Il Rapper si schiera politicamente! Come ben sapete a Novembre tutta l’attenzione andrà sulla scena politica Statunitense, infatti cambierà dopo 8 anni d’inferno Bush, l’inquilino della Casa Bianca. Ancora oggi il favorito è Barak Obama, l’uomo di “Yes We Can” che ha catturato tutto l’elettorato giovane degli Stati Uniti! Il mondo del musicbiz è in granparte schierato per la vittoria del democratico, giovane, carismatico e molto sensibile ai problemi delle comunità più disagiate degli Stati Uniti. 

Proprio dal Musicbiz, dal mondo della musica HipHop arriva un attacco al rivale di Barak, John McCain, più precisamente da parte di Ludacris, che in una canzone di dissing, insulta a chiare lettere il repubblicano, ma non solo.. insulta anche la forse vicepresidente Hilary Clinton.. dandole senza troppi problemi della put***a…!

“Said I handled his biz and I’m one of his favorite rappers
Well give Luda a special pardon if I’m ever in the slammer
Better yet put him in office, make me your vice president
Hillary hated on you, so that bitch is irrelevant

Paint the White House black and I’m sure that’s got ‘em terrified
McCain don’t belong in any chair unless he’s paralyzed
Yeah I said it cause Bush is mentally handicapped
Ball up all of his speeches and I throw ‘em like candy wrap
’cause what you talking I hear nothing even relevant
and you the worst of all 43 presidents”

Anche se questo messaggio è molto condivisibile, anche lo stesso Barak Obama si è distanziato da questa presa di posizione molto categorica del Rap Dirty South…

Da una parte posso capire l’incazzatura totale di una comunità Black che è stata completamente messa da parte da un governo Bush che aveva ben altre priorità, e poi aggiungiamo il dramma ancora vivo derivato dall’uragano Catrina che ha colpito una Città di maggioranza afro-americana… dove ancora oggi vivono dei poveri pezzenti lasciati allo sbando dal governo… vogliamo poi parlare della reputazione intera degli Stati Uniti all’estero? Completamente sgretolata da una politica estera azzardata, egoista, imperialista…

D’altro canto però… Ludacris ha esagerato, il mondo della musica deve prendere una posizione, ed influenzare i giovani a votare l’uomo giusto, ma senza attaccare e danneggiare gli avversari politici, perchè sono solo armi che potrebbero ritorcersi contro lo stesso candidato Obama.

Oltre al calore delle release discografiche, sarà interessante anche buttare un’occhio sulla politica americana.. che purtroppo influisce sempre in una qualche maniera anche sulla nostra vita quotidiana!

Forza Obama…!

  • blackmutya

    E’ facile parlare di generalizzazione se non sei mai stata insultata da gruppi di neo-nazisti per il taglio degli occhi o per il colore della pelle, o se al bar non ti hanno mai dato tazzine sporche, o quando per fare delle analisi danno la precedenza agli altri dicendosi tra loro “l’extracomunitaria la teniamo per la fine”. Il razzismo non è dare fuoco ai campi degli zingari, e non è neanche chiamare qualcuno sporco n***o o profanare cimiteri ebraici. Il problema è l’odio, la diffidenza e l’ignoranza che molte persone hanno inconsapevolmente nei confronti di altri individui che sono in tutto e per tutto identici a loro. E allora mi chiedo: perchè si continua a parlare di Barack Obama più per il colore della sua pelle che per le sue qualità?
    Comunque tornando al tuo discorso il fatto è che il signor McCain ha molti consensi semplicemente per essere un veterano del Vietnam; unica guerra, tra l’altro, che gli Stati Uniti hanno miseramente perso. Il fatto di essere un ex soldato lo porterebbe sempre e comunque a giustificare qualsiasi conflitto con chiunque gli si dovesse mettere in mezzo ai piedi (già ha dichiarato che vorrebbe dichiarare guerra all’Iran, e se così fosse per il mondo intero sarebbe la fine). Secondo, vuole sbattere fuori dal G8 la Russia, nazione che lui odia profondamente ma che, per il bene di tutti, è bene tenersi buona anche perchè in sostanza sono loro che ci danno il gas per stare al caldo in inverno!
    Terzo ed ultimo punto, gli USA hanno avuto 8 anni di seguito di amministrazione repubblicana con risultati pessimi e soprattutto imbarazzanti (vedi le finte armi chimiche mai trovate in Iraq); da Reagan in poi esclusa la parentesi Clinton ci sono stati i Repubblicani al potere. E non mi sembra che abbiano fatto granchè.

    • funkyfresh84

      La prima volt ache ho sentito della candidature di Obama, mi è venuto in mente il discorso pronunciato da Martin Luther King a Washington il 1963: […I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: “We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal.”…]
      Obama e il primo passo per fare in modo che questo sogno si realizzi, un segno che FINALMENTE, il cambiamento possa avverarsi, un cambiamento che non aspettano solo gli afroamericani. L’ inizio di una storia nuova.
      E’ vero la schiavitù e la segregazione a livello fisico, son finite da anni in America, ma continua a sussistere una schiavitù a livello psicologico, che porta i neri a sentire ancora il peso di tutto ciò che è il passato (e presente) sulle proprie spalle.
      Non è una questione di vittimismo, e che noi “poveri” neri ci sentiamo soprafatti… E’ solo voglia di rivincita, è difficile pensare di essere qualcuno che vale se il tuo colore agli occhi degli altri è quello che viene prima o continuare a dimostrare che fai il di più per sfatare i pregiudizi.
      Come dice Blackmutya è l’odio che porta a certi comportamenti, l’odio che a radici bene salde e profonde, l’odio che i genitori seminano nelle menti dei propri figli….vi ricordate a storia dell uomo nero e cattivo che ti porta via e già un bell modo per inculcare certe differenze nella testa dei bambini.
      Spero fortemente nella vittoria di Obama come politico, che possa davvero fare dei grandi cambiamenti e ridare vigore all’America e non solo una vittoria come uomo di colore a raggiungere una carica così alta.
      La cosa che mi preoccupa è che non so quanto possa fare un politico per “modificare” le menti umane, per far loro capire quanto possa essere stupido giudicare e trattare una persona solo per il colore della pelle o per le diversità etniche e economiche.
      Obama troverebbe comunque troppi nemici, il razzismo e’ ormai sedimentato nel dna di molte persone, si puo’ dire che per tante persone rappresenta un ideale per cui combattere giorno dopo giorno.

  • blackmutya

    Beh ragazzi io ho letto molto di peggio…andate a sentire Fight The Power they Public Enemy e poi ne riparliamo. Finalmente gli Afroamericani possono dire qualcosa e cambiare il mondo. Finalmente il mondo capirà che i bianchi oltre ad essere considerati più “avanti” mentalmente hanno fatto anche molto male (li hanno deportati, li hanno segregati come durante l’apartheid in Sudafrica, li hanno picchiati e linciati in pubblico; nei secoli precedenti hanno colonizzato, hanno causato le guerre mondiali, hanno creato la bomba atomica, ecc.). Basta con la falsità. Basta con i soprusi. E SE (ma dubito fortemente) vincerà McCain sarà una riprova del fatto che gli Americani (sottolineo BIANCHI) sono un branco di ignoranti che non sanno nemmeno quali stati confinano con il proprio (è vero, ci ho vissuto), figuriamoci scegliere consapevolmente il proprio Presidente.
    A tutte le minoranze etniche: we are NOT a minority. Yes, we can.
    E credo di avere ogni diritto di parlare così perchè non sono bianca. E sono felicissima che un candidato non caucasico sia ad un passo dalla carica più importante del mondo. Avanti così, Barack. You’re the Man!

    • Woooooowwwww…
      Parole sacrosante, anche se son bianca (anzi, fra un po’ divento albina), condivido tutto, anche la punteggiatura.

  • Lil’ Joey

    WoW ci è andato pesante Luda… hehe
    Comunque… Forza Obama!!
    Yes we can! :D

  • Rea

    Deve vincere Obama,lui è il cambiamento,è tutto ciò che è giusto e vero e che prima o pi deve essere affrontato!Ciao!

  • stivie

    è vero che persona ridicola,
    e sopratutto ignorante.

  • Luda non è fra quelli che preferisco, ma penso che queste parole su Bush siano condivise da tanti afroamercani e non a torto.
    La questione di New Orleans è solo una delle tante, questi otto anni son stati vergognosi e per questo credo e spero che Obama sarà il nuovo presidente.

    Sull’appellativo “b!tch” ricordo che non equivale esattamente al nostro
    “pu!!ana”… E’ indubbiamente un insulto, ma sta acquistando un uso e un significato sempre più ampio, tanto che non è raro sentir chiamare
    “bi!ch” anche persone di sesso maschile, con il significato di idiota o incapace, che secondo me è proprio quello che intendeva anche Luda in questo caso.

    • Lil’ Joey

      Vero! Diciamo che Ludacris più che chiamarla una pu**ana l’ha chiamata una stron*a…

  • IloveNY

    Vincera McCain….sono stato 3 mesi negli Usa…Moltissime persone considerano Obama un ingenuo e poco esperto.E poi da dove salta fuori?…Un passo cosi grande gli Usa nn lo faranno……E cmq W gli USA….!!!

    • 4everBK

      vincerà Obama invece vedrai….W Obama!:D

  • +-TeOooo-+

    finalmente qualcuno k dice le cs cm stanno…+ o -…cmq grandi finalmente si cambia…in meglio…

  • poteva risparmiarsela che faceva meglio…

  • FeRgIe

    mamma mia…ci è andato pesante…UuU

  • thomas lee

    Ludacris….è sempre stato un pò pazzo!..NN mi stupisce che abbia dato della put***a alla Clinton….dato che in tutte le sue canzoni si sente sempre bicht……