charli-xcx

Continua l’avventura da artista indipendente di Charli XCX. A poche settimane dalla release del suo EP “Vroom Vroom” (QUA PER LA NOSTRA RECENSIONE), l’artista ha ben pensato di presentarci una canzone inedita attraverso una performance eseguita in concerto. Il brano si intitola “Round and Round” ed è un’incalzante up tempo synthpop/EDM dal ritmo potente e travolgente ma la cui produzioni in alcuni tratti potrebbe forse farsi troppo invasiva in un’eventuale studio version.

A tratti ci ricorda lo stile portato avanti da una certa Britney Spears negli album “Femme Fatale” e “Britney Jean”, e la stessa Charli sembra mirare ad un effetto del genere anche con l’interpretazione vocale. Dal punto di vista tecnico, la sua esecuzione vocale ci sembra abbastanza buona, ottima per i suoi standard, tuttavia bisogna considerare che l’audio non è proprio perfetto in tutti i punti.

Si è tenuto ieri sera l’edizione del 2016 dell’evento benefico britannico Sport Relief. Come gran parte degli eventi di questo genere che si susseguono in giro per il mondo, anche Sport Relief cerca di invogliare i suoi spettatori di donare soldi per scopi benefici anche proponendo un buon spettacolo musicale. Quest’anno, gli artisti che hanno deciso di partecipare alla causa sono stati James Bay e Birdy.

Per quanto riguarda James, l’artista ci ha offerto due esibizioni: una del suo ultimo singolo “Running”, traccia creata appunto come inno per sostenere l’evento (ed il cui ricavato sarà dunque devoluto in beneficenza” e “Let It Go”, singolo estratto invece dal suo album “Chaos and the Calm”.

Entrambe le performance sono state eseguite benissimo vocalmente: James fa un utilizzo magnifico della sua timbrica, e dimostra un grande controllo vocale che gli permette di mantenere la voce ben salda sia sulle note più alte che su quelle più basse. Ottima anche l’esecuzione strumentale dell’artista, il quale ha suonato la sua chitarra acustica mentre cantava.

Per quanto riguarda Birdy, l’artista non ha sfruttato l’occasione per promuovere il suo ultimo album (in uscita venerdì prossimo), ma ha cantato invece un suo singolo risalente al precedente lavoro “Fire Within”: la bellissima “Wings”, canzone scritta insieme al grande Ryan Tedder. Anche Birdy si è occupata sia della parte vocale che di quella strumentale suonando il piano mentre cantava: ciò le ha permesso di proporci un’esibizione magnifica, in cui la bellezza della sua voce si intersecava alla perfezione con il suono del pianoforte.

Le emozioni scolpite nei versi di questa canzone ci sono arrivate al cuore con decisione, riuscendo addirittura a commuoverci. Tanto di cappello a questa ragazza, interprete ed autrice dal grande talento che a nostro avviso meriterebbe molto più successo di quanto ne abbia ottenuto finora.

Passiamo ora alle All Sainst. Le ex rivali delle Spice Girls si sono recate da Chatty Man per eseguire la prima performance televisiva del loro bellissimo ed inatteso comeback single “One Strike”. Una performance sicuramente buona dal punto di vista tecnico, ma che da quello interpretativo non è riuscita ad arrivare più di tanto. Queste 4 donne sanno fare di meglio e ce lo hanno dimostrato innumerevoli volte nel loro periodo d’oro, dunque speriamo che dopo un po’ d’esercizio riusciranno a tornare al livello al quale ci hanno abituato.

  • Il pezzo di Birdy è FAVOLOSO e “One Strike” delle All saints DIVINA.

  • Liuk

    James Bay è qualcosa di illegale, fenomenale.

  • Travis

    Le All saints dovrebbero essere essere un esempio per le spice…Che bello rivederle esattamente come un tempo.

    • SE SI MUOVESSERO ANCHE LE SPICE, INFATTI…Pero’ rispetto alle Saints hanno “più da perdere”…

      • Travis

        In linea di massima hai ragione… anche se oggi nemmeno le spice girls hanno un granchè da perdere

      • In pratica è vero, in teoria no…perchè hanno dei record e una certa discografia di un certo tipo…e se dovessero avere un singolo al #50 o robe così..sai che smacco nella lista della girl band piu famosa di tutti i tempi con circa 100 milioni di dischi venduti?XD Già con Headlines (che per me è bellissima) che arrivò solo al #11 in UK fu scioccante, infatti secondo me fu per quello che non ci furono altri singoli. Il disco, in complesso, non fu un flop, il GH vendette bene, ma si resero conto che avevano paura di pubblicare musica secondo me.

        Una cazzata eh…pero’ obiettivamente le All saints hanno gia’ avuto risultati non fantastici in precedenza, meno #1s, meno record e fondamentalmente se le ricordano solo chi le hanno ascoltate negli anni…le Spice le conoscono TUTTI, anche quelli che non le hanno vissute, anche i ragazzi di adesso che sono completamente fuori Spice da na vita XD

      • Travis

        Certo hai ragione. Ma solo se si pensa in termini di record e vendite. Nessuno si aspetta da loro chissà cosa, anzi tutti sappiamo che i numeri che farebbero sarebbero minimi. Sta di fatto che se pensiamo solo in termini di canzoni, nude e pure, proprio composte per esibirsi e mostrare al mondo la propria musica (per me dovrebbe esistere solo questo tipo di musica, classifiche e vendite sono un’altra cosa) le Spice potrebbero ancora fare e dire molto, proprio come le All Saints. E in questo caso non avrebbero da perdere niente, a mio avviso.

  • Yoncé (#R8)

    Charli è molto migliorata rispetto ai tempi di Sucker! Meno male!