Mossa che non ci aspettavamo quella appena annunciata dalla superstar nostrana Laura Pausini. La cantante ha da poco rilasciato l’album “Simili”, un disco che è riuscito ad ottenere risultati incredibili non solo nella classifica italiana (oro in una settimana) ma anche nella classifica mondiale, dove è riuscito a raggiungere niente poco di meno che la no.13, debuttando dunque più sopra di artisti nordamericani come Sara Bareilles.

Nonostante tutti pensassero che per rilasciare la title track “Simili” la cantante avrebbe aspettato l’anno venturo, approfittando del fatto che il pezzo sia stato scelto come brano portante della colonna sonora di “Braccialetti Rossi”, la Pau ha preferito invece schierare da subito questa traccia, facendone così il secondo singolo ufficiale di questa Era.12299378_1250581694957561_7593023333842354016_n

Il brano è una power ballad pop incentrata sul tema amoroso, insomma sulla carta nulla di nuovo per la popstar, tuttavia andando ad ascoltare ci rendiamo conto di non essere esattamente davanti al classico brano alla Pausini maniera, della classica canzone che accosteremmo alla sua voce anche soltanto sentendo la base.

“Simili” non si discosta molto dal prototipo di canzone italiana, tuttavia si discosta abbastanza dalle ritmiche che dominano nei principali successi downtempo di Laura, soprattutto grazie ad un ritornello molto potente in cui delle chitarre elettriche donano alla traccia una penetrante atmosfera pop-rock.

A differenza di “Lato Destro del Cuore”, canzone bellissima ma priva di quell’appeal in più che ogni singolo dovrebbe possedere, questa traccia potrebbe fare bene in classifica, tuttavia noi continuiamo a pensare che a questo punto sarebbe stato meglio puntare su una up tempo.

Eccovi la traccia, che ne dite?

 


Rilasciato tramite esclusiva su Corriere.TV il nuovo video di Laura Pausini per il singolo “Simili”, secondo tratto dal suo nuovo album:

Rilasciato un video anche per la versione spagnola:

6 Commenti

  1. ha debuttato alla 13 di mediatraffic solo grazie all’oro in Italia. Non centrano nulla le vendite estere tant’è che quando è uscita la versione spagnola, la settimana successiva, è uscita dalla classifica

  2. Ho sentito tutto il disco due volte e,onestamente,è abbastanza deludente.
    Simili è un bel pezzo, anche lato destro del cuore volendo, ma la maggior parte dei brani hanno quella vibe latineggiante e agghiacciantemente dance che boh, proprio no. L’ultimo disco con la D maiuscola che ricordo aver AMATO davvero di Laura Pausini è Resta in Ascolto, quello si che era un album.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here