Tra le principali associazioni animaliste presenti nel mondo non possiamo non citare la PETA. Tale associazione si occupa della difesa dei diritti degli animali e negli anni ha ottenuto un notevole potere mediatico. Questa ha spesso criticato varie popstar per quello che considera uso indiscriminato degli animali nei loro video e performance. Non possiamo certo dimenticare, ad esempio, le polemiche che quest’associazione scateno contro Britney Spears per la sua celeberrima performance ai VMA del 2001, oppure quelle contro il video di “Together Again” di Janet Jackson (1997).katy-perry-roar-promo-header-600x450

Ora un’altra cantante deve vedersela con la PETA: Katy Perry. La superstar, attualmente ai vertici di tutte le classifiche grazie alla hit mondiale “Roar”, per il videoclip di questa canzone ha scelto di mostrarsi come regina della giungla e degli animali selvatici. Ciò ha indispettito non poco i membri dell’associazione, che ha dunque pubblicato questo comunicato ufficiale: “Il Serengeti Ranch, espositore di animali che crediamo abbia fornito quelli per il video ‘Roar’, è stato ispezionato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti 22 volte a partire dal 2001 subendo 13 richiami nel corso degli anni. Gli animali sfruttati per l’intrattenimento devono sopportare delle terribili crudeltà come l’isolamento o metodi di addestramento cruenti. Possono diventare ansiosi e stressati quando vengono costretti a stare in ambienti poco familiari.” Come commentate questo comunicato?

26 Commenti

  1. Leggo dei commenti davvero infantili…dico solo una cosa: per fortuna che qualcuno si interessa agli animali. Un po’ come per “Lo hobbit”, che pare siano morti 27 animali durante le riprese. E mi tocca leggere: “Ma lamentatevi per polli galline, un cane in borsa (?)”…ma che c’entra? Come dire “non pensate ai maltrattamenti sui minori qui in Italia, ci sono paesi in cui c’è la guerra e i bambini addirittura muoiono!” Bah, allucinante.

    • Vedo che non hai compreso il punto su cui si basa l’ironia in questi commenti. Tu parli di “maltrattamenti dei minori” e “bambini che muoiono di fame”, trattasi in entrambi i casi di persone, quindi di problemi seri e non paragonabili. In questo caso si parla invece di animali, e se nella tua gerarchia naturale l’uomo non sta al di sopra degli altri esseri viventi penso che il suicidio in vista di una possibile reincarnazione animale sia una buona opzione. Il punto è che l’accusa della PETA è ridicola e anche abbastanza vaga, oltre che inutile.

      • Mi spiace che tu abbia intuito fossero da paragonare umani e animali, ti sfugge proprio ciò che ho scritto. Poi, ancora: non è che se l’uomo è al di sopra degli altri nella scala dei valori vuol dire che di tutto il resto ce ne si può infischiare.
        Non ti preoccupare, nessun suicidio (da parte mia, almeno).

  2. Penso che Katy non potesse sapere la provenienza di questi animali, comunque io più che perdere tempo a prendermela con lei, andrei dirattemente ad attaccare la fonte ovvero questi che forniscono gli animali e li trattano in maniera crudele. E’ inutile attaccare chi ne usufluisce, e lasciare tranquilli chi distribuisce ed è la causa di tutti i problemi. Insomma, pensate meno alla fama e più al vostro scopo, perché è talmente illogica questa lotta contro la Perry che pare fatta solo per due minuti di fama, con tutto il rispetto per ciò che fanno, io amo gli animali sia chiaro, trovo solo che prendersela con una cantante sia inutile.

  3. Ricordo che anche nel video di Just Like A Pill di P!nk (capolavoro di canzone) l’elefante venne maltrattato con le scariche.. tanto che p!nk ci rimase male :S

  4. Ma la peta allora non ha visto la performance dove lady gaga si porta in borsa un povero cane…sballottandolo a destra e manca…?????

      • Non ho detto assolutamente questo e ti pregherei di non fare insinuazioni azzardate. Io amo gli animali alla follia e posso dire di non essere d’accordo con la peta in questo caso perché loro stessi non hanno le prove che gli animali siano stati maltrattati. Al contrario nel video di We Can’t Stop di Miley i cadaveri che indossa sono evidenti e ben visibili a tutti.

  5. Al posto di occuparsi di ste fessarie , si dovrebbero occupare di quanti cani e gatti vengono abbandonati o di quandi li maltrattano , o di quanto li maltrattano al circo ! E invece stanno a fare polemiche per un video con animali Bha………………………………………….

  6. Bisogna informarsi prima di parlare di questi temi delicati. Deve informarsi la PETA (“che crediamo abbia fornito”, non si sono nemmeno presi la briga di avere dei dati certi prima di accusare pubblicamente una superstar?) e devo informarmi io, che ora come ora non ho dati alla mano per difendere o condannare Katy. Comunque credo sarebbe più utile un post sulle novità firmate Perry: pubblicata la tracklist completa di Prism (quindi ora si sanno quella che manca nella standard e le 3 della deluxe) e Walking On Air DOVREBBE essere il secondo singolo promozionale, su ITunes dal 30/09/13.

  7. Mi fa piacere che qualcuno abbia il coraggio di farlo. Hanno fatto benissimo, ma facessero la stessa cosa per le mucche, conigli, polli che vengono trattati in modo indegno solo per essere mangiati da un popolo di idioti, che se continua su questa strada si ritroverà senza nutrimento animale.

  8. mammma mia du palle questi…. gente si mangiano gli animali,a crudeltà so gli uomini visto gli animali che cerano nel video,o piu’ tranquill era a scimmia….. XD PER CORTESIA,QST RICHIAMANO ANCHE L’IMPOSSIBILE… Magnatevell n’emozione…

  9. M*nchia che palle… Un conto sono due elefanti ed una tigre portati a Los Angeles ed inseriti in un video di dominio pubblico, un conto sono dei povero orsi che fanno i giocolieri in un circo sperduto in Russia di cui non si sa nulla. Non credete che quelli che hanno “fornito” gli animali si siano ben distanziati dal maltrattarli sapendo la grande esposizione mediatica del video? Non stiamo mica parlando del cane lasciato in autostrada o degli animali di un circo russo dai…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here