lady-gaga-that-grape-juice-1

Dopo il grandissimo successo del suo album di debutto e della seguente re-release, Lady Gaga ha visto il consenso del pubblico scemare lentamente se si fa riferimento alle copie vendute dai suoi progetti, in realtà pero’ il suo apporto alla musica pop degli ultimi anni è stato così importante che anche quando non ha rilasciato musica si è sempre fatta il suo spazio tra le star più chiacchierate e seguite.

Il suo ultimo disco pop, il sottovalutato e secondo la stessa star ”mal capito” ”ARTPOP”, ha visto una promozione confusionaria dovuta probabilmente ad un certo boicottaggio da parte dei suoi manager e della sua casa discografica e la star ha pensato bene di renderci partecipi dell’accaduto nella forma più artistica possibile rilasciando un video-medley per promuovere l’ultimoe sfortunato singolo dell’era, la uptempo ‘‘G.U.Y”.

Non siamo pero’ di certo davanti ad una donna facilmente manovrabile, anzi, e proprio per questo Miss Germanotta è andata avanti per la sua strada proponendo un vero e proprio salto di qualità per la sua immagine al fianco del cantante jazz Tony Bennett con il quale ha inciso l’album premiato ai Grammy, ”Cheek to Cheek”. Dopo aver rilasciato in questa annata ”Till It Happens To You” , track nominata anche essa ai Grammy, la cover di ”I Want Your Love” per Tom Ford, e ancora dopo la partecipazione molto acclamata dalla critica in American Horror Story: Hotel, Gaga sembra pronta a tornare con il suo album pop, tanto atteso dai fan che si sono divisi sulla questione ”jazz”.

Dopo aver confermato nuove collaborazioni con RedOne, Giorgio Moroder, e Mark Ronson, la cantante ha anche insisitito sul fatto che nel progetto saranno presenti più ”hit facili” alla Just Dance, per intenderci e che l’album sarà fortemente influenzato dalla sua partecipazione di AHS, e come succede spesso quando gli artisti si fanno attendere troppo ecco che iniziano a spuntare in rete delle nuove anteprime: oggi è toccato a ”Sire”, pezzo prodotto da Mark Ronson.

Non siamo in grado di capire che direzione stia prendendo la cantante a causa della pessima qualità della registrazione ma siamo sicuri che con questo team di produzione #LG5 non potrà che essere un nuovo importante tassello del panorama pop di questi anni.

E voi che ne dite? Cosa ne penate del team di produzione scelto da Gaga? Avete colto qualcosa in più dallo snippet? Fatecelo sapere!

15 Commenti

  1. Per la prima volta non so cosa aspettarmi … lei è maturata molto in questi anni, nonostante ARTPOP sia stato un album confusionario. Tuttavia, c’erano delle perle anch’esse sottovalutate per vari motivi, in primis DWUW (con quella base new wave da morirci), ma anche sexxx dreams e manicure che avevano una produzione tutt’altro che scontata.
    Questo album arriva dopo quasi 2 anni di lunga attesa, e vorrei credere che sia stato concepito con maggior cura rispetto al precedente. Lei è un’artista consapevole (checchè se ne dica) ed ora ha al suo fianco un manager che la sta “guidando” verso un percorso interessante, il che mi fa ben sperare che la gestione di LG5 non sarà lasciata alla deriva come ARTPOP.

  2. Siceramente io mi sto allontanando molto dal pop. Tutto ciò che è immediato e banale non lo riesco più ad apprezzare. Gaga è l’unica artista pop che continuo a seguire essendo suo fan da anni, ma ho paura di perderla col prossimo CD.. Non ascolto più sua musica come prima e se continuerà sul sound dance-pop, sui testi brevi e ripetitivi, sull’immagine penso mi deluderá. Io la amo, amo il suo passato, ma non sono più un bimbo di 12 anni, sono cresciuto e mi son reso conto che voglio altro dalla musica. A differenza delle sue colleghe, LEI ME LO PUÓ DARE, credo nel suo talento e nella sua intelligenza. Ho solo paura che scelga la direzione sbagliata.
    Con Cheek to Cheek ha dimostrato di avere voce, classe e conoscenze musicali. Che lo dimostri anche con questo CD.

  3. Non capisco perchè la gente trovi ARTPOP sottovalutato… Da fan di Gaga mi sento di dire che ARTPOP non sia nemmeno l’unghia più brutta di Born This Way, per non parlare di The Fame Monster. Per ora non mi voglio sbilanciare troppo, insomma riconosco solo il suo modo di cantare, ma molti dicono sia realmente lei. ARTPOP secondo me è stato penalizzato, oltre che dalla gestione, anche da lei stessa… Aveva delle attese altissime, e dalle interviste sembrava arte pura e confezionata in un disco. Applause non era niente di ciò, nell’album ci sono delle canzoni carine si, ma niente di ciò che Gaga e chi fa per lei aveva detto. Era un bell’album, ma niente di più. Spero che lasci da parte la sua tendenza all’arte o a tutto ciò che abbia creato ARTPOP e ritorni piuttosto a concentrarsi sulla musica, campo in cui sa anche lei di poter eccellere.

    • Sono d’accordissimo con ciò che hai detto anche a me ARTPOP ha molto deluso…in se è un buon album ma comunque non era assolutamente ciò che io mi aspettavo dalle tutte le sue dichiarazioni…fare un grandissimo hype ad un disco è sbagliato infatti Adele e Beyoncé che nei loro ultimi due album non hanno detto grandissime cose sono andati bene…

      • Boh, io di così artistico ci trovo pochissimo, ne trovo molto di più in the Fame Monster per esempio. Secondo me Gaga voleva fare un album più colorato, pop e meno cupo dagli altri, ciò non voleva dire fare una cosa artistica. Aveva un hype altissimo per un risultato buono, ma semplicemente buono. Alcuni testi sono belli (Dope, DWYW, Gypsy e ARTPOP stessa) però non mi hanno “lasciato niente”… Cioè ti lasciano quel piacevole amaro in bocca, ma niente di più. Speriamo che col prossimo album faccia un qualcosa di diverso ma uguale ai precedenti… a vedere i produttori sembra quasi un disco in stile anni ’70/’80 e non mi dispiacerebbe. Da una parte vorrei l’album subito, dall’altra che sia sicura di ciò che fa! Sono convinto che il primo singolo uscirà nella seconda metà del 2016, quindi mi metterò l’anima in pace e aspetterò!

      • Si lo do ARTPOP rispetto ai precedenti BTW e TFM è inferiore ma per i temi è molto particolare alcuni brani rispecchiano molto il periodo di depressione per l’anca…comunque lo so che musicalmente non è bello e inferiore rispetto ai precedenti….secondo l’ha penalizzato il fatto di essere registrato in tour quindi diciamocelo essere fatto in fretta…ma per i temi…sono come…non lo so incuriosito dubbioso non lo so spiegarlo…per questo ho un rapporto di amore-odio

      • Si ci sono molti più temi, dall’uso di droghe al tour stesso… È probabilmente l’album più “dubbioso” di Gaga, non si riesce ad amarlo o odiarlo completamente, a differenza di lei

  4. (Curiosità: dove lo avete trovato? Non ho visto nessuno parlarne, né sui social né su Gagadaily ecc.)
    Comunque per quel poco che si sente non mi dispiace, prendo tutto quello che viene perché per questa volta non ho assolutamente idea di che cosa aspettarmi da Gaga perché lei stessa non ha mai rilasciato dichiarazioni ben precise, ed è un bene considerando l’hype immenso che aveva creato per ARTPOP. Mi aspetto una Gaga che sfrutti al meglio la sua voce graffiante (voglio ballate come Speechless/Yoü and I piuttosto che una Dope) e spero che la raffinatezza del Jazz la influenzi, insomma spero che possa portare un nuovo sound e rivoluzionare la musica Pop come fece a partire dal 2008.

  5. Mark Ronson e Giorgio Moroder come produttori mi piacciono ma sono un po’ preoccupato per RedOne spero che per “hit facili” non intenda brani come “Judas” cioè copie dei singoli precedenti…comunque mi piacerebbe se lasciasse un po’ la dance e facesse brani come Sexxx dreams e DWUW

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here