La scena Hip-Hop italiana in passato ha avuto pochi episodi di originalità, e altrettanto poche occasioni di successo in ambito mainstream rispetto ad altri generi, però c’è da dire che negli ultimi 2-3 anni il fermento è in continua crescita, e sono tanti i progetti e gli artisti che cercano di farsi notare, qualcuno di loro è passato in pochi anni dall’anonimato alla fama nazionale (almeno tra il pubblico più giovane).

Tra i candidati che si stanno facendo notare di più  in questo periodo ve ne segnaliamo due: il primo risponde al nome di ENTICS, classe 1985, milanese di nascita ma di origini sarde, che sul finire dello scorso anno è uscito con il suo primo album con una major, arrivato dopo una lunga serie di mixtapes.

Il ragazzo, cresciuto nell’ambito dell’hip-hop milanese, si è contraddistinto fin dal suo primo lavoro autoprodotto per la scelta di fondere sonorità e ritmiche hip-hop con quelle del reggae, ed anche con questo ultimo Soundboy è riuscito a fare altrettanto, anche se ad un primo ascolto il prodotto che ne è venuto fuori sembra abbastanza ammorbidito da un’attitudine molto pop. Nato da una collaborazione con quello che sembra essere al momento uno dei motori del settore (il sig. Fabri Fibra) che lo ha fatto firmare per la sua Tempi Duri Records, l’album ha già dato la luce a 3 singoli: “Click”, pezzo che ha avuto un buon riscontro attraverso la rete, anche con il video che ha superato i 3milioni di views), e a seguire “Quanto Sei Bella” e la title-track “Soundboy” con il featuring di Biggie Bash, voce del gruppo reggae italiano BoomDaBash. E questa non è l’unica collabo che è presente nell’album, anzi in Soundboy (probabilmente grazie all’intercessione di Fibra) sono presenti i nomi noti di Marracash,  Guè Pequeno e Jake La Furia from Club Dogo ed Ensi.

Il secondo ragazzo che si è fatto notare ultimamente è FEDEZ,  ancora più giovane e cresciuto anche lui a Milano, è uscito lo scorso autunno con l’album “Il mio primo disco da venduto” perTanta Roba (l’etichetta di Gue Pequeno e DJ Harsh) dopo una lunga serie di esperienze di totale autoproduzione, dai mixtape a dei veri street-album fino ai video. Anche nel suo caso la spinta è venuta da un lato dalla rete, grazie ai tanti click su youtube, alla costante presenza social e alla distribuzione gratuita proprio dell’ultimo album, e dall’altra dal nuovo contratto discografico che gli ha permesso di avere ospiti nell’album moltissimi nomi della scena, come J-Ax, i Club Dodo, Marracash, i Twofingerz, Shablo, Entics. Rime abbastanza polemiche e basi che sembrano tendere verso l’elettronica, il suo ultimo singolo che riportiamo sotto è “Jet Set”: mentre sta ancora promuovendo questo album attraverso date in giro per il paese, sta già lavorando per un nuovo progetto che uscirà entro l’anno.

E nella prossima puntata altri ragazzi – anche segnalati da voi – che si stanno facendo notare sulla scena hip-hop italiana. Quali sono al momento i vostri artisti preferiti?

20 Commenti

  1. A livello vocale, per quanto concerne, e quello musicale preferisco Entics. A livello testuale l’altro, anche se non l’ho quasi mai ascoltato. A me personalmente il Rap italiano piace, non tanto per l’approccio alla musica (per me è opinabile pure chiamarla così) ma per il significato che si da al testo. E’ un’ottimo strumento di denuncia e all’italia, TROPPO ignorante, serve.. Sono chiarificatori di eventi e fatti importanti e per me va promossa tantissimo. Sopratutto a noi che, antipatriottici come siamo, escludiamo la “nostra” musica (pregiata e non) da quella di qualità innalzando sempre le star inarrivabili di altri paesi (in particolare gli USA) dimenticando la qualità che ci ha, però, sempre contraddistinti rispetto a chiunque altro. Chiunque.

  2. In risposta a Andre Young Fedez non è universal ed è della best sound, entics è sony, club dogo non sono della zukar e salmo è di tanta roba..ne hai azzeccati 2 su 6…e la visibilità ai piccoli l hanno data i successi di j-ax dogo e fibra..quanta ignoranza c’è nell aria?

    • Quotone ad Andre Young. Che credo abbia solo peccato di imprecisione, Pippo: Entics sarà della Sony, ma il suo manager e produttore esecutivo è Paola Zukar. I Dogo sono sotto Universal, oltre che anche la Tanta Roba Label… è tutto collegato e il merito va per la maggior parte a questa grandissima donna che è nell’Hip Hop da anni! Big Up per Paola!

  3. Se il Rap italiano sta crescendo ed è arrivato anche al grande pubblico, il merito non è solo degli artisti, ma anche di una persona che è stata fondamentale per aver portato in alto quasi tutta la scena. Sto parlando di Paola Zuckar. Se Entics, Fedez, Marracash, Club Dogo, Fabri Fibra, Salmo e altri nomi che non sto a scrivere sono dove sono è anche per merito suo. L’originalità c’è sempre stata, perche si sono spaccati sempre tutti per portare questa musica in alto. Mancava la visibilità. E lei ha dato visibilità. Se ci fate caso, gli artisti sopra citati vengono tutti da Universal Music. Quanta ignoranza c’è nell’aria? Le parole “Commerciale”, “Venduto”, mettetevele in quel posto. Avete voluto il rap in alto? Ora bisogna continuare a tenerlo alto. Altrimenti rispecchiate proprio quella massa di italiani che si lamentano sempre e non sta bene mai un ca**o. “Lo spettacolo è finto di brutto, hanno tutti capito il trucco. Tranne Te.”

  4. fedez è simpatico e comico! entics mi piace la base ma il testo fa un po pena! direi che il rap all’italiana non si può sentire in genere, non che il made in usa abbia dei testi chissacche ma almeno la lingua è musicale! direi che in italia funziona il melodrammone lirico classico in america ha più senso il genere rap (l’hanno inventato loro!) chi andrà avanti? entrambi!

  5. Entics non lo considero un rapper e Fedez a parte pochissime cose non mi piace proprio per la sua attitudine truzza e all’uso dell’elettronica… il migliore attualmente è Marracash! Ovviamente!

  6. Mhhhhhh………..allora……….. Dopo questa lunga riflessione andrò a guardarmi il Minster ball Tour live at Madison Square Garden

    • Se il Rap italiano sta crescendo ed è arrivato anche al grande pubblico, il merito non è solo degli artisti, ma anche di una persona che è stata fondamentale per aver portato in alto quasi tutta la scena. Sto parlando di Paola Zuckar. Se Entics, Fedez, Marracash, Club Dogo, Fabri Fibra, Salmo e altri nomi che non sto a scrivere sono dove sono è anche per merito suo. L’originalità c’è sempre stata, perche si sono spaccati sempre tutti per portare questa musica in alto. Mancava la visibilità. E lei ha dato visibilità. Se ci fate caso, gli artisti sopra citati vengono tutti da Universal Music. Quanta ignoranza c’è nell’aria? Le parole “Commerciale”, “Venduto”, mettetevele in quel posto. Avete voluto il rap in alto? Ora bisogna continuare a tenerlo alto. Altrimenti rispecchiate proprio quella massa di italiani che si lamentano sempre e non sta bene mai un ca**o. “Lo spettacolo è finto di brutto, hanno tutti capito il trucco. Tranne Te.”

  7. Entics si è venduto per la commerciale, io l’ho ascoltato da amici fan di tutti e 2, prima faceva musica molto più caratteristica, poi se ne è uscito con quella robetta di click mi chiedi se la faccio con te ah ah , ma cosa sei va bhè, Fedez è molto più bravo, porta temi molto più importanti e basi più ricercate, versi di molto migliori e poi mischia molti generi, non sono un amante del genere ma ho imparato a conoscerli…
    Chi andrò avanti? Fedez!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here