laura-pausini-accusata

Qualche anno fa, quando un terremoto distrusse L’Aquila ed altre città dell’Abruzzo, Laura Pausini si trasformò in una vera e propria attivista: sua fu l’idea di organizzare un mega concerto-evento, “Amiche Unite per l’Abruzzo”, una serata che univa presso lo stadio San Siro i nomi femminili più importanti della musica italiana. Ovviamente, un evento del genere raccolse un numero incredibile di spettatori, e riuscì ad incassare moltissimi soldi da devolvere poi in beneficenza.

Ad anni da allora, mentre in molti si prostrano ad aiutare anche le vittime del terremoto di qualche giorno fa che ha colpito ancora una volta il Centro Italia, in rete è sono sorte due questioni: da un lato si parla di un possibile bis della Pausini, che organizzando di nuovo qualcosa di simile potrebbe fare ancora una volta del bene a tante altre persone; dall’altro si insinua che quei soldi non siano stati devoluti interamente in beneficenza, un’accusa abbastanza infamante per la diva e le altre interpreti coinvolte. E’ la stessa Laura a rispondere a queste domande, e lo fa con le seguenti parole:

In questi anni ho cercato di aggiornarvi attraverso comunicazioni scritte sui miei siti e anche chiedendo alla stampa di riportare in maniera più evidente i dati delle nostre donazioni, ma l’attenzione è sempre più vicina al gossip rispetto a queste notizie così importanti. Approfitto quindi per garantirvi che TUTTI I SOLDI DI “AMICHE PER L’ABRUZZO” SONO STATI DONATI ED USATI. Noi madrine abbiamo deciso di seguire personalmente la destinazione delle donazioni. Non ci siamo affidate a nessuno se non a noi stesse. Abbiamo costruito la succursale della scuola De Amicis così che gli studenti potessero rientrare al più presto a scuola. Scuola che io stessa sono andata a vedere ed inaugurare anni fa. Poi con il resto dei soldi abbiamo dato alloggi agli universitari e costruito aule dell’università, in questo caso inaugurate e supervisionate da Fiorella Mannoia E Gianna Nannini. Noi siamo persone serie e puntigliose. Abbiamo seguito con attenzione e amore queste donazioni

Essendo lontana dall’Italia per molto tempo ancora, non ho in questo momento la possibilità di organizzare in prima persona un evento come è stato AXA, anche se molti me lo hanno chiesto, e per questo ho scelto di dare il mio contributo in forma privata

La cantante conferma inoltre che la cifra incassata dal concerto ammonta a 1,308,406,5€: cifra che, da solo, nemmeno l’uomo più ricco del mondo potrebbe probabilmente donare. Un aiuto del genere ora servirebbe, e noi speriamo che qualcun’altro agisca al posto di Laura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here