gettyimages-612924600-15480e85-95e3-4d93-85d2-d157e2fd30a8

In attesa del rilascio ufficiale (fissato per il 21 ottobre) della sua ultima fatica discografica, l’eccentrica Lady Gaga inaugura la nuova era con una immagine diversa. E’ ormai chiara la direzione che la cantante ha intenzione di intraprendere per questo nuovo lavoro che si discosta completamente da quelli precedenti, caratterizzati da look stravaganti e mai banali e da un diverso approccio alla musica. Come accennato qualche giorno fa, la cantante di “Bad Romance” ha intrapreso una collaborazione con Bud Light, franchising di bar in USA, conclusa con una breve tournée promozionale del nuovo album “Joanne” (per saperne di più clicca QUI).

Ieri notte si è tenuta la prima tappa a Nashville in cui, oltre a presentare la traccia “Million Reasons(QUI per sentire la versione studio), ha cantato a sorpresa una versione acustica di due tracce inedite contenute nell’album, “A-YO” e “Sinner’s Prayer“. Inoltre la cantante si è esibita con una versione non-acustica di “Perfect Illusion“, primo singolo estratto dal suo quinto album ormai in discesa libera da ogni chart già a partire dalla seconda settimana di rilascio.

Lady Gaga con questi mini-concerti si trova difronte una ottima occasione per testare le reazioni che le nuove canzoni suscitano nel pubblico e scegliere con coscienza un secondo singolo, assolutamente necessario per risollevare le sorti della malcapitata “Perfect Illusion“. Il concerto si apre con una Lady Gaga più sobria del solito, una semplice chitarra acustica fa da assoluta protagonista insieme all’immancabile cappellino rosa, probabilmente il simbolo più riconoscibile della nuova era. Le parole con cui Gaga inaugura la serata sono queste:

Mi chiamo Lady Gaga, una cantautrice di New York City, ma fatemi un favore… chiamatemi semplicemente JOANNE

Sinner’s Prayer” è la prima traccia rivelata al pubblico. Spicca il cambiamento radicale di sound, questa volta puramente country con un appeal più dolce. Aspettando la versione studio della ballad in featuring con Father John Misty, è da reputare sicuramente tra le più interessanti della serata. Di seguito l’esibizione.

La serata prosegue con la presentazione di “A-YO“, traccia che si discosta dalla precedente, resta il richiamo della musica country ma questa volta in una versione più “grintosa”. Si rivela un pezzo ballabile con un ritornello martellante, tra le tre canzoni presentate in serata è certamente la più candidabile come futuro secondo singolo.

Ultimo inedito presentato, “Million Reasons“, singolo promozionale pubblicato insieme al pre-order dell’album e già disponibile in tutti gli store digitali. Una ballad country-rock che arriva direttamente al cuore dell’ascoltatore e riesce ad emozionarlo. La voce di Gaga è adatta all’interpretazione di questo brano ed in linea di massima si rivela una ottima performance.

Una Lady Gaga scatenata sul palco come non mai chiude il concerto sulle note del lead single, “Perfect Illusion“. La cantante rispolvera il look del video musicale e si lascia trasportare dall’entusiasmo del pubblico, tralasciando la parte vocale. E’ appurato che “Perfect Illusion” non riesca ad esaltare il timbro vocale di Gaga che si presta più a canzoni come “Million Reasons”, “Sinner’s Prayer” ed “A-YO”. Di seguito l’intero concerto (comincia al minuto 31).

E voi cosa ne pensate di questa svolta e delle versioni acustiche fin’ora trapelate? Apprezzate il nuovo modo in cui Gaga si approccia, sia vocalmente che artisticamente, con la sua musica?

5 Commenti

  1. AYo si prospetta una bomba, esibizioni magnifiche ma vedere live perfect illusion e sapere che è un flop fa stringere il cuore. Comunque non si può di certo dire che Gaga stia cercando di tornare al top adattandosi alla massa. sta per tirare fuori il suo disco più autentico! altroche!

  2. Millio Reasons sarebbe stato ottimo come singolo di lancio. E’ una canzone più “alla Adele” quindi penso che il pubblico l’avrebbe apprezzata più di una Perfect Illusions

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here