C’è qualcosa di strano che sta succedendo nel music biz in questo periodo: sarà l’eccesso (?) di elettronica e dance nella musica mainstream, sarà il successo incredibile che un’artista come Adele è riuscita ad ottenere, fatto sta che le label, e di conseguenza anche le radio, stanno riscoprendo i suoni ed i ritmi più soul: nuovi artisti, grandi numeri nell’airplay, concerti…

E tutto questo ovviamente mi rende felice! L’ultimo in ordine di tempo ad arrivare in Italia (prima sul mercato, e poi su un palco) è  Michael Kiwanuka, esordiente londinese di origini Ugandesi che affonda le sue radici nella musica soul del passato, e che ha appena pubblicato un album che suona davvero retrò.

Il suoi primo lavoro solista si intitola “Home Again”, come la canzone che in questi ultimi mesi lo ha aiutato a farsi conoscere, e che trovate qui sotto.

Secondo le sue dichiarazioni, non aveva alcuna intenzione a realizzare un disco che suonasse volutamente“vecchio”, ma il tutto è frutto di un processo di composizione personale, di tracce che lo rappresentano come uomo.

La BBC lo ha già premiato con il “Sound of 2012”, ed ora arriva dal vivo a Milano! Dopo le bellissime occasioni date nei mesi scorsi da Aloe Blacc e Raphael Saadiq, tocca a Michael Kiwanuka.

Eccovi tutte le coordinate dell’evento:

MICHAEL KIWANUKA live + opening act JAKE BUGG

Venerdì 20 Aprile 2012

Milano – Magazzini Generali (Via Pietrasanta, 14)

Apertura porte Ore: 20.00 – Inizio Concerti Ore: 21.00

Prezzo del biglietto: 15 euro + diritti di Prevendita

Prevendite su ticketone.it, bookingshow.it e ticket.it

Organizzazione Vivoconcerti

2 Commenti

  1. beh però qui in italia le cose sono strane davvero: non vengono le star affermate e vengono artisti alle prime armi che, per quanto possano essere bravi (lui lo è, e su questo non ci piove) hanno molte meno possibilità di fare un concerto di successo, soprattutto in un paese come il nostro in cui l’ignoranza musicale regna sovrana e tutti vanno appresso ai soliti noti solo perché conoscono il nome…

  2. Un grandissimo artista! Sono contento che effettivamente quella parte di artisti, schiacciata dalla pop bomb esplosa nelle radio e nei lettori mp3 di tutti i ragazzi negli ultimi anni, abbia finalmente modo di essere valutata, anche perché il livello musicale e la competenza artistica sono oggettivamente superiori a molte delle proposte musicali dell’ultimo periodo, a prescindere dai gusti personali. Per quanto a me piaccia molto la musica commerciale, dal pop all’electro, sarò sempre un grande sostenitore di coloro che vivono la musica con professionalità e la colmano di alta qualità. W la buona musica! =)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here