Per creare un buon disco ci vuole del tempo, e questo Lady Gaga lo sa perfettamente. Era il 2013 quando una delle più affermate stelle del Pop moderno pubblicò il suo terzo album di inediti pop, si chiamava “Artpop” e rispetto ai lavori precedenti, non ebbe una vita facile nelle classifiche. Dopo aver sperimentato nuove strade musicali, diciamo contemporanee, con il mostro sacro del Jazz Tony Bennett, ora Lady Gaga é quasi pronta con il suo nuovo album in uscita nel 2016.

gagadafare-evitare

Abbiamo cercato di analizzare un po’ la carriera di Christina Aguilera nel post precedente, suggerendo qualche consiglio per ottenere un comeback di successo. Vogliamo farlo anche per Lady Gaga, che dovrà assolutamente dimostrare il suo status di grande icona del Pop, ottenuto in pochissimi anni dal 2008 in avanti.

Lady Gaga é davvero un’artista poliedrica che merita tantissimo successo. Innanzi tutto rispetto alle sue contemporanee é quella che ci sembra meno manipolata, é dotata di uno strumento vocale di tutto rispetto, ed é una belva sul palco, capace di incantare ed affascinare il suo pubblico. Per molti Lady Gaga ha semplicemente avuto la sfortuna di nascere in un’epoca musicale “povera” di contenuto, che molto spesso fatica a celebrare e portare al successo la sperimentazione ed il talento puro. Anche secondo noi alcune penalizzazioni ricevute nella “Artpop” Era sono dovute al fatto che il mondo della musica non si soffermi abbastanza, e paradossalmente il pubblico non sia più troppo abile ad ascoltare e gustare una canzone al 100%.

L’esempio più palese secondo me lo si può fare per il primo singolo “Applause”, che meritava assolutamente più risultati di quelli ottenuti, e che secondo me rimane nella carriera di Gaga una delle migliori canzoni. Un esempio di Pop puro, emozionante e vibrante, ancora oggi riascoltandola sale l’entusiasmo.

5 cose da fare

Riconquistare il fanbase più giovane!

Un buon album per me é un buon album, indipendentemente dalle vendite. Ma é altresì ovvio che in una posizione come quella di Lady Gaga, ignorare delle strategie di marketing musicale, oggi come oggi, sarebbe come un suicidio. Pur volendosi distanziare dal musicbiz più “cheap”, Gaga era nata come una pura e semplice popstar, con motivetti trascinanti alla “Poker Face”. Riconquistare un fanbase giovane e spensierato sarà sicuramente uno degli obiettivi per questo album. Per fare ciò dovrà avvalersi di collaboratori che possano forgiare un sound pop e radio friendly per lei. Sappiamo che RedOne é tornato in studio con lei, ma sarà in grado questo hitmaker di proporre un sound incisivo e contemporaneo total pop anche nel 2016?

Video d’eccellenza che possano creare tam-tam mediatico!

tumblr_m3izxt9mCN1rog4gso1_500

Pochissimi artisti dell’epoca moderna possono vantare una videografia ricca ed emancipata. Lady Gaga é una che di video splendidi ne ha creati davvero molti, pensiamo alle graffianti coreografie di “Bad Romance”, o alle ambientazioni religiose di “Judas”, o ancora agli effetti speciali ed i riferimenti nel mondo dell’arte di “Applause”. I video sono una delle chiavi di successo di Gaga, capace e talentuosa performer, dovrà trovare grandi registi per le sue clip, e magari optare per dei video capaci di crearsi un vero tam tam mediatico, e diffondersi a macchia d’olio nel web.

Una storia dietro l’album

tumblr_mfv5vcHm381rpsuhuo1_500

Prendere spunto da grandi artisti é la base per riuscire a colpire anche in quest’epoca moderna. Ci piacerebbe un disco di Gaga che racconti una storia, che riesca ad unire una varietà di suoni fresca ed inedita, ma che nei testi e nei significati possa rappresentare un percorso, un messaggio. Lady Gaga ha sempre rappresentato i “più deboli” delle nostre società, le minoranze, i ragazzi vittime di bullismo,  e fare in modo che lo stesso fanbase possa di nuovo rispecchiarsi nella sua musica sarebbe davvero magnifico. Pensiamo al coinvolgimento creato dalla hit “Born This Way”, diventata un vero inno per tutte le persone non “allineate” agli standard. Una signora Germanotta che sappia raccontarci la sua storia si, ma che non parli solo di se stessa, ma anche di argomenti che coinvolgano i suoi fans. Una storia, un viaggio, dietro al disco, potrebbe essere una chiave per tornare al grande successo di un tempo.

Una nuova Bad Romance ed una nuova You And I (tra produzioni lungimiranti e bel canto)

Andiamo, il pop leggero e spensierato, il sound accattivante dei primi album, mancano davvero in questo piattume musicale. Ricreare una “Bad Romance” sarà davvero difficile, ma il sound di quel brano era così coinvolgente che, oggi come oggi, sarebbe bellissimo ritrovare nei club e nelle radio. Gaga in questo nuovo album dovrà bilanciare questa tipologia di sound facile, ma non dimenticarsi di inserire brani come “You And I”, che facevano mettere le mani nei capelli alle concorrenti. Veri capolavori che dimostravano come un pugno in faccia il reale talento di questa bestia del Pop! Un lavoro di precisione, di bilanciamento, che sarà davvero difficile da attuare, ma che se sarà preciso, riuscirà a donare a Gaga grandi soddisfazioni, sia nelle charts, che nel suo percorso di evoluzione artistica. La critica più fine la dovrà amare, ma anche la gente “semplice” dovrà comprare il suo album.

Una gestione impeccabile del progetto, etichetta e management co-ordinati alla perfezione!

Oltre al contenuto musicale (che per noi non era affatto male), quali sono stati i punti dolenti della ArtPop Era? Sicuramente la gestione dell’intero progetto, le tempistiche, ed il mancato rilascio di video musicali per i brani scelti come singoli. “Applause” d’accordo, non aveva segnato il successo dei precedenti singoli, ma nel tempo si rivelò una hit abbastanza longeva e capace di conquistare il pubblico. Dopo quel singolo, l’Era diventò un vero incubo per Gaga, con l’etichetta non allineata sul da farsi, mesi e mesi di attesa prima di vedere un nuovo video, quello per “G.U.Y”, ed aver completamente sorvolato una clip per “Do What U Want”, che per altro era stata cantata anche con Christina Aguilera (si poteva sfruttare). Davvero una gestione orrenda di tutto il progetto, una valorizzazione indecente del progetto intero, il tutto per una Popstar che aveva messo ai suoi piedi il mondo con i suoi primi dischi! Inconcepibile. Gaga deve assicurarsi, prima di rilasciare nuovo materiale, un piano di promozione del disco, e pretendere il mutuo sostegno del management e della sua etichetta discografica! I risultati vanno cercati, se si fosse seguita una tempistica migliore, forse i risultati di “ArtPop” non sarebbero stati così disastrosi…

5 cose da evitare

Vola basso e schiva il sasso, meno egocentrismo

Gaga, sei brava, e guardando le ragazze con cui devi rivaleggiare, guardando al talento e le capacità di performer, l’unica che potrebbe procurarti un mal di testa é Beyoncé. Però attenzione, a volte alcune uscite durante la “Artpop” era sono risultate del tutto fuori luogo, e potevano dare di te l’immagine di una cafona, montata ed autocelebrativa. La tua bravura ed il tuo posto nel mondo dello spettacolo lo decidono i fans, i critici, i consumatori, e spiegare la tua elevata “artisticità” anche con questo nuovo disco, potrebbe essere un’arma fatale. Basta fare la figa, porta del buon materiale, e vedrai che sarà il tuo pubblico ad elevarti. La gente troppo convinta ultimamente va davvero poco di moda…., sebbene sappiamo benissimo che potresti dare da mangiare polvere alla stragrande maggioranza di signorine nel biz.

Il tempo delle baracconate é finito!

Abiti di carne sul tappeto rosso? Trucchi e parrucchi eccessivi? A noi piacevano molto, ma i dati del mercato parlano chiaro, a vincere oggi é la sobrietà. Adele ha stracciato tutte con la sua panza, le sue guance piene, il vocione, ed uno stile assolutamente da ragazzotta della porta accanto con un debole per il fritto. Vale lo stesso discorso per gente come Trainor e Swift, e l’hai provato sulla tua pelle con il tuo stile sobrio durante la “Cheek To Cheek” Era. Tutto così grigio e noioso? Si, purtroppo si. Sembra che gli eccessi non siano contemplati al giorno d’oggi, un peccato? Forse. Di certo se vorrai distinguerti dalle altre a livello di stile, dovrai farlo in maniera mirata, e cercando di non apparire mai troppo eccessiva.

Madonna nel suo brodo

tumblr_ldco3zQV6Y1qezxsoo1_r1_500

Madonna é Madonna, con l’ultimo album non ha venduto palate di copie, lasciala nel suo brodo con tutti i suoi problemi da risolvere. Tu fai quello che devi fare, senza prendere troppa “ispirazione”, e senza stare li a creare inutili beef, che oramai hanno davvero stufato, e non fanno nemmeno più sensazione sui giornali scandalistici. Il tuo percorso é ancora lungo, e da Madonna puoi solo che imparare a livello di gestione del proprio successo. Troppa rivalità con qualsiasi altro artista potrebbe compromettere la tua carriera…. Pensaci!

Con Perry, No Party

tumblr_n0bytuTwZe1t1zssno1_500

Puoi rischiartela, ma se pure la Perry deciderà di pubblicare nel 2016, é meglio stare alla larga. Sebbene vi sia un abisso tra il talento di una ed il talento dell’altra, sappiamo bene che Katy Perry ha ottenuto risultati migliori con l’ultimo album, e forse la “rivalità” creata dai vari tabloid ha fatto parecchio danno a Gaga. Stiamo parlando di due creature diverse, ma cosa c’é di meglio del mettere in competizione due popstar per giornalisti e blogger affamati? Quindi, una chiave di successo secondo noi é quella di togliersi immediatamente di torno altre “contemporanee”, magari più “facilone” del pop, per spiccare e spacciare meglio il proprio album. Con questo non vogliamo dire che se dovessero incrociarsi di nuovo, il risultato debba per forza essere ancora a favore della californiana.

Una bella X sulla Dance Spicciola, e produzioni scontate

La Dance e l’EDM in generale sono in crisi, tutto uno scenario diverso rispetto al alla fine degli anni ’00 e i primi due dei ’10. Bisogna evitare e schivare produzioni EDM scontate, ed allontanare produttori di quel tipo. RedOne ci sta, ma solo a patto che riesca a creare un sound esclusivo ed innovativo. Con questo album Gaga deve proporre freschezza, un sound Pop fatto di ricco contenuto, una buona texture e produzioni semplici ma ben eseguire. In studio di registrazione con lei anche Mark Ronson, ed il grande Elton John, gente che può aiutare la causa, e può evitare un deragliamento vero sound troppo danzerecci e duri.

A differenza di Christina, i successi in classifica per Gaga sono avvenuti in tempi decisamente più recenti, e solo un disco può essere definito un semi-flop. Secondo voi quali carte dovrà giocare ed evitare Lady Gaga per riconquistare il trono di futura Regina del Pop?

  • kiraaaa91

    Non so voi, ma guardando i suoi social ho come l’impressione che voglia solo godersi un po’ la vita (e il fidanzato), non calcare più in maniera invasiva le scene e cantare solo per dedicarsi a collaborazioni creative. O vista la performance del sb sta cercando di dare una svolta alla carriera musicale e alla percezione di massa. BOH

  • Sono totalmente d’accordo. Da fan di Gaga avete sintetizzato pressochè ogni punto dolente e, soprattutto, ogni punto di forza. Purtroppo anche per gag è arrivato il momento di essere sobria, ho amato oltre ogni limite gli eccessi come il vestito di carne dei VMAs e le altre stramberie che ci ha proposto. Ma Gaga mi raccomando, giocati bene questa carta!

  • Matteo Berardi

    La sto un po’ rivalutando ultimamente ma appena leggo Bad Romance rabbrividisco… Mai più una canzone del genere pompata ovunque. Mai.

  • Fighter

    sono d’accordo con tutto

  • Dixon92

    Concordo più o meno con tutto…Anche se i suoi video non mi sono mai piaciuti…Judas per esempio é orrendo…

  • bionic_littllemonster

    Sono d’accordo con la maggior parte delle cose tranne qualcuna:applause secondo me non meritava più successo era carina ma sbagliata come primo singolo…ho sempre preferito la bellissima Sexxx dreams come primo singolo o anche DWUW per il video invece lo trovo bello…purtroppo dopo Judas ha fatto video più semplici e che non sorprendevano (tranne applause) il video di DWUW doveva uscire dal leak sembra bellissimo anche meglio di bad romance….per il nuovo album EDM ok ma non troppo pesante come in ARTPOP e poi secondo me va pure bene se continua a vestirsi da “baraccona” questo poi dipende da lei…alcuni vestiti seppur erano esagerati erano molto belli ma dalla Born this way era sono diventati bruttini..con RedOne spero non faccia canzoni come Judas:il testo bellissimo ma la struttura uguale a Bad romance…lei comunque è speciale..non riuscirei ad odiarla nemmeno se volessi :3

  • Damn

    Una premessa: Bobby e Gaga hanno fatto un lavoro fantastico da Cheek To Cheek ad oggi.
    Il “clima”, pertanto, è ottimale per un grande comeback. Ora il prossimo passo è il lead single,quindi:
    1. Singolo KILLER
    2. Promozione
    3. Video GENIALE
    Il tutto condito con quello che l’ha resa celebre: l’essere se stessa.

  • In love with MUSIC

    Sono d’accordo su tutto, e quan do dico tutto è tutto! 1 solo appunto: oltre ad essere di ottima fattura i vudeo dovrebbero anche essere corti!

  • Diego

    Diciamo che per alcune cose mi trovo d’accordo con l’articolo e con altre meno (mi sono dilungato su un commento sotto su questo), sta di fatto che io penso che Gaga e il suo team abbiano preso coscienza degli errori commessi in passato e sappiano come comportarsi ora con questo nuovo disco e questa nuova era, e io sono fiducioso in questo. Sicuramente è vero che per quanto riguarda gli eccessi stiamo parlando di Gaga quindi io in primis non voglio un’immagine pulita precisa e casta da lei AHAHAHAH, ma è anche vero che credo faranno attenzione a non esagerare e a non appesantire la sua immagine dopo un’anno e mezzo di duro lavoro speso per ripulire la sua immagine e farle acquistare credibilità per il suo talento.

  • GagaQueen

    Il punto su Katy Perry non condivido , si con i singoli Katy PErry è fortissima , ma l album alla fine con 2 MEGA HIT(e 5 singoli rilasciati ) a malapena ha raggiunto 3,5 milioni di copie . Comunque Applause non sarà stata una hit ma ha fatto bene in classifica , il problema è la gestione che è stata pessima

  • The Edge

    Questo articolo stride profondamente con l’animo che caratterizza Lady Gaga, la quale è quel che è proprio perché non ha mai seguito schemi e non si è mai adeguata alle leggi del mercato essendo lei stessa ad aver creato le condizioni e le dinamiche che si sono andate a creare dal momento del suo arrivo in avanti.
    Ciò che voglio dire è che Lady Gaga ha sempre osato ed è questo il bello di seguire un personaggio come lei, che abbia il riconoscimento della massa o meno poco importa, lei deve fare ciò che sente di fare, non deve fare ciò che il mercato richiede in quel determinato momento, lei deve riuscire a portare il mercato ad apprezzare ciò che lei propone aldilà di ciò che funziona in quel momento, ed è proprio questo che lei è riuscita a fare nel 2008 con il suo arrivo ed è questo che deve provare a fare nuovamente, se scendesse a compromessi non sarebbe più Lady Gaga, si affiderebbe ad un team di esperti, comprerebbe canzoni preconfezionate dai produttori di punta che ti assicurano la hit facile e volerebbe basso, ma a quel punto non sarebbe più Lady Gaga.
    Lei deve continuare a parlare di ciò che vuole, deve dire cosa sente e cosa non sente, deve spaziare su sound che le piacciono prima di tutto a se stessaa e deve vestirsi come meglio crede, che sia sobria o stravagante l’importante è che quel look venga animato da una scintilla e da una convinzione, insomma, come ha sempre fatto, se volete una Lady Gaga schematica come quella che dovrebbe venir fuori dai punti riportarti in questo articolo vuol dire che non volete più la VERA Lady Gaga.

    • Diego

      Sono d’accordo con te, anche perché se il problema sta nel “piacere alla massa” allora dovrebbe anche evitare altre cose oltre agli eccessi, per esempio anche il punto proposto nelle cose da fare “creare una storia dietro l’album”, perché come abbiamo visto Born This Way l’ha consacrata ma ha anche teso a restringere sempre di più il suo pubblico. Tuttavia io penso che, aldilà della formuletta per il successo commerciale, il progetto di Gaga e del suo team per questa nuova era sia chiaramente quello di rifiutare gli eccessi e di concentrarsi sul talento, sulla voce e sulle sue capacità e conoscenze musicali, perché altrimenti sarebbe stato inutile quest’anno e mezzo di duro lavoro per ripulire la sua immagine e farle acquistare credibilità, anche perché in generale Gaga non è nata come artista di nicchia, quindi fino a che non vorrà/riuscirà a rendersi indipendente sarà sotto contratto con una casa discografica che da lei vorrà profitti, l’obiettivo commerciale ci sarà. (Che poi io per “eccessi” non mi riferisco a video tipo Alejandro o a performance come Paparazzi ai VMA del 2009 perché ovviamente parliamo di Gaga quindi non voglio nemmeno un’immagine del tutto precisa pulita e casta AHAHAHAH, mi riferisco proprio a elementi che possano appesantire la sua immagine, come alcune dichiarazioni/outfit proposti durante l’era ARTPOP o negli anni precedenti).

      • The Edge

        Però se ci fai caso Gaga nel 2008 è nata proprio come artista ”di nicchia” nel senso che era un personaggio diversissimo da tutto ciò che esisteva sulla scena pop commerciale, non è mai stata convenzionale ed è sempre stata autonoma pur essendo sotto contratto, d’altronde persino Bjork ha una casa discografica (faccio l’esempio per far capire che avere una casa discografica non fa di te automaticamente un manichino mosso da altri).
        Dal 2008 in poi sono state le altre ad avvicinarsi al suo mood, diventando più ”autentiche”, o almeno hanno provato a farvelo credere, tutte hanno provato a distaccarsi da quel filtro convenzionale che fino a prima non dava fastidio a nessuno, in parole povere, tutte hanno iniziato una metamorfosi alzando la posta in gioco cosi da avvicinarsi alla spregiudicatezza e al carattere di Lady Gaga, ecco perché oggi facciamo fatica a capire l’unicità di Lady Gaga, proprio perché tutto il resto si è allineato a quelle novità che all’inizio facevano apparire Gaga come una voce fuori campo e diversissima dal resto.
        Io per il prossimo album mi aspetto una bomba, voglio essere sorpreso in tutti i sensi e sono certo che lei ha in mente già tutto, come disse alla conferenza stampa dei Golden Globe ”non potete immaginare come apparirò nel mio prossimo album” con un ghigno accennato.

  • The Edge

    ”Ma i dati del mercato parlano chiaro, a vincere oggi é la sobrietà. Sembra che gli eccessi non siano contemplati al giorno d’oggi”

    Probabilmente la persona che ha scritto questo non ha riflettuto sul fatto che è stata proprio Lady Gaga a creare il cambio di rotta che nel 2008 ha virato sul fattore stravaganza fil rouge che tutte le altre hanno iniziato di li a poco a perseguire, quindi non è che lei nel 2008 è nata con quello stile perché andava di moda, è stata proprio lei a far cambiare rotta a tutte, cosa che, successo commerciale o meno, riesce a fare ancora oggi, basta guardare la Katy Perry degli ultimi 2 anni che ha abbandonato tutte le sue ”stravaganze” apprese dal 2008 in avanti, e ha optato per un concept più elegante, sempre glamour, ma più maturo proprio per allinearsi con il nuovo stile, per l’appunto elegante e meno stravagante, assunto da Lady Gaga negli ultimi anni, per non parlare del concept di ARTPOP/rave dal quale hanno attinto tutte, dalla Cyrus a Katy Perry.
    Che abbia successo commerciale o meno, Lady Gaga continua a trascinare gli umori stilistici di molte popparole che cambiano e mutano di riflesso a lei.

  • Fabio (A)

    Sono d’accordo anche io sul dire basta alle baracconate, ma devo dire che una Gaga stravagante ed eccessiva non credo sopravviverebbe in ambito pop. Per esempio non ce la vedo proprio a fare canzoni su temi comuni e video semplici come Teenage Dream o The One That Got Away, per riprendere Katy già citata nell’articolo. Forse perché ha abituato all’eccesso e alle stravaganze fin dagli esordi, e tutti l’abbiamo amata in quelle vesti. Però devo dire che i suoi video, a parte BR e Alejandro, non mi sono mai piaciuti.

  • MicheleT

    Sì, evitare Katy Perry è giustissimo e credo che ormai sia ora che riduca la sua eccentricità (io la adorerei lo stesso ma vedere come Gaga si è presentata ai golden globes mi fa impazzire, la rende più convincente!!!)! E poi serve un’ottima gestione dell’era alla Taylor swift (tra l’altro si conoscono quindi una chiamata un’email può scappare!)..

  • Yoncé (#R8)

    Ma fatemi capire… quelle la nella gif sono veramente Madonna e Lady GaGa? Cosa mi sono perso?

    • Dixon92

      É una skech fatto al SNL nel 2010 se non erro xD

    • DevilPray58

      si esatto, 2009 o 2010

      • Yoncé (#R8)

        Ma stanno scherzando o si sono picchiate veramente?

  • Tommaso Rossi

    É meglio che lasci stare zedd, erano forse troppo pesanti e elettroniche per il pubblico (anche se a me piacevano)…e si concentri su musica piu coinvolgente come do what u want, you and I e born this way….che non faccia la megalomane sono d’accordo, deve tenere un profilo basso….e poi vogliamo dei bei video come agli inizi!! Giá applause mi sembrava un calo di qualitá come video confronto ad una telephone o a judas…per l’abbigliamento spero che continui con il profilo basso che ha adesso, magari alternato a cose fuori di testa…

    • The Edge

      Che triste vedere cosi e seguire in questo modo una artista, calcolare come dovrebbe parlare, quello che dovrebbe fare o il modo nel quale dovrebbe apparire pur di ricevere a tutti i costi l’apprezzamento della massa, lo trovo di una tristezza infinita.
      Lady Gaga, sbagliando o meno, deve essere se stessa, deve fare ciò che sente, non deve farsi nessun programmino scritto sul come vestirsi, come parlare o che profilo tenere, deve mettere su un progetto in cui crede fatto di musica di qualità che piaccia prima di tutto a lei.
      Nessuno nel 2008 prima del suo arrivo pensava che il mercato avesse risposto positivamente a quel personaggio, lei ha osato e ha cambiato le regole del gioco stravolgendo la cultura pop di quel momento e alzando la posta in gioco, non è scesa a compromessi altrimenti sarebbe venuta fuori come un personaggio basico identico a tutte coloro che erano già in piazza e che non proponevano nulla.

      • Tommaso Rossi

        Il mio é solo un commento ad un articolo di rnbjunk su come dovrebbe comportarsi e come no Lady Gaga per essere apprezzata da fan e media, quindi non rivolgerti a me, ma a chi ha scritto l’articolo :)

      • The Edge

        Non volevo discutere, volevo solo farti/vi capire che vederla in questo modo è molto triste, dovreste pretendere di essere sorpresi, dovreste pretendere musica che vi piace, non stare li a fare lo schema pratico di come dovrebbe apparire un personaggio per ricevere consensi, per quello ci sono la Swift, la Perry e tante altre….se uno apprezza e ha seguito il percorso di Lady Gaga non può pretendere una cosi standardizzata visione delle cose.

  • andreacampana

    Comunque le produzioni EDM di zedd erano fantastiche

  • Jay Nate

    Credo che le premesse per un buon successo ci siano, l’importante è che sta volta stia più attenta con la gestione dei singoli e la loro promozione. La Perry e lei non si scontreranno secondo me, Gaga sta per rilasciare il primo singolo (dato che sarà presente ai Grammy), o comunque l’album verrà pubblicato la prima metà dell’anno, mentre Katy rilascerà nuova musica verso fine estate/inizio autunno…

    PS: ma quanto è bella Katy Perry nella gif?

  • Daniele Corghi

    L’ideale sarebbe un ibrido tra The fame monster e Born this way. Io comunque ESIGO RedOne perchè le sue produzioni sono sempre di altissimo livello insieme a Gaga. Basti pensare a Gipsy che dell’ultimo album era il brano migliore a mio gusto (nonchè tra i più radiofonici).

  • F.Music

    Beh qualche pezzo più EDM può metterlo, magari 1 o 2.
    Io vorrei un album alla Born This Way, di facile ascolto ma non troppo sempliciotto come il primo.
    E a livello di gestione dovrebbe prendere esempio da Taylor e Adele: primo singolo con subito il video e fare in modo che si diffonda e poi l’album massimo 1 mese e mezzo dopo.
    E soprattutto per i singoli successivi non sprecarli come la precedente Era, ma presentarli a vari eventi (come ha fatto Taylor che pur senza esibirsi ovunque ha saputo anticipare bene i singoli come fece con Bad Blood).
    E infine puntare su un tour che le permetta di promuovere a dovere l’album.