lorenzo-fragola-zero-gravity-2-740x340

Lorenzo Fragola è un personaggio musicale che non piace proprio a tutti, uno di quelli che spaccano l’opinione pubblica in una folta schiera di fan ed in un altrettanto folto gruppo di haters, ma come tutti gli artisti che riescono a fare ciò l’ex vincitore di X Factor è riuscito a consolidare il suo successo negli anni, mettendo su un buon numero di hit sia con pezzi un po’ più seri che con canzoni facili e scatenate, come il tormentone dell’estate 2015 “#Fuori C’è Il Sole”.

Se con il suo ultimo singolo “Luce Che Entra” il ragazzo ha puntato su una up tempo che gli ha permesso di acchiappare una nuova hit estiva, adesso sembra invece voler puntare su ritmi un po’ più lenti. In queste ore è stato infatti annunciato la scelta di “D’improvviso” come nuovo singolo. Si tratta di una bellissima ballad dalla base ben ricca di strumenti in cui l’artista canta sempre accompagnato da una doppia voce. Le due tracce audio, entrambe registrate da lui, sono una un po’ più acuta ed una un po’ più grave, una scelta che riesce a creare un effetto che conquista con semplicità l’ascoltatore.

Personalmente non ho mai apprezzato più di tanto la musica di questo giovane artista, tuttavia qui è davvero riuscito a sorprendermi. “D’improvviso” è una canzone ottima, ben prodotta e ben interpretata. Dalla base trasuda pura dolcezza, che tuttavia viene contenuta da un’interpretazione funzionare a non rendere questa sensazione eccessiva.

 

Rilasciato anche il videoclip, in cui una ballerina si ricopre di petrolio per poi intrattenere con una coreografia molto introspettiva.

Voi che ne pensate di questa traccia? E’ un buon singolo oppure avreste scelto altro?

Testo

Pomeriggi giù in cortile
Con il sole fermo e le ringhiere
Mi ricordo ancora il freddo
Le tue guance rosse, il mio maglione
Giocavamo ad esser grandi
Ma mai grandi quanto i nostri sogni

Solo un’altra sigaretta e qui si aspetta un treno che non passa
Centomila vite fa inseparabili, ora dove sei, adesso cosa fai?
D’improvviso penso a te, d’improvviso penso
Che ti vorrei sentire anche per un istante
Ti vorrei abbracciare come ho fatto sempre
Ti vorrei guardare senza dire niente
Lasciare indietro quello che non serve
Anche se qui in fondo non è così male
E anche se non è il giorno di Natale
Ti vorrei sentire anche per un istante
Capire che anche per te è importante

Proprio come i monumenti
Abbandonati e soli in una piazza
Polvere di vita che ha ricoperto tutta la bellezza
Centomila vite fa inseparabili
Ora dove sei, adesso cosa fai?
D’improvviso penso a te, d’improvviso penso
Che ti vorrei sentire anche per un istante
Ti vorrei abbracciare come ho fatto sempre
Ti vorrei guardare senza dire niente
Lasciare indietro quello che non serve
Anche se qui in fondo non è così male
E anche se non è il giorno di Natale
Ti vorrei sentire anche per un istante, capire che

Mentre gli anni passano
Come fosse un ballo fuori tempo
Tu sei con me, tu sei con me
Che ti vorrei sentire anche per un istante
Ti vorrei abbracciare come ho fatto sempre
Ti vorrei guardare senza dire niente
Lasciare dietro quello che non serve
E anche se qui in fondo non è così male
E anche se non è il giorno di Natale
Ti vorrei sentire anche per un istante
Capire che anche per te è importante
Anche per te è importante
Anche per te è importante

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here