Recensione del disco di debutto di Leona Lewis Spirit, legato al successo del primo singolo “Bleeding Love”

Nuovo grande talento proveninte da X-Factor UK, Leona Lewis ha una voce portentosa, che ricorda quella delle colleghe più rodate come Aguilera e Carey. Il suo debut album si chiama “Spirit” e conta produzioni di lustro anglo-americane, anticipato dal singolo “Bleeding Love” che sta cominciando anche a sentirsi nelle radio del nostro paese sempre più spesso.

“Spirit” è un’album che personalmente mi ha deluso, niente da ridire sulla fantastica voce dell’interprete, il suo comportamento in pubblico è impeccabile, ed anche l’aspetto fisico di questa nuova artista è decisamente invitante, tuttavia l’album manca d’anima, manca di personalità, si chiama “Spirit” ma manca di “Spirito”.

È pazzesco, le mie aspettative per questo debut album erano fortissime, forse perchè condizionato dalla sua live performance strepitosa su X-Factor del suo cavallo di battaglia “Bleeding Love”.

Assolutamente inutili tutte le uptempo contenute nel CD (eccezzion fatta per “Take A Bow” che però risulta molto anni 90), poco valorizzano la sua voce gli slowjam nel CD, si salvano “Footprints In The Sand”, “Angel”, il primo singolo “Bleeding Love”, ed “Homeless”.

Rinviata al futuro, certo con questa voce la ragazza ha tutte le possibilità per apparire nell’olimpo delle divas odierne con grandi voci, certo non è ancora il momento, deve maturare, deve trovare una sua precisa identità che faccia dire alla gente quando la ascolta in radio “woah… questa è Leona”.

R&B Junk rating:

1. Bleeding Love
2. Whatever It Takes
3. Homeless
4. Better In Time
5. Yesterday
6. Take A Bow
7. I Will Be
8. Angel
9. Here I Am
10. I’m You
11. The Best You Never Had
12. The First Time Ever I Saw Your Face
13. Footprints In The Sand
14. A Moment Like This – UK Bonus Track

25 Commenti

  1. sincerely l’album di leona m è piaciuto x via della sua voce,direi ke bleeding love è la meyo,poi c’è better in time,take a bow,angel,footprints on the sand,i will be sta bassa xkè è 1 cover di avril(sincerely è meglio qlla di leona)e homeless piuttosto triste.le restanti hanno 1 gran livello tecnico ma volano basse x originalità

  2. […] “Spirit” di Leona Lewis, album di debutto di una ragazza britannica fino a l’anno passato assolutamente sconosciuta, debutta con 204 mila copie alla numero 1 della classifica americana degli Album billboard top200. La Lewis è la prima artista britannica donna a debuttare alla numero uno nella classifica degli album in USA, la prima nella storia della musica! Inoltre è dal 2005 (Carrie Underwood), che non vi era un debutto di una newbie in Chart così alto come il suo a livello di copie vendute. […]

  3. Molte recensioni lette su qst cd hanno detto la stessa cosa,eppure a me sto cd piace!!!E’ vero nn ci sn canzoni energike,canzoni ke tirano fuori la vera leona…ma sono tutte canzoni affascinanti ke ti colpiscono subito…la sua voce vola sulle note,bravissima una vera diva..la nuova mimi…..sicuramnete non c”e’ niente di esplosivo in qst album,ma vale la pena comprarlo perke’ e’ gradevole e si lascia TRANQUILLAMENTE SENTIRE…ANZI DIRO’ DI PIU’ ,PIU’ SI SENTE E PIU’ SI HA PIACERE A SENTIRLO…..(rilassa tanto,provante qnd fate la doccia…ad hoc):o):o)

  4. qualche canzone carina c’è, ma poi per il resto non è granche…ma il prossimo singolo per caso è Footprints In The Sand? perchè mi ricordo di aver visto delle foto di lei a mare che girava un video tempo fa….

  5. uffa ma il mio commento si è cancellato! Cmq ho detto ke questo cd mi ha deluso: manca una song bella nergica dove la voce di Leona possa emergere in tutta la sua potenza. Il cd presenta delle canzoni molto piatte, io l’ho ascoltato una sola volta e sinceramente nn mi ha colpito molto. Da lei mi aspettavo molto molto di +…peccato! :(

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here