a questo risultato).

COMPRA APHRODITE CON BONUS DVD cliccando QUA!

Ecco qua la tracklist del disco

1. All The Lovers (Written by Jim Elliot & Mima Stilwell – Produced by Jim Eliot – Additional production and mix by Stuart Price)

2. Get Outta My Way (Written by Cutfather: Lucas Secon, Damon Sharpe, Peter Wallevik, Daniel Davidsen & Mitch Hansen – Produced by Cutfather, Peter Wallevik & Daniel Davidsen
Co-produced by Damon Sharpe, Lucas Secon & Stuart Price)

3. Put Your Hands Up (If You Feel Love) (Written by Fin Dow-Smith, The Nervo Girls – Produced by Starsmith. Co-produced by Stuart Price. Additional vocal production by Nervo – Mixed by Starsmith and Stuart Price)

4. Closer (Written by Stuart Price & Beatrice Hatherley – Produced & mixed by Stuart Price)

5. Everything Is Beautiful (Written by Fraser T Smith & Tim Rice-Oxley (“Keane”) – Produced and mixed by Fraser T Smith)

6. Aphrodite (Written & produced by Nerina Pallot & Andy Chatterley – Additional production and mix by Stuart Price)

7. Illusion (Written by Kylie Minogue & Stuart Price – Produced & mixed by Stuart Price)

8. Better Than Today (Written & produced by Nerina Pallot & Andy Chatterley – Additional production and mix by Stuart Price)

9. Too Much (Written by Kylie Minogue, Calvin Harris & Jake Shears – Produced and mixed by Calvin Harris.)

10. Cupid Boy (Written by Sebastian Ingrosso (“Swedish House Mafia”), Magnus Lidehall, Nick Clow & Luciana Caporaso – Produced & mixed by Stuart Price & Sebastian Ingrosso & Magnus)

11. Looking For An Angel (Written by Kylie Minogue & Stuart Price – Produced & mixed by Stuart Price)

12. Can’t Beat The Feeling (Written by Hannah Robinson, Pascal Gabriel, Borge Fjordheim, Matt Prime & Richard X – Produced by Stuart Price, Pascal Gabriel & Borge Fjordheim. – Mixed by Stuart Price)

24 Commenti

  1. Bel cd non avevo mai ascoltato interamente un cd della Minogue.
    Molto bello ma abbastanza scontato seppur meno modaioli di molti altri del giorno d’oggi.
    Secondo me Illusion è molto bella però il cd viene elogiato troppo.
    Ottimo album da 3 stelle però, diciamo che Price aveva fatto una lavoro migliore con Confession on a Dancefloor che è più ballabile e meno piatto ciò non toglie però che Aphrodite sia migliore di tanti altri album del 2010

  2. grazie andrea17563

    Mi piacerebbe poter collaborare con voi…
    cmq sto lavorando su tutto querllo che hai detto…
    e apprezzo sia i commenti positivi che negativi…bisgona imparare sempre

  3. Miglior album pop in questo 2010. Ammesso che Junkie abbia scritto una recensione straripante di elogi non proprio corrispondenti alla qualità effettiva dell’album, a grandi linee tutto corrisponde all’impressione che anche io ho avuto del disco. Io penso che in un momento di piatta omologazione e povertà di idee ed ispirazione nel mondo del pop, Kylie è stata molto intelligente a proporre qualcosa che appartiene totalmente alla sua tradizione musicale, quella che l’ha distinta e portata al successo nella parte più recente della sua carriera. Non si tratta di banalità, ma piuttosto di una strategia commerciale, anche perchè in passato album come Body Language e X sono stati innovativi e sperimentali pur senza un ambiente così ostile e selettivo come quello di oggi, quando il flop delle migliori artiste è all’ordine del giorno, come del resto il successo di chi, a mio parere, non merita tanta considerazione. Auguro a quest’album lunga vita, e soprattutto a Get Outta My Way, che reputo il miglior singolo pop dance di questo trashissimo ed inutile 2010. Good job Kylie

  4. Amo Questo nuovo album e mi piacciono molto All The Lovers,Cupid Boy e Closer!
    Ma “x” mi era piaciuto di +!WoW,In My Arms,The One o All I See…sn canzoni stupende!

  5. non credevo nel ritorno della Kylie ma mi ha sorpreso ed è un bellissimo album scontato è un pop diverso non saprei dirlo è da disco ma piu soft boh non so come spiegarlo ha fatto un bel lavoro rispetto ad altre colleghe del mondo pop…ha voluto andare molto sul sicuro…ma i testi e i suoni sono molto belli e travolgenti! complimenti Kylie

  6. decisamente un ottio album pop! sofisticato, non troppo martellante e di classe(come kylie sa essere). a me piace parecchio, a perte x un paio di canzoni, e nn rinuncio mai ad ascoltare qualche pezzo:) complimenti kylie!

  7. Qyesto cd mi ha fatto letteralmente impazzire! E’ veramente STUPENDO! Lo ascolto, lo riascolto continuamente! Un capolavoro! Brava Kylie!!!!!!!!!!

  8. Junk posso chiederti perchè in una recensione di Kylie Minogue metti in mezzo Lady Gaga, Katy Perry, Ke$ha e Rihanna svalutandole? Dovresti essere obbiettivo valutando un album e invece si vede chiaramente che sei fan di Kylie proprio come per la recensione di Christina, non ti sei mai chiesto che anche i fan di gaga, perry, kesha e rihanna leggeranno la recensione?
    Così metti in antipatia Kylie davanti ai fan di altre cantanti, dovresti essere obbiettivo e invece,,,, BO

    • No non sono un fan di Kylie. Sono un malinconico fan di un POP un po’ più elaborato e meno “usa e getta”, ma non ho mai detto che non mi piace Rihanna, o Gaga, anzi.. le trovo fenomenali.
      La finezza di interpretare la recensione spetta al lettore. I paragoni sono normali, si fanno sempre e comunque in un mondo concorrenziale, non pensi?

      • Ah! E poi, merito al merito, 11 album, ed una carriera brillante. Normale per me idolatrare un personaggio come Kylie. Lo farò forse anche con Rihanna e Gaga tra una 10na d’anni, se ci saranno ancora nel musicbiz.

    • Junk voglio vedere se riuscirai a idolatrare così anche la spears con la recensione del suo settimo studio album, visto che lei dopo dieci anni c’è ancora e in forma brillante.
      Visto che parli di “merito al merito”.
      Fermo restando che kylie la stimo molto, ma l’affermazione del merito al merito è un pò discutibile se non si applica a tutte indistintamente.

      • si Junk ma devi metterti dei panni dei fan di queste artiste che leggeranno la recensione, è brutto veder sparlare l’amministratore nel proprio sito di musica preferito..

  9. Io sono assolutamente poco entusiasta del prodotto.
    A mio avviso l’album precedente era molto più bello, qui nessun pezzo si avvicina a Like a Drug, Wow, How does It Feel.
    Appunto perché Kylie ha 42 anni ed un’artista navigata che mi aspettavo di più e per “di più” non intendo dire che debba abbandonare questo sound xké appartiene solo alle nuove leve, ci sta però utilizzarlo in una maniera più matura e nuova, come i testi… Ritornelli troppo infantili per i miei gusti, continua a starmi simpatica, apprezzo l’immagine della Dea, anche il video di For The Lovers mi piace tanto però questo disco secondo me è altamente insulso. E’ diventata scontata.

    _Loray_

    • Ciao a tutti io sono appassioato di musica pop e ogni tanto visito il sito che trovo piuttosto interessante ma, credo di non aver mai letto ua recensione più terribile di questa. Vorrei proprio sapere che frase è questa : “al primo ascolto, “All The Lovers” appare assolutamente “molle”? Ma chi ha scritto la recensine sa almeno quali sono le note della scalal diatonica? Ha qualche competenza musicale oppure no? Buon pomeriggio a tutti

      • D’accordissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!! Va bene che l’autore di questo post abbia una certa familiarità con i suoi lettori, ma ciò non significa che debba esprimersi in un certo modo….insomma un pò di professionalità e cultura: ciò che si scrive qui è letto da centinaia di migliaia di persone, fate attenzione! Quello che mi irrita è la certezza altrui di essere arrivati…..

      • “Rolling Stone”, per esempio, è una rivista specializzata che puoi acquistare a 30,70 Euro l’anno, dove certamente potrai trovare recensioni “specializzate” redatte da giornalisti professionisti.
        Il sottoscritto, e caporedattore, non ha competenze giornalistiche, lavora con passione, e scrive cercando di avvicinarsi il più possibile al target di lettori.
        Mi dispiace che la recensione ti sia parsa superficiale e redatta da una persona incompetente. Ti invito a rivolgerti a riviste specializzate a pagamento, dove probabilmente troverai maggiori “dettagli” tecnici.

        La gestione di un blog gratuito, diventato portale, con tanto sacrificio è per me la più grande soddisfazione, cercheremo sempre di migliorare, ma lo ribadisco, questa non è una testata giornalistica.

        Ti ringrazio per la comprensione.

    • nathan JD ma fai da solo pubblicità al tuo canale youtube parlando addirittura di te in terza persona? Almeno qui posta i commenti con un nome diverso così si capisce che non siete la stessa persona.
      comunque sei davvero molto molto carino… yum yum :-P

    • Buonasera, apprezzo moltissimo il suo impegno di energie e tutto il lavoro che ha fatto e che continua a fare ogni giorno per amministrare il suo portale; detto questo il mio era un consiglio spassionato e non volevo assolutamente sembrare arrogante o sminuire il suo lavoro ma, visto che il sito comincia a diventare “popolare” e quindi, molto seguito, le consiglio di farsi aiutare a scrivere le recensioni o almeno di provare a essere il più serio possibile nella stesura e descrizione dei singoli brani in modo da risultare più preparato ai suoi lettori. Detto questo, spero che il suo sito possa migliorare ogni giorno sempre più e diventare ancora più importante, credibile e competente di quanto non lo sia oggi. Noto ogni giorno che lavora con passione e dedizione e comunque sia le faccio i miei più sinceri complimenti.

      • Mi piacerebbe poter collaborare con voi…
        cmq sto lavorando su tutto querllo che hai detto…
        e apprezzo sia i commenti positivi che negativi…bisgona imparare sempre

      • Certo, per noi è sempre importante poterci migliorare. Tuttavia fino ad ora il lavoro svolto è stato apprezzato per la semplicità nel linguaggio. RNBJUNK è nato e cresciuto così, non è un progetto “omologato”, nemmeno un progetto “pretenzioso” a livello intellettuale. Vi sono fior fior di media che dovrebbero essere assolutamente più competenti, ma che tuttavia scrivono boiate assurde.

        Per esempio, volenti o nolenti, tante persone leggono tgcom, e la sua pagina spettacolo. Si tratta di uno dei siti più letti d’Italia, che però puntualmente scrive puntando allo scandalo robaccia poco accurata.
        Questo accade anche in televisione.. sono oramai poche le trasmissioni educative che usano un linguaggio forbito.

        Non vogliamo certo prendere esempio da loro, tuttavia non possiamo distanziarci troppo da quello che siamo.

        Se parlassimo in temini tecnici musicali, probabilmente molti lettori non capirebbero. Indipendentemente dal fatto che gli autori (io e timbo) ne siamo capaci o meno.

        Grazie comunque per il chiarimento! Bello confrontarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here